By Erin Holloway

10 attivisti chicana che hanno combattuto per la parità di diritti nel movimento chicano

Attivisti chicana Movimento chicano

Foto: Instagram/@thepi.nkfactory/@weexist.ttc/@doloreshuerta


Cesare Chavez . Rodolfo Corky Gonzales. Reies Tijerina. Riconosciamo questi nomi come leader del Movimento Chicano degli anni '60 e '70. Ma che dire delle donne che sono state determinanti nella lotta per la parità di diritti per chicanos e latinos? Come praticamente ogni altro movimento importante nella storia, i nomi, le storie e i contributi delle donne sono spesso oscurati da quelli delle loro controparti maschili.

Di fatto, Chicane hanno scoperto di essere discriminati e di non essere ascoltati nelle loro stesse comunità, quindi un Movimento Chicana/Chicana Femminismo è sorto in sé e per sé. Vogliamo sottolineare queste donne messicano-americane che non solo hanno tenuto duro in modo che gli uomini potessero fare mosse per la giustizia, ma hanno anche fatto più della loro giusta parte per vedere che l'uguaglianza per chicanos e latinos non era solo un desiderio, ma un realtà.

Helen Chavez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da NationalChavezCenter (@nationalchavezcenter)

Dietro ogni grande uomo, c'è una grande donna. Questo è stato sicuramente il caso di Cesar Chavez e di sua moglie Helen. La chicana e il leader dei diritti civili messicano-americani si sposarono nel 1948 e continuarono ad avere otto figli, 31 nipoti e 16 pronipoti. Anche Helen Chavez è stata coinvolta nella causa di suo marito che combatteva per i diritti dei lavoratori agricoli migranti. Si è offerta volontaria presso la Community Service Organization (CSO), ha tenuto corsi di alfabetizzazione per i lavoratori migranti e li ha aiutati a ottenere la cittadinanza statunitense, ha lavorato come contabile per la National Farmworkers Association e capo della sua unione di credito, e ha preso parte a manifestazioni. Tutto questo oltre a lavorare fino a 10 ore per sostenere la sua famiglia.

Dolores Huerta

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Dolores C. Huerta (@doloreshuerta)


Dolores Huerta è il nome più noto nell'attivismo di Chicanx che lotta per i diritti dei lavoratori agricoli migranti. Il leader sindacale era in prima linea nei grandi cambiamenti e al timone della nascita di nuove organizzazioni ormai leggendarie. Huerta ha co-fondato il Stockton capitolo della Community Service Organization (CSO) nel 1955, e nel 1962, con Cesar Chavez, ha co-fondato la National Farm Workers Association (NFWA), che è diventata la United Farm Workers' Union (UFW). Huerta ha anche contribuito a organizzare il famoso Delano Grape Strike del 1965 ed è stato il principale negoziatore del contratto che è risultato da questa lotta.

Gloria Arellanes

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kaz Matamura (@kazmatamura)

Gloria Arellanes ha lavorato con il Neighborhood Adult Participation Project, è stata Ministro delle Finanze e della Corrispondenza dei Chicano Brown Berets (presso il loro fondazione capitolo East LA, dove ha anche curato il loro Il Causa quotidiano), ha servito come amministratore presso la clinica libera El Barrio ed è stato anche membro del Comitato nazionale per la moratoria di Chicano. Oltre a tutto questo, Arellanes ha anche co-fondato l'organizzazione chicana per i diritti civili La Adelitas de Atzlan.

Francesca Flores

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Unión del Barrio (@uniondelbarrio)

Attivista, femminista ed editrice Francesca Flores ha appreso della rivoluzione messicana dalle donne veterane con cui ha vissuto mentre era confinata nel sanatorio di Vauclain TB (tubercolosi). Questo l'ha ispirata a creare Hermanas de la Revolucion, un gruppo in cui le donne potevano parlare liberamente di politica. Da lì, Francisca Flores si è unita allo Sleepy Lagoon Defense Committee, ha contribuito a fondare la Mexican American Political Association (MAPA), ha co-fondato la Comision Feminil Mexicana Nacional e ha curato la rivista femminista Rigenerazione .

Enriqueta Vasquez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Blaize Sun (@rubbertrampartist)

Enriqueta Vasquez ha lasciato il segno per prima quando ha lavorato presso l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Denver, come primo Chicano nel Dipartimento di Giustizia. Si è impegnata ad assegnare giudici che sarebbero stati equi e solidali con i Chicanx sotto processo. Enriqueta iniziò quindi a organizzarsi con il GI Forum, divenne vicedirettore di SER (Service, Employment, and Redevelopment) e aiutò Rodolfo Corky Gonzales a candidarsi a sindaco di Denver. Era una delle sole due donne che si opposero al Roccioso Montagna Notizia , picchettaggio dopo la pubblicazione di un articolo razzista contro Chicanos. Vasquez è stato anche co-fondatore e scrittore per Il grido del nord , gestiva il Vincent Ranch e fondò l'organizzazione Hembras de Colores.

Marta Cotera

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da The Pink Factory (@thepi.nkfactory)


Martha Cotera è una scrittrice, bibliotecaria e attivista, ha scritto Cortera Diosa y Hembra: la storia e il patrimonio di Chicanas negli Stati Uniti , e Il chicana Femminista . È stata anche coinvolta con l'Associazione politica delle organizzazioni di lingua spagnola (PASSO), ha lavorato con il movimento dei lavoratori agricoli, ha co-formato Texans for Educational Advancement for Mexican Americans (TEAMS), ha contribuito a fondare il Jacinto Trevino College, ha co-fondato Mujeres por La Raza Unida, ha co-fondato il Texas Women's Political Caucus e ha fondato il Chicana Research and Learning Center senza scopo di lucro.

Anna Nieto-Gomez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da La FUERZA Student Association (@lafuerzacsulb)

Anna Nieto-Gómez è un altro volto di spicco nella lotta per l'uguaglianza di Chicanx. Nel 1971, l'educatore e attivista ha fondato il gruppo e il giornale Figlie di Cuauhtemoc mentre ero studente alla CSU Long Beach. È stata anche votata come prima presidente donna del Movimiento Estudantil Chicano de Aztlan (MEChA), è stata coinvolta nella prima organizzazione degli studenti messicani uniti (UMAS) e ha continuato a insegnare corsi di studi chicano alla CSU Northridge.

Judith Hernandez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da annmurdy (@dalhiasdelightme)

Arte e attivismo sono sempre andati di pari passo. Le immagini audaci ritraggono le ingiustizie che accadono nei barrios, gli eroi che aiutano a creare il cambiamento e la speranza che ci fa andare avanti. Judith Hernandez , entrato a far parte del Movimento Chicano, è un artista notevole che è stato un membro fondatore della Chicano Art/L.A. Movimenti murali. In 1974 , è diventata l'unica donna e il quinto membro del collettivo di artisti chicano Los Four. Judithe ha anche collaborato con El Teatro Campesino, sostenitore degli United Farm Workers, ed era membro del Concilio de Arte Popular (CAP), il tutto con il collega, amico e collaboratore dei Los Four Carlos Almaraz.

elisabetta martinez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da We Exist (@we.exist_)

Attivista, organizzatrice, femminista, educatrice e autrice Elizabeth Beita Martinez è un altro nome notevole nei Movimenti Chicano/Chicana. Ha scritto diverse opere, tra cui 500 Anni di Chicano Storia in Immagini e De Colores significa tutti noi: vedute di Latina per un secolo multicolore . Martinez ha anche lavorato per il Segretariato degli Stati Uniti nella ricerca sulla colonizzazione e la decolonizzazione in Africa, ha prestato servizio con lo Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC; una delle sole due latine) e ha co-fondato un giornale a sostegno dell'Alianza Federal de Mercedes chiamato Il grido del nord. L'elenco potrebbe continuare, ha anche co-fondato e diretto il Chicano Communications Center e ha insegnato studi etnici e studi sulle donne all'Hayward State.

Gloria Anzaldua

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da We Exist (@weexist.ttc)


Gloria Anzaldúa era una poetessa, autrice e attivista chicana, che ha usato le parole per trasmettere la sua esperienza di donna LGBTQ cresciuta al confine tra Messico e Texas nel suo lavoro più famoso, Borderlands/La Frontera: La Nuova Mestiza. La sua visibilità faceva sentire gli altri visibili e rappresentati in un periodo in cui ciò era estremamente raro in letteratura. Anzaldúa affronta anche temi come la cultura di confine, la cultura Chicanx, il femminismo, il meticciato, la teoria queer e la spiritualità.

Articoli Interessanti