By Erin Holloway

15 Yogi latini che creano comunità e diversificano lo yoga

Foto: Unsplash / @ kikekiks


Lo yoga ha preso d'assalto l'Occidente! Quelli di voi che sono interessati devono seguire o conoscere alcuni yogi di Instagram, ma ammettiamo una cosa, lo yoga manca di diversità. Sfortunatamente l'Occidente si è appropriato culturalmente della pratica per scopi estetici. Gli abbonamenti mensili costano tanto o più di un abbonamento mensile in palestra. A Los Angeles, ad esempio, si va da $ 100 a $ 160 al mese! Pertanto non è facilmente accessibile a tutti e finiamo per vedere chi ne trae i maggiori benefici osservando l'hashtag #yogaeverydamnday. Dopo aver visto la mancanza di diversità delle donne di yogi di colore, ho deciso di fare la mia ricerca per trovare, seguire e saperne di più sugli yogi latini che non solo praticano lo yoga ma anche altre forme di guarigione. Non solo ho scoperto che siamo là fuori a praticare yoga, ma anche a insegnare nelle nostre comunità, rendendo lo yoga più accessibile a tutti! Dai un'occhiata e supporta i seguenti 15 yogi latini!

Christy Marrero: New York, New York

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Cristy Marrero (@mcristymarrero)

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!

Pratico Kundalini Yoga dal 2011 perché ho trovato un senso di comunità nel mio centro e uno sfogo al dolore quando mia sorella, mio ​​padre e mio nipote sono morti. Mi ha salvato e mi ha mantenuto sano di mente nei momenti difficili. Sono una persona migliore, un professionista migliore, grazie alla mia pratica.

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?

Vorrei chiedere loro di provare Kundalini per un giorno. Abbiamo persone su sedia a rotelle che sono yogi. Non ci sono specchi, nessuna competizione di flessibilità, è una pratica molto inclusiva perché si concentra sulla spiritualità dello yoga.

Segui Cristy su IG: @mcristymarrero

Jovanna Perez Lydon: San José, California

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jovanna Lizette (@vidasanalifestyle)

Perché pratichi Yoga?

Oltre alla mia pratica yoga al Downtown Yoga Shala a San Jose, in California, mi sono anche unito a un Centro di Yoga spirituale e ho iniziato a conoscere la meditazione, il pranayama, i kriya, gli Yama e i Niyama. Studiando e applicando le pratiche, le paratoie si sono finalmente aperte! Avanti veloce, quattro anni nella pratica dello yoga e la mia vita è completamente trasformata. Attribuisco alle pratiche di respirazione e meditazione il merito di aver guarito la mia ansia, i sogni di terrore e l'insonnia; condizioni che ho vissuto per così tanto tempo. Sono felice di dire che quasi tutte le notti dormo come un bambino! Mi sveglio riposato e pronto per la mia routine quotidiana di Ashthanga. Pratico lo Yoga perché è un approccio olistico alla salute e al benessere, in cui forma fisica, armonia mentale, vitalità energetica e pace emotiva si uniscono per raggiungere la salute e, in definitiva, la felicità.

Pratichi altre forme di guarigione di cui vorresti condividere?


Pratico Seva, il servizio disinteressato. Sono diventato un insegnante di yoga certificato di 200 ore nel 2015 e sono molto entusiasta di condividere i vantaggi dello yoga nella mia comunità. Insegno Yoga en Español gratuito e basato su donazioni alla comunità latina a livello locale e internazionale. Amo sostenere lo sviluppo e l'esplorazione personale dei miei studenti con una guida che assicuri un'esperienza positiva, rilassante e divertente. Trovo così tanta gioia nel trascorrere del tempo interagendo con i miei studenti e la comunità.

Segui Jovanna su FB, IG e Meetup: Yoga per lo stile di vita della vita

Lilia Romana: San Francisco, California

Quale sarebbe il tuo consiglio a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?

Lo yoga è per ogni corpo, indipendentemente dalla tua età, condizione fisica, livello di forza e così via. Lo yoga non consiste nell'essere già flessibili per poterlo praticare; non si tratta di giudicare te stesso. Si tratta di voler aumentare il proprio livello di flessibilità, entro il raggio di movimento delle articolazioni e dei muscoli, e di rafforzare dentro e fuori. Principalmente, lo yoga serve per aiutarti a ritrovare il tuo corpo e ad amarti incondizionatamente. Si tratta di guarire, ripristinare, potenziare e trovare gli strumenti per aiutarti a diventare più saggio e con molta grazia, gioia e amore nel tuo cuore. Insegno yoga agli anziani, yoga ai malati di cancro, yoga ai disabili e così via. Tutti hanno abbracciato questa pratica per i grandi benefici che hanno ricevuto e la loro pratica continua ad evolversi, proprio come la mia pratica continua ad evolversi. A volte la mia pratica è molto dolce e rilassante; a volte la mia pratica è un po' più faticosa e impegnativa. Ogni giorno è diverso.

Pratichi altre forme di guarigione di cui vorresti condividere?

Pratico anche il curanderismo, l'antica pratica di guarigione messicana. Uso gli elementi della terra per aiutarmi a radicarmi, purificare il mio corpo dall'energia negativa e coltivare una profonda connessione con madre terra e i miei antenati. Mia nonna era una curandera e, essendo cresciuta in Messico, l'uso delle erbe e della medicina antica è solo una parte di ciò che sono. Pratico limpia su me stesso e offro anche limpia gentili agli altri usando fiori, acqua, fumo e altro. Queste sono le antiche pratiche che, per me, hanno il potere di salvarci, come società, e di aiutarci a guarire.

Segui Lilia sul suo blog personale: http://liliaroman.com/blog/ e FB: @Lilia Romano

Rosmarino Severino: New York, New York

https://www.instagram.com/p/BXlHMETBY1E/

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!

Quando ero più giovane volevo essere in grado di fare la divisione. Mi esercitavo con mio cugino nel soggiorno della mia abuela. Passarono gli anni e iniziai ad appassionarmi allo spiritualismo. Volevo essere integro come persona e ho iniziato a meditare e incorporare lo yoga nei miei allenamenti. Ho iniziato a seguire alcuni degli yogi di Instagram e sono rimasto sbalordito nel vedere che c'erano donne che assomigliavano a me mentre eseguivano queste intricate pose yoga. mi sono detto wow, anche le donne grosse possono fare yoga . Poi ho iniziato a fare yoga tutti i giorni a casa. Mi sono unito ad alcune sfide di yoga e sono migliorato nel tempo. Ho visto quanto mi sentivo bene e come il mio corpo stava iniziando a cambiare. È stata una delle migliori esperienze della mia vita.

Qual è la tua posizione yoga preferita? Come mai?

King Pigeon è la mia posa preferita. Adoro come appaiono gli angoli. Era anche una mia missione inchiodare questo. Ricordo di aver versato una piccola lacrima quando finalmente l'ho fatto.

Segui Rosmarino su IG: @iamblackrosenyc

Rachele Divina: California

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!


Accidenti! Il mio viaggio è iniziato più di 30 anni fa. Ma nel 1999 ho scoperto che questa pratica che avevo radicato in me era lo yoga. Ho iniziato a praticare sempre di più e nel 2001 lo yoga mi ha salvato da un terribile divorzio e dall'11 settembre. Sapevo che dovevo condividerlo con gli altri. Soprattutto dopo l'11 settembre a New York. Quindi volevo insegnare lo yoga alle persone che ne avevano più bisogno, come i sopravvissuti al cancro, le persone con malattie cardiache, amputati e altri problemi. Insegno a coloro che non sono yogi, ma vogliono sentire i benefici dello yoga.

Qual è la tua posizione yoga preferita? Come mai?

Oh, amo così tante pose! Amo il plank, è potente. Adoro il piccione: è delizioso. Adoro i semplici colpi di scena sul pavimento perché a volte è tutto ciò di cui hai bisogno per rinfrescarti. Amo la verticale perché dà un nuovo modo di pensare.

Segui Rachel su FB e IG: @yogadivina e il suo blog personale su http://www.yoga-divina.com/blog

Marcela A. Arrieta: Downey, California

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Marcela Arrieta (@marcelaarrietaofficial)

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!

Il mio viaggio nello yoga è iniziato proprio l'anno scorso, nel 2016. Il mio amico Jovon ha aperto il primo studio di yoga nella nostra città: Downey Yoga. Il suo corpo straordinariamente tonico mi ha fatto capire l'importanza di mantenere il proprio corpo sano e in forma. Dopotutto, il corpo è il tempio che l'anima abita e usa per manifestare la sua grandezza.

La mia pratica olistica ha aiutato con la pulizia e allineando i miei chakra, l'aura e l'intero corpo energetico. Incorporare un'attività fisica come lo yoga ha portato la mia pratica a un livello superiore aiutandomi a liberarmi dell'energia stagnante che si trovava nel mio campo energetico.

Pratichi altre forme di guarigione di cui vorresti condividere?


Pratico e studio presso la scuola di energia denominata Pranic Healing. Amo molte cose di questa modalità. Ne condividerò solo alcuni. È un sistema senza contatto. Non tocco mai fisicamente i miei clienti. Ci concentriamo maggiormente sulla pulizia dell'energia bloccata piuttosto che sull'energizzazione fin dall'inizio. A volte i chakra devono solo essere riordinati prima che pompano energia da soli.

Segui Marcela su IG: @marcela.a.arrieta

Caterina Jacklyn: Toronto, Canada

https://www.instagram.com/p/BbAfrhah3ke/

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?

Basta iniziare! Una delle cose belle dello yoga è che più lo fai, più diventi flessibile! È come andare in palestra, non vai perché sei già in forma ma per rimetterti in forma! Lo yoga è una pratica incredibilmente potenziante e uno dei vantaggi è che diventi sempre più flessibile solo facendolo!

Pratichi altre forme di guarigione di cui vorresti condividere?

Meditazione quotidiana! Anche se sono solo 5 minuti al giorno. Di solito miro per almeno 10 minuti e ho fatto fino a 60 minuti. C'è un detto che sono cresciuto Nel silenzio del tuo cuore, Dio parla. Lo stesso vale per la mente. Prendo la decisione consapevole di calmare la mia mente ogni giorno e questa è stata (ed è tuttora) una delle pratiche che mi hanno cambiato di più la vita.

Segui Katherine su IG: @Katherine_jacklyn

Janette Guzman: Los Angeles California

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Yoga With Janette (@janette_guzman_yoga)

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!

Pratico yoga semplicemente per sentirmi viva. Nei miei momenti vulnerabili lo yoga mi riporta al mio centro e finalmente mi connetto di nuovo con il mio io interiore. La mia passione per lo yoga si è accesa quando sono andato in un ritiro yoga in Costa Rica nel 2014. Praticare yoga ogni giorno davanti alla spiaggia, sotto la pioggia, o altri giorni davanti a bellissime cascate, guardare la bellezza di madre natura, mi ha fatto cadere innamorato della pratica. Mi stavo riprendendo dalla depressione dalla separazione matrimoniale ed ero un po' perso nella vita. Ma sono tornato a casa da questo ritiro con uno scopo di vita ritrovato che era quello di diventare un istruttore di yoga.

Qual è la tua posizione yoga preferita e perché?


Warrior 2 è la mia posa preferita perché mi ricorda l'inizio della mia pratica. Ricordo che quando ho iniziato a praticare lo yoga tutti i miei insegnanti hanno cercato di correggermi a causa della tensione dei miei fianchi. Al giorno d'oggi mi piace molto praticarlo e amo insegnarlo nel modo in cui sono stato in grado di impararlo.

Segui Janette su IG: @yoga_con_janette

Samantha Martins: New York, New York

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Samantha Martins (lei/lei) (@lovemusicyoga)

Perché pratichi yoga?

Pratico perché mi avvicina al mio vero io, rimuovendo strati di cose che non servono al mio massimo bene. Pratico perché non solo rafforza il mio corpo fisico, rafforza la mia anima. La pratica mi ha dato una resilienza che non so se avrei sviluppato diversamente. Mi fa lavorare per essere una persona migliore per me stesso e per gli altri. Mi fa sentire più connesso al Divino.

Qual è la tua posizione yoga preferita e perché?

Questa è una domanda difficile! La mia risposta cambia di volta in volta a seconda di dove mi trovo nella mia vita in questo momento. Penso che in questo momento il mezzo piccione sia il mio preferito. Quella posa è una grande apertura dell'anca, creando più flusso ed equilibrio nel secondo chakra, che riguarda la creatività e l'equilibrio emotivo. Sto lavorando molto per bilanciare le mie emozioni liberando il bagaglio emotivo e attingendo alla mia creatività come cantante e pianista. Il mezzo piccione mi consente di rilasciare la tensione fisica nella parte inferiore del corpo e aumenta anche le mie sensazioni di flusso e le mie capacità di esprimermi in modo creativo.

Segui Samantha su IG: @lovemusicyoga e il suo sito web www.love-wellness.com

Minerva Arias: New York, New York

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Minerva, dottoranda (@roots.healing)

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!

Lo yoga è una pratica profondamente trasformativa e spirituale per me. Quando alla fine ho ceduto alla richiesta di un amico di portare yoga con lei, ho subito voluto immergermi ulteriormente. C'era una bellissima familiarità con la pratica, una volta che ho iniziato. Era come se il mio corpo fosse pronto per farmi tornare a casa in questo modo nuovo ea livelli più profondi. Le cose hanno iniziato a cambiare per me sia internamente che esternamente, il che mi ha spinto a seguire la mia formazione per insegnante di yoga, in modo da poter condividere queste pratiche con la mia comunità. Ogni volta che condivido il mio amore per questa pratica e insegno a una lezione di yoga, è un onore. Lo yoga mi ha permesso di conoscere gioia, crescita e compassione.

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?


Se avessi un dollaro per ogni volta che ho sentito persone dire che non possono praticare yoga perché non sono flessibili, sarei la persona più ricca della terra! Lo yoga si traduce in unione - unione di respiro e corpo, unione di sé e sé - e le pose fisiche che si praticano in una lezione di gruppo tradizionale sono un mezzo per questa unione. La flessibilità non è un prerequisito ma piuttosto un sottoprodotto dello sviluppo di una pratica yoga. La pratica dello yoga è sviluppare flessibilità mentalmente, fisicamente e oltre.

Segui Minerva su IG: @radici.guarigione e il suo sito web www.RootsHealing.org

Brenda Umana: New York, New York

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Brenda Umana (@beeumana)

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?

Ti sento! Direi che non si tratta tanto di flessibilità, ma soprattutto di trovare un equilibrio e incontrare te stesso esattamente dove devi essere.

Se sei una persona troppo flessibile, la pratica può rafforzarti e portare consapevolezza del corpo e dei muscoli. Se sei una persona con i fianchi stretti, la pratica può mostrarti come rilasciarlo. Mi piace sempre usare l'analogia dell'apprendimento di una nuova lingua. Quando impariamo una nuova lingua di solito non iniziamo con l'esatto accento nativo. Ci vuole del tempo per sviluppare la grammatica, le conversazioni, e poi con la pratica alla fine prendiamo l'accento. Stessa cosa con lo yoga, con il tempo e la pratica raccogliamo cose diverse e una di queste è flessibilità o forza.

Pratichi altre forme di guarigione di cui vorresti condividere?

Ho sessioni regolari di Psicoterapia Vedica che sono un tipo di psicoterapia radicata negli antichi insegnamenti filosofici dello yoga in combinazione con la psicologia occidentale. È stato super educativo sulle funzioni della mia mente e su come usarla per ottenere successo, pace e felicità nella mia vita.

Segui Brenda su IG: @beeumanayoga e il suo blog https://www.beeumana.com/blog

Lorena C. Ladish: Sarasota, Florida

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Lorraine C. Ladish (@lorrainecladish)

Raccontaci del tuo viaggio nello yoga!

Ho 54 anni e ho riscoperto lo yoga due anni e mezzo fa per caso. Mi ero infortunato all'anca mentre mi allenavo per una mezza maratona a 48 anni. Una settimana di yoga sulla cinquantina, durante un inaspettato ritiro in montagna, mi ha tolto il dolore. Sono stato agganciato. Tuttavia, ho iniziato il mio viaggio nello yoga all'età di 12 anni. Mio padre mi ha regalato un libro di Richard Hittleman e ho iniziato a praticare da solo. Sono stato un atleta per tutta la vita per allontanare la depressione e l'ansia, anche se mi guadagno da vivere scrivendo. Lo yoga era una cosa saltuaria e ricordo di aver praticato durante la mia seconda gravidanza. Ora mi attengo perché mi aiuta fisicamente, emotivamente, mentalmente e spiritualmente. Non credo che mi sentirei così bene alla mia età se non fosse per lo yoga. È uno stile di vita ora. Mi aiuta anche a essere un genitore migliore per i miei ragazzi.

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?


Che lo yoga non riguarda solo la flessibilità del corpo. Si tratta principalmente di flessibilità della mente e dello spirito. Si tratta anche di forza, concentrazione e respirazione consapevole. Quello che mi piace di più è che si concentra sul viaggio e non sul raggiungimento di una posa particolare. Inoltre, c'è sempre spazio per migliorare. La perfezione non esiste. Adoro quando un istruttore ci ricorda che, indipendentemente da ciò che abbiamo fatto o non fatto sul tappeto oggi, ci sentiamo tutti più o meno allo stesso modo.

Segui Lorena su IG: @lorrainecladish e @VivaFifty

Debbie Dukes: Los Angeles California

Raccontaci della tua pratica yoga!

Pratico yoga da circa 10 anni ormai, quando avevo circa 13 anni ho avuto un trauma che mi ha causato ansia in tenera età. Venendo da una famiglia ispanica, i miei genitori non sapevano come aiutarmi o cosa c'era che non andava in me e nemmeno cosa fosse l'ansia. Fu allora che presi in mano la situazione e trovai lo yoga. Ora sono un istruttore di yoga certificato e insegno da circa 4/5 anni.

Pratichi altre forme di guarigione che vorresti condividere?

Attualmente sto lavorando alla mia formazione per insegnanti ayurvedici di 300 ore. L'Ayurveda è la scienza sorella dello yoga, è medicina! È la vita! Presto sarò un consulente ayurvedico e sarò in grado di aiutare a guarire con le erbe e prescrivere pose yoga per il tuo dosha e dare deliziosi abhyanga. Un abhyanga è un massaggio ayurvedico con olio che irriga il sistema linfatico del corpo. Disintossica il corpo dalle cose vecchie di cui non abbiamo bisogno.

Segui Debbie su IG: @Debbie_Dukes

Astrid Carolina: Nicaragua

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Carolina Mendieta Yoga (@aquafreesoul)

Raccontaci della tua pratica yoga!

Ho iniziato a praticare yoga quando vivevo a Miami, subito dopo essermi laureato. Ero in completo isolamento e mi sentivo davvero ansioso e depresso. Avevo sentito dire che lo yoga e la meditazione aiutavano le persone a superare la depressione e dopo aver visto alcune fantastiche foto di Instagram di altri yogi mi sono sentito curioso di provare. Ho iniziato a esercitarmi da solo.


Ho avuto modo di conoscermi e amarmi meglio. Ho iniziato ad apprezzare il mio corpo, a provare compassione per me stesso e per gli altri esseri. Mi sono innamorato non solo delle posture, ma di tutta la filosofia yoga in generale. Lo yoga mi ha sicuramente aiutato a superare uno dei miei periodi più bui.

Alcuni anni dopo ho iniziato ad insegnare ed è diventato uno stile di vita e un impegno per imparare e condividere costantemente con gli altri ciò che so e ciò che può servire loro.

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?

Lo yoga è per tutti e aiuterà ad aumentare la flessibilità. Iniziamo tutti da qualche parte e tutti abbiamo delle sfide da superare. Per fare yoga non è necessario assumere posture impegnative o guardare in un modo specifico. Si tratta di connessione con te stesso e con gli altri. Sta arrivando alla tua vera essenza. La postura arriverà alla fine, ciò che conta è sentire e vivere il viaggio e divertirsi mentre lo fai.

Segui Astrid su IG: @aquafreesoul e il suo sito web: www.arteqanel.com

Cinzia Rivas: Los Angeles California

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Cinthia Rivas-L.Ac. (@puraguarigione)

Pratichi altre forme di guarigione che vorresti condividere?

Sono un agopuntore abilitato e praticante Reiki a Los Angeles. Sono specializzato nella salute delle donne e proprio come lo yoga, l'agopuntura e il Reiki hanno cambiato radicalmente la mia vita. Insieme alla depressione e all'ansia, ho avuto una serie di altri problemi di salute e l'aggiunta di questi elementi al mio regime di cura di sé è stato il regalo più grande per il mio benessere; ispirandomi a perseguire una carriera nelle arti curative. Avendo recentemente festeggiato il mio nono anno di pratica privata; servire la mia comunità è stato davvero un onore.

Cosa consiglieresti a qualcuno che potrebbe sentirsi scoraggiato a praticare lo yoga perché crede di non essere abbastanza flessibile?

Non ci sono prerequisiti per lo yoga tranne, presentarsi e incontrarsi ovunque tu sia. C'è un grande malinteso sul fatto che lo yoga riguardi essere in grado di avvolgere la gamba intorno alla testa o fare una verticale con un braccio, ma questo semplicemente non è vero! Crescendo giocando a calcio, avevo i fianchi e i muscoli posteriori della coscia più stretti e ricordo di essermi sentito in imbarazzo in classe perché non potevo fare le spaccate o piegarmi a malapena e toccarmi le dita dei piedi. C'è molta enfasi sul perfezionamento delle pose e sullo sviluppo della forza fisica nel mondo occidentale, ma in India l'aspetto fisico della pratica era semplicemente una preparazione per potersi sedere e meditare... Una delle cose più grandi che ho imparato praticando lo yoga è controllare il mio ego. Dopo 17 anni di pratica ci sono ancora così tante pose che non riesco a fare e onestamente, chi se ne frega? Non è la forza fisica o la flessibilità che definisce la tua pratica, è come ti fa sentire. Quindi, se non riesci a chinarti e a toccarti le dita dei piedi ma esci dalla classe sentendoti dannatamente bene, continua!

Segui Cinthia su IG e FB: @purahealing e il suo sito web www.purahealing.com

Articoli Interessanti