By Erin Holloway

5 portoricani spiegano perché non stanno lasciando l'isola

porto-rico-terremoto-karen

Foto: Unsplash/@tata186


Essere una donna intraprendente e ottimista dipinge una grande sfida nel Porto Rico di oggi, sull'Isola dell'Incantesimo! Non è facile per nessun lavoratore portoricano , ma non è nemmeno impossibile. Nonostante abbia visto come le amministrazioni politiche ci abbiano maltrattato, spogliato e ingannato in tutti questi anni. Abbiamo vissuto molti anni di falsa prosperità e ci siamo divertiti tutti senza chiederci come fosse possibile. Permettiamo ciò che è accaduto per comodità, comodità o semplicemente ingenuità.

Adesso bisogna lavorare con la crisi che ha causato decenni di inerzia e cattiva gestione, un debito di 70 miliardi di dollari, dove su 10 cittadini, 5 sono disoccupati e il 10% della popolazione si è dato alla fuga, svuotando così le casse dei contributi ( fondi utilizzati per l'istruzione, strade, tra gli altri). Come cittadini americani, è più facile per noi emigrare al nord e capiamo perché molti hanno dovuto partire per mantenere le loro famiglie. Nel 2015, 89.000 portoricani emigrarono dall'isola agli Stati Uniti. Ma siamo in tanti a decidere di restare nella terra che tanto amiamo. Veniamo da qui, portoricani e, sebbene non direttamente responsabili di ciò che ci accade oggi, contribuiamo tutti con il nostro granello di sabbia per omissione.

Ma per piangere, i Magdalena, perché il minimo di cui Puerto Rico ha bisogno in questo momento sono le lacrime. È necessario che ciascuno di noi metta il proprio impegno, talento e impegno per portare avanti il ​​nostro Paese. Da un anno cinque donne si uniscono per essere parte della soluzione, mettere da parte la desolazione e aiutare a far germogliare i semi dell'imprenditorialità e contribuire così al benessere socio-economico del nostro Paese. Donna si impegna PR È nato in mezzo al bisogno, al bivio. Siamo cinque mentori, Vanessa, Karen, Yaneza, Jessica e io, e oggi vogliamo condividere la nostra realtà di imprenditrici e dirigenti portoricani.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mujer Emprende Latina (@mujeremprendelatina)


Il fondatore del movimento La donna intraprende Porto Rico , Vanessa Marzan, condivide: Certamente Porto Rico sta attraversando un bivio. La nostra crisi non è solo fiscale, ma sociale. Mi definisco un idealista esecutivo. Per questo ho deciso di restare e mettere al lavoro il mio talento e la mia esperienza per attivare la nostra economia e la nostra autostima attraverso l'empowerment delle donne, offrendo loro gli strumenti necessari per prosperare attraverso l'autogestione. Mi riempie di entusiasmo ed energia vedere le storie di successo di donne e uomini che si reinventano e per la prima volta si stanno scoprendo padroni del proprio destino attraverso l'imprenditorialità.

Ci racconta la sua esperienza, Karen Oliver, Direttore/Mentore di Donna si impegna PR , Quanti sono rimasto senza lavoro, dopo 30 anni in una grande azienda nella posizione più alta. Ho deciso in quel momento che la mia famiglia e il mio paese sono qui e voglio essere parte della soluzione. Ecco perché ho deciso di collaborare con queste 4 donne e di creare insieme Mujer Emprende PR, un'organizzazione no-profit la cui missione è 'Risvegliare la passione per l'imprenditorialità in ogni donna. Ai miei tempi, avere successo significava lavorare per una multinazionale e ottenere un lavoro alto e ritirarsi da esso. La vita mi ha insegnato che non puoi dipendere dagli altri perché quando ne hai più bisogno ti voltano le spalle. Ecco perché ora voglio aiutare le donne ad impegnarsi nella vita ea non dipendere da niente e nessuno.

Da parte sua, Jessica Tirado, un'altra delle mentori/direttori di MEPR, sottolinea i suoi sentimenti aggiungendo. Se dicessi che non ho pensato di fare le valigie e di andarmene, mentirei. E ancora di più quando i miei figli, di 20 e 16 anni, hanno deciso di trasferirsi a Miami con il padre qualche anno fa. Ma la risposta è sempre la stessa, non parto perché amo il mio paese e qui si possono ancora realizzare cose meravigliose. Nella crisi le persone non hanno altra scelta che reinventarsi. Una frase che amo è 'La necessità è la madre dell'invenzione.' In questo scenario in cui molti hanno perso il lavoro e non c'è lavoro per i giovani, oserei dire che è quando ho visto nascere più microimprese , quando più imprese nuove e innovative, create dai giovani, ho visto, e quando più persone, di tutte le età, cercano informazioni su come possono cambiare il loro corso verso la reinvenzione.

La più giovane, del quintetto, Yaneza Bravo, si concentra sul fare la sua parte per portare il cambiamento e ci dice: reinventando noi stessi, essendo persistenti possiamo ottenere tutto ciò che ci siamo prefissati di fare. Dobbiamo pensare in modo diverso per ottenere risultati diversi, rompere i paradigmi, risvegliare ciò che ci appassiona. La qualità della nostra gente è eccezionale, contraddistinta a livello globale da atleti, artisti, educatori, professionisti e imprenditori di successo che ci ispirano a continuare un'eredità del futuro e ad aiutare il progresso della nostra isola. Così è fatta la patria.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mujer Emprende Latina (@mujeremprendelatina)


Mi sento così orgogliosa di far parte di questo gruppo di donne che non si arrendono e che mettono la loro esperienza e il loro talento per far crescere il nostro futuro. Dal canto mio, mi resta da dire che questo piccolo pezzo di terra mi ha visto crescere, partire e tornare… mi ha visto single, sposarmi e diventare mamma. Ho lavorato, mi sono reinventato e sento l'incertezza dei miei connazionali.

Ma fino a qui, e fino ad oggi.

Oggi prendiamo il controllo del nostro futuro, non vogliamo più promesse, vogliamo uno scopo. Empowerment è dare potere a qualcosa o qualcuno, e oggi ufficialmente ci assumiamo la responsabilità e prendiamo il potere del nostro presente e, soprattutto, del nostro futuro. Sono portoricano in tutto e per tutto e posso dire con orgoglio che c'è ancora molta storia da scrivere su questa terra. Questo piccolo pezzo di terra, 100 x 35, è pieno di persone talentuose, dinamiche e innovative. Toccando il fondo, come abbiamo fatto oggi, c'è solo un vantaggio: da questo punto in poi possiamo solo salire. Uniti come popolo con una visione e una missione di cambiamento, riusciremo a superare questa tempesta e raggiungere una nuova destinazione di progresso e benessere come Paese. Ti amo Porto Rico, conta su di me che #YovoyAME!

E ricorda:

Non sai mai quanto sei forte finché essere forte non è l'unica opzione che hai. E quando questo accade, sei intoccabile.

il tuo mentore,

Virginia

Virginia Rivera è co-fondatrice e direttrice di Mujer Emprende PR e direttrice marketing di Starbucks Puerto Rico.