3 cose su cui controllare le tue amiche femministe bianche

Foto: Unsplash/@liz_weddon


Mentre di recente ero alla ricerca di uno spazio di co-working, ho contattato uno dei miei amici freelance professionisti per una guida sul posto migliore in cui lavorare con altri millennial progressisti e imprenditoriali. Quando ho elencato alcune opzioni, ha commentato una cosa concreta, Oh, sì, è lì che vanno le femministe bianche.

Ecco dove vanno le femministe bianche. Il peso del suo commento è stato compreso, perché in qualche modo in un paese che ha raggiunto con successo un livello febbrile di indignazione per tutte le cose oppressive, abbiamo ancora i costrutti razziali che ostacolano il nostro attivismo.È tempo di smantellare il concetto controproducente di femminismo bianco e che le donne bianche adottino collettivamente il femminismo intersezionale. E per farlo, le donne bianche devono prima controllarsi usando alcuni dei seguenti criteri:

Metti le tue risorse al lavoro per l'avanzamento del WOC

Visualizza questo post su Instagram

#Adele #adele #grammy #grammyawards #greendress #grammyaward #beyoncé #Beyoncé #beyonce #beyoncefan #adelefan #adeleandbeyoncé #adeleandbeyonce #adelebeyoncé #adelebeyonce #fan #fangirl #fangirling #fangirlythings #Queen #queen #Queens #queens

Un post condiviso da Sognatore ad occhi aperti (@adelefan.hungary) il 22 maggio 2017 alle 13:39 PDT

Oltre ad essere la parola d'ordine del decennio, privilegio contribuisce attivamente e quotidianamente alla vita delle donne bianche. Storicamente, le donne bianche sono state pagate, protette e promosse per secoli rispetto alle donne di colore, nonostante non abbiano mai fatto nulla di diverso o più meritevole per giustificarlo. Continua ad accadere oggi (vedi: La vittoria di Adele ai Grammy 2017 su Beyonce, in cui lei stessa ha ammesso che il privilegio era in gioco ). Quindi le donne bianche che fanno il lavoro dovrebbero sempre assicurarsi di sfruttare le loro risorse e privilegi per tirare su le donne di colore che sono state trascurate. Il discorso di Adele è un caso di studio storico per questo.

Accredita le tue fonti

Visualizza questo post su Instagram

Attivista LaDonna Brave Bull Allard - LaDonna Brave Bull Allard è un'attivista e storico tribale leader nella lotta contro il Dakota Access Pipeline. Nell'aprile 2016, ha fondato il Sacred Stone Camp sulla sua terra, che è stato il primo campo di resistenza del movimento #NoDAPL e alcuni dei terreni di proprietà tribale più vicini al cantiere. Dalla fondazione del Sacred Stone Camp, migliaia di protettori dell'acqua si sono accampati e si sono organizzati per impedire la costruzione del Dakota Access Pipeline. Grazie ad attivisti come LaDonna, il movimento #NoDAPL è cresciuto fino a diventare uno dei movimenti per i diritti degli indigeni più potenti e ampiamente supportati negli ultimi decenni. – @bitchmedia — LaDonna è una guida interpretativa certificata nazionale, ha la sua compagnia di guide e si è formata in conservazione storica. Ha raccolto tutte le informazioni storiche per la Standing Rock Scenic Byway. Discute di come i Lakota, i Dakota e i Nakota abbiano viaggiato attraverso il North Dakota, il South Dakota, il Montana, il Nebraska, il Wyoming, l'Iowa, il Missouri, il Wisconsin, il Saskatchewan e il Manitoba come una delle principali entità della pianura. La sua lezione passata è stata su 500 anni di oppressione, le donne native americane, la storia della tribù Sioux di Standing Rock e la famigerata storia di Standing Rock. — LaDonna discute in modo eloquente con un pubblico eterogeneo le informazioni sui 2,3 milioni di acri di terra della sua tribù, dove c'è ancora erba autoctona, piante, uccelli migratori e medicinali autoctoni necessari per l'uso quotidiano. Oggi, la tribù Sioux di Standing Rock ha quattro bande di Nakota/Dakota e Lakota e si trova al confine centrale del Nord e del Sud Dakota. LaDonna Allard è stata registrata per Wisdom of the Elders Radio su www.wisdomoftheelders.org (Serie Due – Programma Tre – Introduzione storica). – @wisdomoftheelders — #DailyFemminista #LaDonnaBraveBullAllard #Native #American #Activist #NoDAPL #Lakota #StandingRock #Sioux #NativeRights #IndigenousRights #WisdomOfTheElders

Un post condiviso da La femminista quotidiana (@the.daily.feminist) il 22 novembre 2017 alle 22:44 PST


Ci sono le Kardashian e poi ci sono le femministe bianche che si prendono il merito di ideologia, programmazione, cause attiviste e altro senza mai citare correttamente le donne di colore che le hanno precedute. Negli Stati Uniti ce ne sono innumerevoli Donne native americane , donne latine e donne afroamericane che per secoli hanno aperto la strada al femminismo e alla lotta al potere. Anche se non c'è niente di nuovo sotto il sole, è fondamentale che le femministe bianche non cooptino completamente i movimenti iniziati dalle donne di colore molto prima che si preoccupassero di trovare la loro voce.

Rinunciare a qualcosa

Visualizza questo post su Instagram

L'omicidio di Nia Wilson - che riposi nel potere e nella pace che le è stato negato qui - è indicibile E NON DEVE essere accolto con il silenzio. Non è un hashtag; era una donna di colore ed è stata uccisa a sangue freddo da un uomo bianco. I bianchi - me compreso, compreso te - devono prendere nel midollo delle nostre ossa privilegiate la verità che TUTTI i neri temono per la loro vita OGNI GIORNO in America e lo hanno fatto per GENERAZIONI. I bianchi NON hanno equivalenza per questa paura della violenza. Dati questi dati, dobbiamo chiederci noi stessi (bianchi): quanto siamo veramente dignitosi? Non nelle nostre intenzioni, ma nelle nostre azioni? Nella nostra mancanza di azione? Pace e preghiera e GIUSTIZIA per Nia e la famiglia Wilson xx Nota: i commenti per questo post sono chiusi. #blacklivesmatter #antirazzista #noexcuse #sayhername #guadagnareildirittodidireilsuonome

Un post condiviso da Anne Hathaway (@annehathaway) il 25 luglio 2018 alle 10:44 PDT

In probabilmente una delle battute più memorabili che Toni Morrison ha scritto, ha suggerito, se vuoi volare, devi rinunciare alla merda che ti appesantisce. Non sono state pronunciate parole più vere per le donne bianche che sono impegnate nella causa del progresso di tutte le donne. Se privilegi, pregiudizi e razzismo continuano a risiedere nel subconscio collettivo delle donne bianche, l'intero movimento femminista rimane bloccato. Per ottenere le sue ali, le donne bianche dovranno sacrificare le comodità di cui hanno goduto a lungo. Anne Hathaway lo ha dimostrato nel modo più elementare quando ha parlato di #NiaWilson e #BlackLivesMatter di recente.

Ha sacrificato la sua piattaforma e i follower potenzialmente dissenzienti per parlare quando era necessario. Jessica Chastain ha fatto questo quando ha rischiato il suo stipendio per il bene di Octavia Spencer . Se le donne bianche rimangono in silenzio e trattengono l'indignazione per gli atti di violenza che colpiscono le donne di colore semplicemente perché non hanno bisogno di preoccuparsi o non li riguarda, il movimento non aumenterà mai veramente.