By Erin Holloway

5 passi da seguire dopo una diagnosi di cancro al seno

Foto: Unsplash/@sincerelymedia


Sin dai primi giorni della medicina moderna una diagnosi di cancro al seno ha instillato paura nei cuori delle donne e delle persone che le amavano, e quella di Frances Burney account del suo intervento chirurgico di pre-anestesia del 1811 non ha aiutato (sebbene sia affascinante e, in definitiva, edificante, dal momento che è sopravvissuta al cancro e ha vissuto altri 29 anni). Sebbene la medicina moderna offra ora un'ampia gamma di opzioni terapeutiche che offrono a molte donne e uomini la possibilità di combattere la malattia e continuare a vivere una vita intera e appagante, la diagnosi può ancora essere particolarmente difficile per la propria salute mentale. Se a te o a una persona cara è stato recentemente diagnosticato un cancro al seno, ecco alcuni passaggi per iniziare.

Trova la giusta assistenza medica

Per prima cosa, ovviamente devi arruolare il miglior team di medici che puoi trovare. Se la chirurgia fa parte del tuo trattamento, cerca un chirurgo mammario invece di un chirurgo generale. I chirurghi mammari sono specializzati nel creare il miglior risultato possibile sia in termini di eradicazione della malattia che di lasciare il paziente il più integro possibile fisicamente. Ti guideranno anche nella ricerca del resto del tuo team medico di oncologi, radiologi e chirurghi plastici, se necessario.

Parla con persone che sanno com'è

Cerca di creare un gruppo di supporto il più rapidamente possibile. Ci sono più donne intorno a te che condividono la tua diagnosi di quante tu possa sospettare. Potresti trovare donne nella tua famiglia, nella tua chiesa, al lavoro, su Internet o nella sala d'attesa del medico che sono più che desiderose di condividere le lotte e le vittorie del viaggio. Nessuno conosce l'interno della tua testa così come un altro viaggiatore sulla strada.

Stabilisci nuovi obiettivi


La diagnosi di cancro al seno può sembrare la fine della strada quando colpisce il primo shock. Non è. Se riesci a crederci e inizi a lavorare verso il prossimo grande passo nel tuo piano di vita, sarai sulla buona strada per vincere la battaglia almeno su un livello.

Ripensa a come passare il tuo tempo

Accetta il fatto che una diagnosi di cancro al seno ti sta dando il dono di ricevere un campanello d'allarme. Anche se questo non è il proiettile che ti abbatterà, ora dovresti renderti conto, al di là di qualsiasi livello di negazione, che qualcosa alla fine lo farà. È tempo di abbracciare ogni giorno come un dono e cogliere ogni opportunità per vivere, ridere e amare.

Cerca l'ispirazione positiva

Ormai sappiamo senza ombra di dubbio che esiste una chiara connessione tra mente e corpo e, sebbene un atteggiamento positivo da solo non curerà la tua malattia, può fare un bel po' per accelerare la tua guarigione e migliorare la tua qualità della vita durante tutta la prova. Potresti voler evitare le persone che hanno le storie dello scenario peggiore da raccontare. Non ti aiuterà a conoscere le persone le cui vite sono state orribilmente cambiate per sempre, che hanno sofferto senza pietà di interventi chirurgici, chemioterapia o radiazioni, o che un giorno sono state diagnosticate e sono morte il giorno successivo. Questo è il tuo viaggio e dovresti cercare ogni modo possibile per incoraggiare, ispirare e motivare il tuo successo.

Il cancro al seno oggi è una battaglia molto diversa da quella combattuta dalle passate generazioni di donne e, in alcuni casi, uomini. Tutti coloro che devono affrontare questa diagnosi devono sapere che esiste un mondo di supporto e opzioni terapeutiche di successo disponibili e che nessuna lotta è finita nel momento in cui inizia. La diagnosi avviene e poi è il momento di agire.