By Erin Holloway

11 Transgender latine che rafforzano la comunità LGBTQIA

attivisti trans latini

Foto: Instagram/@wond3rwoman1


In America, 1,4 milioni di persone si identificano come transgender ma nonostante la forza dei numeri, la comunità continua a subire molestie e pregiudizi. Gli attivisti hanno lavorato per decenni per promuovere diritti trans e aumentare la visibilità in un ambiente in cui essere visti da soli è pericoloso. Questo elenco presenta alcuni dei leader Latinx più importanti nel movimento transgender, che sono stati coinvolti nel movimento e la cui voce e la cui stessa esistenza agli occhi del pubblico hanno fatto la differenza. Da pionieri come Bambi Salcedo a donne millenarie come Joanna Cifredo, il cui podcast e cabaret forniscono nuovi modi per conoscere la comunità, queste donne stanno vivendo coraggiosamente le loro verità e dando potere agli altri lungo la strada.

Nava Mau

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Nava Mau (@navamau)

Il regista e artista messicano-americano Nava Mauha debuttato alla regia quest'anno con il suo cortometraggio Ora di veglia , di cui ha anche scritto, prodotto e interpretato. Il film è stato ispirato dalle sue stesse esperienze di frequentazione di una donna trans latina, affrontando la transfobia e la questione del consenso. La campagna di crowdfunding ha finanziato il film che includeva una troupe composta in gran parte da persone di colore queer e trans.

Anch'io sono una giovane donna trans che sta ancora risolvendo i conflitti tra la mia verità e le realtà di questo mondo. Questa storia è molto personale per me, comunque Ora di veglia è diventato personale per più persone di quanto avrei potuto immaginare come regista per la prima volta, ha scritto sul suo sito .

Jennifer Gutierrez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jennicet Gutiérrez (@jennicetguti)


L'attivista messicana Jennicent Gutiérrez è uno dei membri fondatori di Famiglia: Movimento di Liberazione Trans Queer , un'organizzazione che sostiene la liberazione di LGBTQ Latinx e la costruzione di comunità e la promozione dell'istruzione. Gutiérrez ha attirato l'attenzione quando ha interrotto il presidente Obama durante una cena alla Casa Bianca chiedendo il rilascio degli immigrati LGBTQ dalla detenzione. In seguito a quell'evento, i funzionari dell'immigrazione hanno annunciato che i detenuti dell'immigrazione sarebbero stati alloggiati in base alla loro identità di genere. Si dedica alla raccolta fondi e alla promozione dei diritti delle donne transgender di colore che si trovano ad affrontare ambienti non sicuri nei centri di detenzione. Gutiérrez è venuta negli Stati Uniti quando aveva 15 anni e sta cercando di diventare una residente permanente.Avevo paura di essere arrestato e deportato, ma ora che ho affrontato il presidente ho rotto una catena di paura e vergogna, ha detto Gutiérrez.

Rubino Corrado

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Intersectional Feminists (@thefeministuniverse)

L'attivista salvadoregno Ruby Corado ha fondato il centro LGBTQ Casa Rubino a Washington, DC, lavorando per combattere la discriminazione e le molestie subite dalla comunità LGBTQ. Il centro, l'unica organizzazione LGBTQ bilingue e multiculturale a Washington, è un rifugio per chi ha bisogno di servizi legali, cibo, vestiti, assistenza sanitaria, formazione professionale e alloggi di transizione.Corado faceva parte della Coalition to Clarify the DC Human Rights Act - ribattezzata DC Trans Coalition - che ha cambiato il DC Human Rights Act per includere protezioni per l'identità o l'espressione di genere. Ad ogni persona transgender chi è seduto a casa a dubitare del proprio futuro, io sono qui per garantire che andrà tutto bene,ha detto in una conferenza stampa.

Bambi Salcedo

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Bamby Salcedo (@labamby)

Bambi Salcedo è uno dei più importanti attivisti trans e fondatore/presidente di [email protetta]Coalizione a Los Angeles. Salcedo, nato in Messico, sostenitore degli immigrati trans latini e di coloro che vivono con l'HIV e l'AIDS. Nel 2015 ha organizzato una manifestazione con più di 100 attivisti transinterrompere la sessione di apertura dell'annuale della National LGBTQ Task Forceconferenza per protestare contro la violenza contro le persone transgender. È anche co-fondatrice del Center for Violence Prevention & Transgender Wellness, un centro multiservizi per la comunità trans di Los Angeles. In precedenza ha lavorato per otto anni presso il Children's Hospital di Los Angeles come coordinatrice dei servizi di educazione sanitaria e prevenzione dell'HIV.

Giovanna Cifredo

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da JOANNA CIFREDO (@joannacifredo)

L'attivista portoricana Joanna Cifredo è stata un'importante sostenitrice che ha dedicato il suo tempo e i suoi sforzi a elevare la comunità trans così come i portoricani. In precedenza ha lavorato per Empoderate, un centro comunitario bilingue a Washington per la comunità gay e trans ed è stata tutta laambasciatore del marchio presso il DC Rape Crisis Center per alimentare una cultura del consenso.È la direttrice del programma per Campo Albizu per i bambini a Porto Rico, un campo che ha immaginato e per il quale ha fatto una campagna. Attualmente è la co-conduttrice di Podcast di partenariato specifico trans discutendo le politiche di genere e sessualità con Rebecca Kling.

Leiomy Maldonado

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Leiomy (@wond3rwoman1)


Afro-portoricano Leiomy Maldonado ha guadagnato fama come la prima donna apertamente trans ad apparire su MTV La migliore squadra di ballo d'America nel 2009 come parte della crew di danza apertamente gay Vogue Evolution. Il suo caratteristico capovolgimento di capelli è diventato noto come The Leiomy Lolly e ha lavorato con Willow Smith, FKA Twigs e ha persino ballato per una mostra speciale al famoso Museum of Modern Art di New York. Ha anche recitato nella pubblicità #BeTrue di Nike, diventando la seconda atleta trans presente in una pubblicità video Nike. Attualmente lavora come coreografa per le scene di ballo da sala nella serie TV Posa .

Maria Lopez

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da SEX ED & SUPPORT FOR ALL YOUTH (@hitops_princeton)

L'attivista ed ex prostituta Mariah Lopez è stata direttrice esecutiva della Strategic Trans Alliance for Radical Reform (STARR).La nativa newyorkese è stata mentore di Stonewall e della pioniera dei diritti trans Sylvia Rivera, che l'ha aiutata a diventare unadifensore dei diritti di genere. All'età di 17 anni, è stata eletta alla New York Association for Gender Rights Advocacy.Nel 2005 è stata arrestata per prostituzione e le è stato ordinato di sottoporsi a un controllo genitale e quando ha rifiutato è stata mandata in un carcere maschile dove ha subito abusi e molestie. Da allora ha lavorato per avere strutture sicure in prigione eha contribuito ad aprire la prima unità abitativa transgender a Rikers Island, la più grande prigione d'America, nel 2014.

Diane Marie Rodriguez Zambrano

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da El Gringo Loco (@brooklyngringo)

L'attivista ecuadoriana Diane Marie Rodríguez Zambrano è diventata la prima candidata apertamente trans a candidarsi nel suo paese d'origine. Lei è attualmentela sedia transgender di Associazione Silueta X , un'organizzazione no-profit che aiuta i giovani e gli adulti trans e rappresentante dell'Osservatorio LGBTI dell'Ecuador. Nel maggio 2013 ha lanciato un centro sicuro specializzato nell'assistenza LGBTQ diventando il primo del suo genere nel paese. Nel 2009, ha pubblicato il primo personaggio dei fumetti transgender chiamato Victor Victoria.Ha anche lanciato Mi Género Mi Cédula con organizzazioni trans, tra cui Project Transgender, per promuovere i cambiamenti dell'identità di genere nelle carte d'identità.

croce vittoriana

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Megan R. Chapman (@megzulu)

L'attivista portoricana di lunga data e prominente trans latina Victoria Cruz ha una lunga storia con il movimento. Ha partecipato alla prima marcia del Gay Pride nel 1970 e ha conosciuto le pioniere trans Martha P. Johnson e Sylvia Rivera. Era anche allo Stonewall Inn al momento dei disordini. Mentre lavorava per una casa di cura è stata aggredita da quattro colleghe e attraverso l'aiuto del Progetto Antiviolenza ha parlato e due delle donne sono state condannate. Ha poi iniziato a lavorare per il Progetto Anti-Violenza, arrivando fino adiventando il consulente e sostenitore senior della violenza domestica del gruppo. È stata premiata nel 2012 da allora, procuratore generale degli Stati Uniti Eric Titolare, per il suo servizio e può essere visto nel documentario La morte e la vita di Marsha P. Johnson.

Felicia Elizondo

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jordan Reznick (@jrezzle)


Felicia Elizondo è un'attivista sieropositiva che sostiene i diritti LGBT dagli anni '60, quando ha partecipato a Compton's Cafeteria Riots, una storica rivolta LGBT che ha preceduto Stonewall. L'ex prostituta è stata diagnosticata nel 1987 e da allora è stata coinvolta nell'attivismo contro l'HIV/AIDS oltre al suo attivismo per le donne trans di colore. È stata nominata Grand Marshal alla carriera della San Francisco Pride Parade del 2015. Conosciuta come pioniere, sopravvissuta all'AIDS e veterana della guerra del Vietnam (prima della sua transizione), ha scritto una lettera alla comunità LGBT detto,Per favore, non dimenticare tutti coloro che sono venuti prima di te. Devi sapere dove sei stato per sapere dove stai andando.

Raffi Freedman-Gurspan

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sons & Brothers (@sonsandbros)

Raffi Freedman-Gurspan è la prima persona apertamente trans a lavorare come membro dello staff della Casa Bianca. Nata a Intibucá, in Honduras nel 1987, è stata adottata da una coppia ebrea americana e cresciuta in Massachusetts. Si identifica come indigena centroamericana ed ebrea. Inizialmente si è dichiarata gay quando aveva 12 anni e da quel momento in poi è stata coinvolta nel movimento. È stata anche la prima collaboratrice legislativa apertamente transgender a lavorare alla Camera dei rappresentanti del Massachusetts. Attualmente è direttrice delle relazioni esterne presso il National Center for Transgender Equality a Washington, DC. Parità di trattamento e giustizia per quelli che sono vulnerabili nella società è sempre stato solo in prima linea nella mia infanzia,ha detto a MetroWeekly.

Articoli Interessanti