8 film incentrati sull'America Latina diretti da donne nere

Foto: Unsplash/@landall


Non è un segreto, l'industria cinematografica non è diversificata. Dai registi e produttori ai personaggi (con ruoli parlanti) e ai costumisti, è evidente in tutti gli aspetti del processo di realizzazione del film che la rappresentazione non è in prima linea nella creazione per Hollywood. Infatti, i ricercatori del USC Annenberg condiviso in un rapporto del 2016 sulla diversità che i loro risultati suggeriscono che l'esclusione è la norma piuttosto che l'eccezione a Hollywood.

Anche se quest'anno abbiamo avuto barlumi di speranza da soli con film come Pantera nera , Una ruga nel tempo e Asiatici ricchi e pazzi , si può fare di più. E ci sono un certo numero di creativi che stanno prendendo la strada dell'indipendenza, producendo diversi film e documentari che intrattengono, educano e parlano al nucleo della natura umana. Questi film possono essere trovati in uno dei tanti festival cinematografici sia negli Stati Uniti che all'estero.

La pellicola il nero , che è stato proiettato all'African Diaspora International Film Festival (ADIFF) ad agosto, è stato elogiato per il suo cast tutto nero e messicano. Ma la notizia è emersa rapidamente che il regista Jorge Perez Solano ha descritto gli afro-messicani come selvaggi in un'intervista a un quotidiano nazionale. Organizzazioni come Mexico Negro, Huella Negra e Afrodescendencias en Mexico sostengono che il dramma gioca sugli stereotipi sui neri.

Ci sono, tuttavia, film che sono stati creati da afro-discendenti per mostrare vari aspetti della cultura in America Latina. Dai un'occhiata a questi otto film diretti da donne nere in tutta l'America Latina:

In un certo modo (in un modo o nell'altro)— Sara Gomez


Regista afrocubano Sara Gomez il film rivoluzionario In un certo modo è stato il primo a indagare su questioni di razzismo, sessismo e classismo nella Cuba di Castro. Molto apprezzato nel cinema cubano, il film fonde documentario e finzione per raccontare la storia di un'insegnante di scuola progressista che si innamora di un'operaia dalla mentalità tradizionale. Gómez è morto poco prima del completamento In un certo modo, che è stato terminato da Tomás Gutiérrez Alea, Julio García-Espinosa e Rigoberto López e rilasciato postumo.

Dialogo con mia nonna (Dialogo con mia nonna)— Gloria Rolando

Attraverso la storia della sua abuela e le foto di famiglia che abbracciano oltre un secolo, regista Gloria Rolando sta dando voce all'esperienza afrocubana. Ancorando la docufiction in una conversazione registrata che ha avuto con sua nonna, Rolando condivisioni , Mia nonna, Inocencia Armas Abreu, non era un'artista famosa, né si distingueva nelle scienze. Era una povera donna nera, nata nella provincia di Santa Clara, Cuba nel 1906, e morta all'Avana nel 1999. Nelle mani di mia nonna, e in quelle di tante donne nere, troviamo le fondamenta del passato e la tracce di memoria dimenticata di un aspetto muto della storia cubana.

Il giorno di Gerusalemme— Viviane Ferreira

Film corto Il giorno di Gerusalemme ti guida attraverso una giornata nella vita di una donna che vive nel quartiere di Bela Vista a San Paolo. Non puoi fare a meno di provare empatia mentre diamo uno sguardo al mondo di Jerusa mentre naviga nella sua solitudine in una comunità piena di vedove e donne single che vivono giorno per giorno.

Nero- Dash Harris

La serie di documenti Nero esplora e spacchetta identità, colonizzazione, colorismo e razzismo all'interno dell'America Latina e dei Caraibi dal punto di vista degli afro-discendenti. Afro-Panamena Dash Harris approfondisce la storia dell'afro-latinidad e il significato di questa identità attraverso interviste approfondite con persone di origine africana in vari paesi, tra cui Repubblica Dominicana, Panama e Honduras.

Radici invisibili: gli afro-messicani della California meridionale— Tiffany Walton

Attraverso i resoconti di tre famiglie afro-messicane che vivono nel sud della California, Radici invisibili esplora l'orgoglio che gli afro-messicani hanno in se stessi, così come il modo in cui la razza li aliena dalla loro cultura e li sottopone a discriminazione.


Penso che sia importante ascoltare le storie delle persone nel nostro documentario perché sfidano le nostre nozioni di razza, etnia e nazionalità, afferma il co-regista Tiffany Walton , che è di origine afro-panamense, a Remixa . Ancora una volta, generalmente abbiamo questa idea che i messicani e gli americani messicani abbiano un aspetto in un certo modo, ma il nostro documentario mostra la diversità e che c'è una narrativa molto più profonda, che spesso c'è più di quanto sembri.

L'estate degli dei— Elicia Nascimento

Regista afro-brasiliano Elicia Nascimento il cortometraggio L'estate degli dei si basa sulla sua esperienza personale nella navigazione nella spiritualità. La bambina [nel film] è un riflesso di me stessa che resisto al richiamo di adorare gli Orishas, ​​condivide Nascimento, che è cresciuto a Salvador, Bahia, in una famiglia radicata nelle tradizioni religiose afro-brasiliane come Candomblé e Umbanda. È stata iniziata da adulta ed è stata ispirata da quell'esperienza e dai ricordi dell'infanzia per scrivere L'estate degli dei.

Sorelle su ruote— Amberly Alene Ellis

Diretto da Amberly Alene Ellis , Sorelle su ruote (Sorelle su ruote) è un documentario che segue le storie di giovani donne nella crescente cultura del pattinaggio sotterraneo a L'Avana, Cuba. Il documento fornisce una finestra su come le giovani pattinatrici navigano nello sport tradizionalmente dominato dagli uomini in uno sfondo di scambi internazionali e un drastico cambiamento nelle relazioni tra Stati Uniti e Cuba.

Sulla nostra terra: essere Garifuna in Honduras— Erica Renée Harding

Un breve documentario etnografico, Sulla nostra terra guarda il Comunità Garifuna in Honduras e negli Stati Uniti. Attraverso una serie di interviste con membri della comunità, politici locali e membri della diaspora Garifuna, il film esplora le sfide della sopravvivenza culturale e della rappresentazione istituzionale che questa comunità unica, che non è mai stata ridotta in schiavitù, deve affrontare. I co-registi del film includono Erica Renée Harding , Neil Dixon e James P. Frazier .