By Erin Holloway

8 latine che cambiano la conversazione nel mondo dell'arte

Foto: Unsplash/@brucemars


Le conversazioni che circondano lo spazio artistico in genere rimangono all'interno di circoli affiatati, ma quest'anno il mondo esclusivo delle gallerie d'arte e dei musei ha attirato critiche per la sua mancanza di diversità. Lo ha annunciato il Brooklyn Museum due nuovi curatori a marzo - entrambi bianchi e uno assunto per supervisionare la collezione d'arte africana del museo. Con i curatori neri americani e latinoamericani gravemente sottorappresentati, la mossa del museo è stato un altro esempio di come il mondo dell'arte esclude intenzionalmente talenti qualificati e diversificati. Allo stesso modo, il National Museum of African American History and Culture ha ricevuto contraccolpi a settembre su Timothy Anne Burnside, un curatore dello Smithsonian, quando un tweet è diventato virale che ha curato la mostra hip-hop dall'apertura del museo più di due anni fa. Con il museo dedicato alla conservazione della cultura afroamericana, si poneva la domanda: chi dovrebbe avere accesso agli spazi neri?

Non è un segreto, i curatori sono potenti. Selezionano quali artisti e opere d'arte riempiono musei e gallerie e l'85% è bianco, secondo uno studio della Fondazione Andrew W. Mellon del 2015 . Nonostante le statistiche, ci sono collezionisti, curatori, artisti, mercanti e accademici, tra gli altri, di colore che stanno cambiando il volto del mondo dell'arte. Qui, evidenziamo otto latine che spostano lo spazio:

Arianna Curtis , curatore di Latinx History presso lo Smithsonian National Museum of African American History and Culture

Visualizza questo post su Instagram

Che festa di addio divertente per Bridging the Americas! Ho ricevuto molto e-amore, e-supporto e amore di persona da mia sorella, @bebabrava, @mind.body.glam e dai loro piccoli. Mi sento così fortunato ad aver potuto fare una mostra sui #Panamaniani, # zoniani, #Comunità e #Appartenenza. Condividerò le foto e le storie della mostra per tutto il mese su IG. Goditi queste foto di noi che ci salutiamo e le 2 alla fine quando l'Ambasciata degli Stati Uniti ha realizzato questa mostra BIGLY a Panama City nel 2016. Ero così orgoglioso tanto orgullo #afrolatinidad #Panama #fortheculture #porlacultura #identity #IAMOPBSI #panamenos #panameñosenelextranjero #identità culturale

Un post condiviso da Arianna Curtis (@arianacurtis413) l'11 giugno 2018 alle 17:51 PDT

In qualità di prima curatrice di Latinx Studies presso il National Museum of African American History and Culture, Ariana Curtis ricerca, raccoglie, espone e promuove narrazioni incentrate sul latino e sul nero per rappresentare in modo più accurato la storia e la cultura delle Americhe e della diaspora. Il curatore e ricercatore afro-latina è autore di Afro-latinidad negli spazi museali afroamericani dello Smithsonian .

Scheherazade Garcia , artista visivo interdisciplinare

https://www.instagram.com/p/BmegRE9n6Lt/


Scherezade Garcia fonde scultura, testo e pittura o disegno per creare il suo lavoro a più livelli, che spesso centra la memoria ancestrale, la colonizzazione e la politica. Il lavoro dell'artista nato a Santo Domingo è stato esposto allo Smithsonian Museum of American Art, El Museo del Barrio, The Housatonic Museum of Art e El Museo de Arte Moderno, oltre a collezioni private. Ha esposto ampiamente con progetti come Super Tropici , Paradiso ridefinito , Teorie della libertà , Questo lato del paradiso: non più vuoto , Memoria , Storie di angeli caduti e Racconti di libertà , tra gli altri. Garcia è anche il co-fondatore del Dominican York Proyecto Gráfica, un collettivo di artisti di origine dominicana con sede a New York City.

Naiomy Guerrero , scrittore e membro curatoriale inaugurale della Diversifying Art Museum Leadership Initiative del Pérez Art Museum Miami

https://www.instagram.com/p/BoRgRe1BlMB/

Studiosa di storia dell'arte e sostenitrice dell'equità artistica, il lavoro di Naiomy Guerrero si concentra sulla messa in luce degli artisti Latinx contemporanei negli Stati Uniti, sui loro contributi alla storia dell'arte negli Stati Uniti e sullo sviluppo del mercato dell'arte Latinx. Le sue intuizioni possono essere viste in artistico , Teen Vogue e National Public Radio, Radio Pubblica , tra gli altri luoghi. Attualmente è curatorial fellow della Diversifying Art Museum Leadership Initiative del Pérez Art Museum Miami.

Jasmin Hernandez , giornalista e fondatore di Gallery Gurls

https://www.instagram.com/p/Bqs3skNAa_V/

Attraverso la sua penna e la sua piattaforma, Jasmin Hernandez si assicura che le donne di colore siano visibili e celebrate nel mondo dell'arte. Fondazione Galleria Gurls nel 2012, Hernandez è in movimento, visita musei, gallerie, mostre e nuovi studi e spazi e incontra donne di colore nel settore. In un'intervista con cui ha fatto HipLatina , ha condiviso il filo conduttore tra le donne di colore nello spazio: la resilienza. Lavoriamo bene insieme, formiamo collettivi, collaboriamo e ci sosteniamo a vicenda. Ci uniamo perché dobbiamo.

Tatiana Reina , storico dell'arte, curatore e scrittore

Foto: Twitter/tatianareinoza

Incentrata sull'arte latina contemporanea, Tatiana Reinoza è associata alla ricerca post-dottorato della Society of Fellows e docente al Dartmouth College. La sua scrittura compare Aztlan , alternative , Dialogo , e Emisferi . Attualmente, Reinoza sta lavorando a un manoscritto sulla storia dell'incisione Latinx.

amanda lopez , fotografo d'arte e ritrattista di celebrità

Visualizza questo post su Instagram

Ieri sera è stata una magia! Grazie a @solcollettive per aver ospitato la mostra di @ladysoulfly e io, Adornment. È stato così speciale portare lo spettacolo nella mia città natale e avere l'opportunità di esporlo al Sol Collective. Vedere così tanti familiari e amici mi ha riempito il cuore. Significava così tanto per me. Grazie #sactown. Se non hai avuto la possibilità di vedere lo spettacolo ieri, non preoccuparti. La mostra durerà fino al 7 agosto.

Un post condiviso da Amanda Lopez | Fotografo (@snapshotlopes) il 16 luglio 2017 alle 23:14 PDT


Il photog con sede a Los Angeles ha catturato cantanti e cantautori del calibro di Kali Uchis e Kehlani, nonché l'artista e designer Vashtie Kola, e mira a dare potere alle donne attraverso le sue varie serie, tra cui Ornamento , Siamo donne cattive e Vergine Maria . Ornamento , che è una collaborazione con l'artista multidisciplinare Tanya Melendez, è stato progettato per creare uno spazio che onori la brillantezza e la forza delle donne di colore, ha detto a Galleria Gurls . Il lavoro di Amanda Lopez si trova in Il Washington Post , Settimanale di Los Angeles , Rolling Stone e Vice , tra gli altri.

Karen Vidangos , scrittore e fondatore di Latina nei Musei

Visualizza questo post su Instagram

Ovviamente l'unico scatto di me in una galleria doveva essere una LATINA. Non era previsto; Volevo assolutamente uno scatto in ogni stanza. #latinainmuseums #repost @rcembalest ・・・ Tempismo impeccabile: raggiunto con @latinainmuseums, architetto della vivace giornata sui social media di #NewGlenstone, al pezzo del 1961 di #LygiaPape che visualizza frammenti di tempo. Ciascuna delle 365 tessere di Livro do Tempo I (Libro del tempo I) rappresenta un giorno dell'anno. @glenstonemuseum

Un post condiviso da Karen Vidangos (@latinainmuseums) il 24 settembre 2018 alle 16:23 PDT

Creando una comunità online che cerca di esplorare prospettive sottorappresentate nel campo museale ed evidenziare i Latinx che prendono spazio in queste istituzioni culturali, Karen Vidangos ha fondato Latina nei Musei . Vidangos attualmente lavora per il Glenstone Museum e scrive per FWD: Giornale dei musei e Una cosa da donna .

Firelei Baez , artista

Visualizza questo post su Instagram

Se ti stai dirigendo verso i quartieri alti, tieni d'occhio il mio nuovo mosaico della stazione MTA Ciguapa Antillana, me llamo sueño de la madrugada 'Chi più fantascienza di noi?' Sono così orgoglioso che il mio lavoro faccia parte del NY Artscape permanente e di rappresentare!! per sempre Un enorme grazie a @mayerofmunich per la fabbricazione e tutti a @mtaartsdesign. . . Da @mtaartsdesign : Le quattro grandi opere di #mosaico creano un ambiente vivace e rigoglioso. L'opera d'arte è immersa nel patrimonio culturale dei #Caraibi dell'artista e in quello del quartiere. Foglie e viti tropicali e nordamericane sono intrecciate con intricati motivi e simboli delle mani rappresentativi delle comunità di #WashingtonHeights, incorporando immagini curative familiari a molte culture e ispirando una visione di #speranza per il futuro. Le Ciguapas, potenti figure femminili del folklore #dominicano, si uniscono ai passeggeri nel tragitto giornaliero. L'arte di Baez lavora su molti livelli per esplorare le identità delle #donne, il mito, la tradizione e la cultura, portando la sua prospettiva unica di artista dominicano-haitiana. #MTAArts #FireleiBaez #mayerofmunich#ciguapa #subwayart #publicart #DR

Un post condiviso da Firelei Baez (@fireleibaez) il 27 settembre 2018 alle 18:15 PDT

ADonna afro-caraibica di origine dominicana e haitiana, Firelei Báez spesso centra identità, storia, migrazione, spiritualità e corpi delle donne nere nel suo lavoro. Nel suo ultimo corpus di lavori, Gioia fuori dal fuoco , Báez presenta diverse iconiche donne africane, afroamericane, afro-caraibiche e afro-latine presso lo Schomburg Center for Research in Black Culture in collaborazione con lo Studio Museum. (Pensa: la poetessa Maya Angelou e l'attivista Angela Davis.) La teoria del colore che mi è venuta subito in mente è venuta dagli Orishas, ​​spiega Báez a Artnet sul suo pezzo. Quindi tutti gli attivisti erano Oya [l'Orisha associato alla morte e alla rinascita], nel dipinto rosso; è questo spirito focoso che può distruggere o rinnovare, quindi troverai diverse versioni di Angela Davis in quell'unico dipinto. Quindi l'opera gialla è Oshun [l'Orisha associato all'amore e alla sensualità]. Quindi i dipinti gialli sono di solito dove trovi gli artisti; è lì che si sono manifestati i ballerini, i pittori, i creativi. Il dipinto blu è Yemoja, o Yemayá in spagnolo [la più alta Orisha, una divinità dell'acqua associata alla maternità e alla guarigione]. Di solito si tratta di giudici, archivisti, bibliotecari, persone che erano nella sfera pubblica; persone che, attraverso la loro vita quotidiana, hanno attivato il cambiamento e sostenuto la comunità che li circonda attraverso l'azione quotidiana.