14 Pratiche discriminatorie e crimini ispirati dall'odio contro i latini negli Stati Uniti

Foto: Unsplash/@nypl


È importante per noi come persone conoscere la nostra storia ⁠— sia il bene che il male. Ricordi quella citazione che dice che se non conosci la tua storia, sei destinato a ripeterla? È vero. Il tempo sembra cancellare alcune atrocità che accadono ancora e ancora nel corso della storia, e ogni volta viene trattato da tutti come un nuovo avvenimento. È tempo di mostrare che i crimini contro i Latinx sono accaduti per quello che sembra un'eternità negli Stati Uniti. Non è qualcosa che è emerso negli ultimi tempi: questi crimini d'odio sono andati avanti da sempre.

È importante condividere queste informazioni e indicare da dove provengono in modo da poter essere informati, continuare a smantellare, resistere all'intero sistema e continuare a creare cambiamento. La conoscenza è potere ed è tempo di imparare il più possibile per cambiare tutto in meglio.

Ecco diversi casi in cui i Latinx sono stati trattati in modo orrendo nel corso della storia degli Stati Uniti.

Linciaggi del sud-ovest, 1848-1928

Visualizza questo post su Instagram

Nord America 171 anni fa oggi: scoppio della guerra messicano-americana (13 maggio 1846) http://omniatlas.com/maps/northamerica/18460513/ Con l'annessione del Texas, gli Stati Uniti hanno ereditato la disputa sui confini di quello stato con il Messico. Nel tentativo di risolvere la questione, oltre ad acquistare i territori messicani dell'Alta California e del New Mexico, il presidente Polk si è offerto di pagare 25 milioni di dollari e perdonare i danni causati ai cittadini statunitensi in Messico dall'indipendenza. Il governo messicano rifiutò, spingendo Polk a ordinare alle truppe di occupare la terra contesa a nord del Rio Grande. Quando il Messico ha risposto attaccando questo esercito di occupazione, gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra. #northamerica #history #welovemaps #1840s #1846 #americanhistory #canadianhistory #maps #may #may13 #mexicanamericanwar #mexicanhistory #mexico #nuecesstrip #riogrande #texas #unitedstates #yucatan

Un post condiviso da Mappe Omniatlas (@omniatlasmaps) il 13 maggio 2017 alle 00:56 PDT

Il Texas, insieme al resto del sud-ovest, un tempo faceva parte del Messico . Nel 1848, il Trattato di Guadalupe Hidalgo permise ai messicani di mantenere i loro diritti sulla terra e diventare cittadini statunitensi. Ma questo non garantiva l'uguaglianza o addirittura un trattamento equo. Si stima che almeno 597 I messicani furono linciati nel sud-ovest tra il 1848 e il 1928. Questo fa parte della nostra storia non insegnato nelle classi di storia degli Stati Uniti.

Linciaggi della corsa all'oro in California, 1848-1860

Visualizza questo post su Instagram

Il 24 gennaio 1848 fu fatta la storia quando James Marshall scoprì l'oro a Sutter's Mill, che era in costruzione sulle rive del fiume South Fork American a Coloma, in California. Oggi il sito è designato come parco storico statale e offre mostre dell'era della corsa all'oro. È anche una gita scolastica di fine anno scolastico molto popolare, se la quantità di parcheggi per autobus e/o accompagnatori è indicativa. C'erano diversi gruppi lì il giorno che abbiamo visitato. Abbiamo beneficiato di averli lì perché siamo stati in grado di guardarli cercare l'oro e ascoltare una presentazione del fabbro della città. . . . . . . #golddiscoverysite #golddiscovery #marshallgolddiscoverystatehistoricpark #marshallgolddiscovery #stateparklife #californiahistory #californiastateparks #californialiving #goldrush #californiagoldrush #suttersmill

Un post condiviso da Dan e Karla (@wandering.forth) il 9 giugno 2019 alle 14:35 PDT


Ci furono anche linciaggi di messicani durante la corsa all'oro in California. Quelli che arrivavano erano minatori esperti e il loro successo nel trovare l'oro li rendeva un bersaglio per gli americani che sentivano che loro e gli Stati Uniti in generale venivano derubati. Almeno 163 I messicani furono linciati tra il 1848 e il 1860 in California a causa di questo odio e paura.

Il massacro, 1910-1920

Visualizza questo post su Instagram

#texas #texas #texaspride #texasstyle #texasfoodie #texaslife #texasmap #unitedstatesoftexas #texasusa #texasweather #texasforever #texascountry #visittexas #instagramtexas #texasmusic #texasstrong #texans #texas #

Un post condiviso da Hfa (@hussam.farooqi) il 3 luglio 2019 alle 16:18 PDT

All'interno dei linciaggi nel sud-ovest tra la fine degli anni Quaranta dell'Ottocento e la fine degli anni Venti del Novecento, ci fu una particolare serie di omicidi nota come La Matanza. Tra il 1910, quando iniziò la rivoluzione messicana, e il 1920, gli anglo-texani, inclusi i Texas Rangers, linciarono centinaia di messicani americani, tra cui ventenni Antonio Rodriguez .

Bisbee Deportazione, 1917

Visualizza questo post su Instagram

Da un archivio fotografico della famigerata deportazione degli IWW a Bisbee, Arizona, il 12 luglio 1917. Due gruppi di vigilanti separati tagliarono l'ufficio telegrafico della Western Union in città e radunarono 1186 scioperanti (e non scioperanti: i vigili non sono noti per essere schizzinosi ) in diversi sudici vagoni merci che li portarono a 200 miglia di distanza, a Tres Hermanas, New Mexico, dove furono abbandonati fino all'arrivo delle truppe statunitensi solo due giorni dopo #iww #laborhistory #bisbeedeportation #arizona

Un post condiviso da Lorne Bai (@lornebairinstankarma) l'8 maggio 2017 alle 11:23 PDT

Le deportazioni di massa di Latinxs non sono una novità. Anche la violenza e la resistenza contro coloro che scioperano per garantire i propri diritti e creare cambiamento non sono una novità. È qualcosa con cui abbiamo avuto a che fare per decenni. Il Bisbee deportazione (11 luglio 1917) vide 1.300 minatori (tra cui messicani) in sciopero, insieme a sostenitori e passanti presi con la forza dall'Arizona e lasciati nel New Mexico. C'era stata anche la deportazione di minatori da Girolamo cinque giorni prima (5 luglio 1917).

Futuro massacro, 1918

L'anno successivo ebbe luogo il massacro di Porvenir. Nel gennaio 1918, i Texas Rangers fecero irruzione a Porvenir, un villaggio del Texas, sospettati che alcuni dei suoi residenti fossero coinvolti nel Brite Ranch Raid. Hanno rimosso 15 mali dalle loro case e li giustiziarono su un colle vicino. Gli uomini avevano tra i 16 ei 50 anni.

Rimpatrio messicano, anni '30

Visualizza questo post su Instagram

Di cosa non parlano i libri di storia. #MexicanRepatriation Questa generazione è scomparsa, ma mi chiedo se questo abbia influito sulla nostra famiglia. Si stima che il 60% delle persone deportate in Messico fossero cittadini statunitensi, molti dei quali non erano mai stati in Messico. #grande Depressione

Un post condiviso da Marisa Rosa (@felinefinery) l'11 ottobre 2018 alle 17:28 PDT


Alcune delle cose peggiori fatte ai Latinxs negli Stati Uniti ci sono state fatte direttamente dal governo degli Stati Uniti. Compreso il rimpatrio messicano. Durante la Grande Depressione degli anni '30, il sentimento era che i messicani stessero prendendo lavoro dagli americani e dovessero essere espulsi. Ciò ha portato alla deportazione in Messico fino a 2 milioni di persone, di cui circa il 60% erano cittadini nati negli Stati Uniti.

Zoot Suit Rivolte, 1943

https://www.instagram.com/p/ByQqAkXBpTQ/

Un noto attacco diretto contro Chicanos (così come afroamericani e filippino-americani), è lo Zoot Suit Riots. Avvenuto a Los Angeles dal 3 all'8 giugno 1943, ha coinvolto militari americani della seconda guerra mondiale che hanno attaccato i giovani che indossavano tute Zoot. Il tessuto è stato razionato durante la guerra e questi abiti hanno utilizzato molto tessuto per ottenere il suo aspetto particolare. Quelli dell'esercito vedevano questo spreco di tessuti come antipatriottico, poiché tutto era riservato allo sforzo bellico.

Soldato chicano ucciso in battaglia inizialmente negato una sepoltura dignitosa, 1945

Visualizza questo post su Instagram

In una piccola città del Texas, una controversia sulla sepoltura di un veterano della Seconda Guerra Mondiale ha acceso il movimento messicano-americano per i diritti civili. .. Guarda Hidden Figuras: Private Felix Longoria oggi su BESE. Link in bio. .. #veteransday #storiamilitare #felixlongoria

Un post condiviso da BACIO (@bese) il 12 novembre 2018 alle 10:08 PST

Il chicano Felix Z. Longoria Jr. era considerato abbastanza bravo da servire il suo paese durante la seconda guerra mondiale. Ma quando morì in combattimento, a sua moglie fu impedito di dargli la dignitosa sepoltura che meritava a casa, che era a Three Rivers, in Texas. Il direttore dell'impresa di pompe funebri locale non permetteva che vi fosse una veglia funebre o che Longoria fosse sepolta in quello che era considerato il cimitero bianco. Per fortuna, Felix Longoria è stato reinterrato nel cimitero di Arlington, con tutti gli onori militari

Il destinatario della medaglia d'onore ha negato il servizio nella città natale, 1945

Visualizza questo post su Instagram

Oggi per #nationalhispanicheritagemonth, #worldwar2 hero #macariogarcia. Da #Wikipedia: 'Il sergente maggiore Marcario García noto anche come Macario García (20 gennaio 1920-24 dicembre 1972) è stato il primo immigrato messicano a ricevere la medaglia d'onore, la più alta decorazione militare degli Stati Uniti. Ha ricevuto il premio per le sue azioni eroiche come soldato durante la seconda guerra mondiale. García è nato a Villa de Castaños, in Messico, nello stato di Coahuila. Nel 1924, la famiglia di Garcia emigrò negli Stati Uniti in cerca di uno stile di vita migliore. Viveva a Sugar Land, in Texas, dove lavorava come coltivatore di cotone. Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Garcia si unì all'esercito degli Stati Uniti in una stazione di reclutamento nella sua città natale adottiva nel novembre 1942. Fu assegnato alla compagnia B, 22 ° reggimento di fanteria, 4a divisione di fanteria. Il 27 novembre 1944 García era il caposquadra del suo plotone che si trovò impegnato in combattimento contro le truppe tedesche nelle vicinanze di Grosshau, in Germania. Rendendosi conto che la sua compagnia non poteva avanzare perché bloccata dal fuoco delle mitragliatrici nemiche, Garcia, di propria iniziativa, andò da solo e distrusse due postazioni nemiche e catturò quattro prigionieri. Nonostante sia stato ferito lui stesso, ha continuato a combattere con la sua unità fino a quando l'obiettivo non è stato raggiunto. Il 23 agosto 1945, il presidente degli Stati Uniti, Harry S. Truman ha consegnato la medaglia d'onore al sergente maggiore Macario García durante una cerimonia alla Casa Bianca. Un mese dopo aver ricevuto la medaglia d'onore, a Garcia è stato negato il servizio in un ristorante situato in una città a poche miglia a sud di Houston perché era ispanico. Garcia è stato picchiato con una mazza dal proprietario. Nessuno è stato arrestato e inizialmente non è stata presentata alcuna accusa. È stato solo dopo che Walter Winchell ha coperto l'incidente e ha etichettato Sugar Land come la città più razzista d'America che sono state presentate accuse. Poi l'incidente è stato seguito dai media e ha causato un putiferio tra la comunità ispanica che si è radunata in suo aiuto. La nazione è stata informata delle politiche discriminatorie a cui erano soggetti gli ispanici come risultato indiretto del processo da cui Garcia è stato infine assolto.' #ispanici #latino #veterani #messicani

Un post condiviso da Alisha (@myeastofeden) il 14 ottobre 2015 alle 4:48 PDT

Un altro incidente che coinvolge la mancanza di rispetto di un soldato messicano che ha combattuto per gli Stati Uniti durante la guerra riguarda il chicano Marcario Garcia. Lo Staff Sargeant è stato il primo messicano a ricevere la Medaglia d'Onore, la più alta decorazione che un soldato possa ricevere. Ma ciò non ha reso Garcia immune alla discriminazione in casa. Gli è stato negato il servizio in un ristorante fuori Houston perché latinoamericano, picchiato con una mazza dal proprietario, e poi addebitato per l'incidente (prima che quelle accuse fossero ritirate dopo un tumulto).

Operazione Wetback, 1953-1958

Visualizza questo post su Instagram

Se vuoi sapere dove andremo a scavare nella storia. #OTD 15 luglio 1954, Pres. Dwight Eisenhower ha avviato una deportazione di massa di immigrati latinoamericani chiamata #OperationWetback. Fu un'operazione in stile militare, che portò alla deportazione di circa 1 milione di immigrati, molti dei quali su navi le cui condizioni erano pessime fino al 18° sec. navi di schiavi. #TheMarchContinues #staysuckerfree #persone #umani

Un post condiviso da Controdehgrain (@againstdehgrain) il 15 luglio 2019 alle 17:32 PDT


L'operazione Wetback è stata orribile, a cominciare dal nome. L'iniziativa del 1954 è stata creata per deportare quanti più messicani possibile. Come per le precedenti deportazioni, i cittadini statunitensi sono stati inclusi nel mix e rimossi dalla loro vera casa. 1.074.277 I latini furono deportati solo nel primo anno.

Douglas, Attacco contadino dell'Arizona, anni '70

Visualizza questo post su Instagram

Così entusiasta di condividere questa storia che ho scritto per @yesmagazine_ ! Queste città di confine usano l'arte per sfatare gli stereotipi e proporre un'identità unificata nonostante il muro che li separa. Leggi a riguardo tramite il link nei commenti. O meglio ancora, vai a visitare e vedere di persona! @b.a.c.az @joelcamachop #binational #borderart #visitarizona #cochisecounty #douglasarizona #aguaprieta #visitsonora #sistercities #concertwithoutborders

Un post condiviso da Stacey McKenna (@revelingfluttering) il 1 marzo 2019 alle 5:56 PST

Un altro evento di odio verso i Latinxs avvenuto in Arizona è l'attacco a tre contadini messicani a Douglas nel 1976. Mentre attraversavano un ranch nel paese, furono rapiti, torturati e fucilati mentre scappavano, dopo essere stati detto per tornare di corsa in Messico.

Lo stigma Marielito cubano in Florida, 1980

Visualizza questo post su Instagram

#welcometomiami #miami #miamilife #designdistrict #miamisign #viaggiare #florida #visitusa

Un post condiviso da Diario di viaggio•La mia vita•Il mio stile (@aniawela) l'11 giugno 2019 alle 7:58 PDT

I 125.000 cubani arrivati ​​in Florida nel 1980, sono conosciuti come i Marielitos (perché partiti da Port Mariel). Quando sono arrivati ​​​​negli Stati Uniti, hanno dovuto convivere con lo stigma, il pregiudizio e la discriminazione di essere ammassati con i criminali e i malati di manicomio che Fidel Castro ha rilasciato e inviato negli Stati Uniti durante questo periodo.

Dolores Huerta picchiata dall'ufficiale SFPD, 1988

Visualizza questo post su Instagram

Vedi la mia dichiarazione sulla decisione unanime del consiglio di amministrazione dell'UFW di nominare un'immigrata latina come prima presidente donna, Teresa Romero #UFW

Un post condiviso da Dolores C. Huerta (@doloreshuerta) il 29 agosto 2018 alle 17:17 PDT

Anche una figura iconica come Dolores Huerta ha visto la sua parte di discriminazione e violenza. Mentre protestava pacificamente a San Francisco, è stata brutalmente attaccata da un ufficiale dell'SFPD. Il pestaggio è stato così grave che ha dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico d'urgenza per rimuovere la milza e ha subito diverse costole rotte.