By Erin Holloway

11 Ingredienti latinoamericani I nostri antenati usati negli alimenti

Cibi ancestrali America Latina

Foto: Wotancito/WikiCommons


I molti paesi in tutto America Latina hanno ospitato a lungo un terreno fertile e, per secoli, Popolazioni indigene usavano tutto quello che potevano per nutrirsi. I nostri antenati potrebbero aver lavorato duramente per trovare, preparare e conservare il cibo, ma nel frattempo hanno imparato molto sulla terra che li circonda e sui benefici delle numerose piante originarie dell'America centrale e meridionale, nonché dei Caraibi.

Molti dei nostri cibi ancestrali sono diventati piuttosto popolari negli Stati Uniti, grazie alla loro densità nutritiva e ai benefici per la salute. Mentre alcuni di loro non li mangiamo regolarmente, ce ne sono molti che sono stati a lungo elementi fondamentali della nostra cucina. Qui condividiamo undici ingredienti ancestrali che i nostri antenati usavano nel cibo, alcuni dei quali potresti già mangiare e altri che dovresti provare a incorporare nella tua dieta. Sono anche prontamente disponibili nella maggior parte dei negozi e/o online.

Cactus

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Yo Salud Total Health Coaching (@yosaludtotal)

Vari tipi di cactus sono stati utilizzati come fonte di cibo dagli indigeni in tutto il Centro e Sud America. Sono assolutamente ricchi di vitamine e minerali come calcio, magnesio e vitamina C e sono una buona fonte di idratazione. I nativi li mangiavano spesso crudi o bolliti e passati, ma sono deliziosi saltati nell'aglio o tagliati a pezzi in piatti in umido e nei tacos.

Piantagione

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ⓣⓡⓞⓟⓘⓒⓐⓛ Ⓙⓔⓡⓚ (@tropicaljerk)


I platani crescono nei climi tropicali e sono originari di molti paesi del mondo. Da allora sono stati ampiamente coltivati ​​e consumati in tutto il Nord America e nei Caraibi tempi preistorici, e sono ancora onnipresenti in molti paesi caraibici. Sono ricchi di sostanze nutritive come la vitamina C e la vitamina B6 e, essendo un alimento ricco di amido, sono piuttosto sazianti. Tradizionalmente venivano bolliti e schiacciati o addirittura disidratati e trasformati in farina, ma oggi la frittura è la preparazione preferita.

Avocado

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Josfoodpalette (@joannasardella)

A questo punto lo sappiamo tutti avocado sono considerati un superfood. Sono pieni di grassi sani, fibre, vitamina C, vitamina B6 e magnesio e, naturalmente, hanno un sapore delizioso. Secondo quanto riferito, gli indigeni credevano che il frutto cremoso potesse migliorare la forza e la fertilità e in genere lo mangiavano purè, proprio come continuiamo a fare oggi.

amaranto

Visualizza questo post su Instagram

A post shared by Jeanne Ponessa Fratello (@jollytomato)

L'amaranto è un cereale intero incredibile e genuino che veniva utilizzato dagli Aztechi come fonte di cibo e per cerimonie religiose. Ha una consistenza simile alla quinoa e ha molti degli stessi vantaggi. I nativi avrebbero anche trasformato l'amaranto in una farina, ma anche le verdure sono commestibili, quindi avrebbero utilizzato anche quelle. Oggi potresti preparare l'amaranto come cereale caldo per la colazione o usarlo cotto in insalata.

Achiote

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mercado Latino (@mercadolatino.de)

Oggi usiamo l'achiote (annatto) più o meno allo stesso modo dei nostri antenati... come colorante! L'achiote è comunemente usato per colorare piatti di riso, stufati e impasti in tutta l'America Latina. È un seme, quindi in realtà contiene un po' di proteine ​​ed è noto che lo abbia antiossidante e antimicrobico proprietà, quindi è stato utilizzato anche in medicina nelle culture tradizionali. Tipicamente, facciamo sobbollire i semi in un olio neutro per colorare l'olio, che viene poi utilizzato in vari piatti. In alternativa, può essere macinato in polvere e usato come spezia.

Cacao

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da NearyNógs Chocolate Makers (@nearynogschocolate)


Il cacao naturale è davvero così buono per te! Ha tutto il sapore profondo del cioccolato senza lo zucchero ed è un'ottima fonte di un mucchio di minerali tra cui ferro, magnesio, manganese e rame. Proprio come ci godiamo oggi, Maya e Aztechi faceva una bevanda con cacao essiccato e spezie. I Maya lo preferivano caldo e gli Aztechi freddo. I granelli di cacao sono disponibili in commercio e possono essere aggiunti a frullati, prodotti da forno, avena, ecc. Acquista cacao macinato non zuccherato per fare la cioccolata calda e magari aggiungi un po' di cannella per dolcezza, se lo desideri.

Chayote

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Culture Focused Nutrition (@eatwellexchange)

Chayote, che è un membro della famiglia delle zucchine, era in realtà coltivato da Aztechi e Maya in America Centrale. La zucca dolce è ricca di acqua idratante, fibre, vitamina C e vitamine del gruppo B, ed è eccellente tritata e cotta in stufati o saltati in padella. È una verdura molto versatile che assume il sapore di tutto ciò con cui viene cucinata, quindi puoi aggiungerla alla zuppa o semplicemente arrostire in padella con le tue spezie preferite.

Quinoa

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da EN LO DE JUANA (@enlodejuana)

La quinoa è un altro cereale antico super nutriente che arriva direttamente dall'America Latina, Perù, per essere più precisi. Sebbene molti di noi non ne abbiano mai sentito parlare fino a quando non è diventato popolare durante il movimento dei superfood iniziato diversi anni fa, è in circolazione da sempre in America Latina. Il minuscolo granello è una proteina completa ricca di fibre, vitamine del gruppo B, zinco e molti altri nutrienti. Può essere preparato proprio come il riso, macinato in un fiore, mangiato in insalata e persino usato come cereale caldo per la colazione.

Hominismo

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Darrell E. RisonChu (@officialdrisonchu)

Hominy è come uno degli alimenti trasformati originali tramandati dai nostri antenati. Ma, in senso buono! Il cereale delizioso e gommoso che amiamo mangiare in pozole è in realtà una forma di mais che è stato messo a bagno per ammorbidire il guscio esterno duro e arrivare al chicco più morbido all'interno. Gli indigeni usavano gli alcali dalla cenere di legno per il processo, e oggi viene utilizzata acqua di calce o liscivia. L'omelia può quindi essere aggiunta agli stufati, condita, riscaldata e servita, essiccata e trasformata in semola o farina di mais. Hominy è una buona fonte di ferro, fibre e magnesio.

Manioca

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Teresa Vivancos ‍ (@teresa_vivancos)


La manioca (yuca) era un pilastro nella dieta di molti indigeni in tutta l'America Latina ed è ancora ampiamente utilizzata oggi, in particolare a Porto Rico e nella Repubblica Dominicana. È un'ottima fonte di potassio e vitamina C. Era molto comune stufato dai Taino , come lo è ancora oggi, in piatti come il sancocho, ma può essere cucinato in molti modi anche per essere consumato come patatine fritte, come masa per i pastelli o lessato e incluso in un'insalata.

Zenzero

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Laine (@lainey_lately)

Anche se non siamo sicuri che abbia ricevuto la designazione ufficiale di superfood, ci piace pensare che lo sia lo zenzero. Nella cultura Latinx è usato spesso in medicina, tipicamente preparato come tè. I nativi lo usavano in modo simile e lo usavano cibo di stagione proprio come facciamo anche noi oggi. E 'stato anche usato frequentemente dagli indigeni per medicare le ferite. Si consiglia di utilizzarlo in prodotti da forno, latte macchiato, tè e per condire piatti come curry e patatine fritte.

Articoli Interessanti