By Erin Holloway

8 chingona liberatori dall'America Latina

Foto: Copia di Tecla Walker dell'Acquarello di Marcos Salas


Se stai pensando al diciannovesimo secolo e ai movimenti indipendentisti in America Latina, probabilmente ti viene in mente un'immagine stereotipata. Soldati coraggiosi a cavallo, politici nei loro elaborati abiti vecchio stile e quelle parrucche che penso possano essere descritte solo come orribili. Potresti non pensare al ruolo svolto dalle donne nella lotta per l'indipendenza, ma dovresti. Erano orgogliosi quanto i loro compatrioti maschi a cavallo e spesso erano i cervelli dietro le quinte. Queste otto donne sono alcune delle nostre preferite che hanno svolto ruoli chiave come liberatrici latinoamericane.

Manuela Saenz

Se non fosse per questo liberatore, Simón Bolívar potrebbe non diventarlo mai Il Liberatore . Per aver impedito un attacco contro di lui e aver servito come suo fidato consigliere, lei era figura cruciale nella lotta per l'indipendenza della Gran Colombia come lui. Dopo la sua morte nel 1856, fu sepolta in una fossa comune, ma più recentemente è stata onorata come una vera eroina. Ricevuto un sepoltura ufficiale nel 2010 , la sua immagine è un simbolo dell'importanza delle donne nella storia sudamericana e le è stata dedicata un museo a Quito.

Maria Leopoldina

Moglie del primo imperatore del Brasile, Pedro de Braganza, Maria Leopoldina ha svolto un ruolo più importante di suo marito nella liberazione del paese dall'impero portoghese. Fu solo dopo che Maria scrisse a lettera con la richiesta a Lisbona nel 1822 che l'imperatore Pedro dichiarasse l'indipendenza in Brasile. E non ne aveva paura affrontare l'infedeltà di Pedro né - quando le chiese di accompagnarlo a un ricevimento militare in Uruguay con la sua amante, non esitò a rifiutare la sua richiesta.

Luisa Cáceres de Arismendi


Vera patriota venezuelana, Luisa Cáceres ha continuato a credere fermamente nei suoi ideali e nell'indipendenza della sua patria. La sua famiglia ha combattuto al fianco di Simón Bolívar e, sebbene sia stata rapita dalle forze spagnole, ha rifiutato di giurare fedeltà alla corona spagnola o denunciare il suo coinvolgimento in Movimento venezuelano per l'indipendenza. Era la prima donna che fu sepolto nel Pantheon Nazionale in Venezuela, c'è un'università a Caracas che era dedicato alla sua eredità , e viene visualizzato sulla banconota da 20 bolívar nella nuova valuta venezuelana. Nel frattempo, stiamo ancora aspettando un volto femminile sulla valuta statunitense.

Salomè Urena de Henriquez

Una delle nostre femministe dominicane preferite, Salomè è stato fondamentale nella creazione di un'identità nazionale dominicana con la sua poesia descrittiva del paesaggio del paese. Studioso ed educatore , non solo ha aperto le prime scuole per donne nella Repubblica Dominicana, ma è stata anche il cervello dietro alcune delle politiche di suo marito.

Juana Azurduy de Padilla

Questo liberatore è stato uno dei più tosti. Sebbene fosse entrata in convento da giovane donna, fu espulsa all'età di 17 anni... era meglio per lei essere una rivoluzionaria . Come meticcia, parlava quechua e aymara oltre allo spagnolo, con l'impegno di garantire l'inclusione delle popolazioni indigene nel futuro dell'America Latina. Le loro strategie di guerriglia e l'attenzione al ruolo delle donne nell'esercito garantirono l'indipendenza delle Province Unite del Río de la Plata (regioni degli attuali paesi di Bolivia, Brasile, Argentina e Uruguay). Sebbene all'inizio non ci fosse una grande attenzione sulla sua eredità, i leader di oggi stanno recuperando il tempo perso. A Buenos Aires, una sua statua ha sostituì quella di Cristoforo Colombo . Anche la provincia di Azurduy in Bolivia porta il suo nome .

Maria Dolores Bedoya

Sostenitrice vocale del movimento per l'indipendenza in America Centrale, questa donna guatemalteca era a devoto liberatore . Anche se ha rischiato di portare in disgrazia la sua famiglia come donna di mentalità radicale coinvolta nella politica, è così che ha lasciato il segno #la sua storia . Le sfilate del Giorno dell'Indipendenza nei paesi dell'America centrale celebrano ancora l'eredità di Bedoya con lanterne —onorando il modo in cui organizzò la città alla vigilia del 14 settembre, poco prima della dichiarazione di indipendenza a Città del Guatemala il 15 settembre 1821.

Resti del dungeon


Nata nel 1750, la donna più anziana e forse la più cool della nostra lista è Resti del dungeon . Sebbene non facesse parte dei movimenti rivoluzionari del diciannovesimo secolo, aveva combattuto la colonizzazione da parte degli spagnoli sin dal suo inizio come donna indigena della tribù Aymara. Ha guidato un esercito di 40.000 a La Paz, in Bolivia, contro i conquistadores spagnoli. Per un po' di prospettiva, l'esercito di George Washington non comprendeva più di 27.000 al suo vertice . Sebbene la sua eredità sopravviva attraverso la celebrazione del Giornata internazionale delle donne indigene ogni settembre ci sono voluti fino al 1983 - 201 anni - prima che i risultati di Sisa fossero riconosciuti dopo il suo assassinio nel 1792.

Policarpa Salavarrieta

Conosciuta anche come La Pola, questa donna lo è Il liberatore preferito della Colombia . Nel 1817 Policarpa si intrufolò a Bogotá (allora roccaforte spagnola) dalle campagne con documenti falsi per partecipare alla causa rivoluzionaria. Sconosciuto nella capitale, era facile per La Pola essere una spia e reclutare forze per l'esercito rivoluzionario. Tuttavia, in seguito fu catturata per aver rapito soldati dell'esercito reale e alla fine uccisa. La sua eredità sopravvive: la Giornata della donna colombiana viene celebrata ogni giorno 14 novembre in suo onore, e il suo ritratto è incluso nella banconota da 10.000 pesos.