Ahed Tamimi e 5 rivoluzionari di Bad Ass

Foto: Unsplash/@mbrunacr


Ahed Tamimi è stato rilasciato. Dopo otto mesi in una prigione israeliana, l'attivista palestinese di 17 anni è stato finalmente rilasciato la scorsa settimana. La giovane rivoluzionaria è diventata virale l'anno scorso quando un video l'ha catturata mentre prendeva a schiaffi e calci un soldato israeliano dopo che questi aveva sparato proiettili di gomma a suo cugino di 15 anni. Quando Ahed è stata arrestata, aveva 16 anni e doveva affrontare fino a 12 accuse, inclusa l'aggressione. Dal suo arresto, Ahed ha raccolto migliaia di sostenitori in tutto il mondo. È diventata il volto giovane e tenace della lotta contro l'occupazione israeliana della Cisgiordania.

Mentre Ahed camminava verso la sua libertà il giorno del suo rilascio, era circondata da sostenitori e giornalisti in soggezione per la sua forza e il suo coraggio anche in gioventù. Davanti alle telecamere, parla con entusiasmo di piani per continuare la lotta contro l'occupazione israeliana.

Questo è ciò che significa essere un rivoluzionario: sapere che il lavoro è finito solo quando tutti gli oppressi sono liberi.Ahed non è solo. Ecco altri cinque rivoluzionari e attivisti che fanno scalpore e cambiano il mondo.

Emma González: ancora in testa alla marcia delle nostre vite

Visualizza questo post su Instagram

Serie 1 Episodio 7 Emma Gonzalez (1999-oggi) Sopravvissuta alla sparatoria di Parkland. Feroce attivista per il controllo delle armi. Co-fondatore di 'Mai più MSD'. Organizzatore della protesta nazionale 'March for Our Lives'. Volto del movimento #neveraagain. 'Saremo i ragazzi di cui leggi sui libri di testo.' #meravigliosedonne della nostra generazione Foto di: Nicole Raucheisen

Un post condiviso da Le donne contano (@loudandproudofwomen) il 5 agosto 2018 alle 14:22 PDT

Quando abbiamo sentito parlare per la prima volta Emma Gonzalez, le sue parole si sono incorporate nel nostro cervello proprio mentre le pronunciava: We Call BS.

Dopo il devastante massacro di febbraio alla Marjory Stoneman Douglas High School, dove un uomo armato è entrato nella scuola e ha ucciso 17 persone, Emma González è diventata rapidamente il volto della lotta per il controllo delle armi. Alla manifestazione March For Our Lives, Emma ha elencato i nomi delle 17 vittime e poi è rimasta in silenzio. Per quattro minuti, Emma ha chiesto un momento di silenzio mentre si trovava di fronte alla folla, silenziosa e immobile, riflettendo su come sarebbe stato nascondersi nell'auditorium, sperando che l'assassino non ti sentisse e ti cacciasse. Silenzioso e immobile: uno degli impatti più forti nell'attivismo.


Nata da padre avvocato e madre insegnante di matematica, Emma è sempre stata esplicita su chi è. In un potente saggio che ha scritto per Harper's Bazaar, si è identificata come cubano e bisessuale . Dal suo discorso, Emma ha continuato a sostenere il controllo delle armi. È stata senza paura, onesta e audace mentre affronta alcuni dei nomi più potenti dell'NRA e della politica. Ha anche rassicurato la portavoce dell'NRA Dana Loesch che voglio che tu sappia che sosterremo i tuoi due figli in un modo che tu non farai.

La parte migliore? Diffondere il suo messaggio è naturale: sappiamo come mantenere l'attenzione della gente su di noi perché siamo adolescenti e abbiamo i telefoni, ha detto.

Bambino martire: il combattente per la libertà di Hollywood

Visualizza questo post su Instagram

Essere una ragazza nera catturata da[email protetta]_laurent

Un post condiviso da Yara Shahidi (@yarashahidi) il 20 febbraio 2018 alle 6:58 PST

Con le foto di Trayvon Martin, Alton Sterling, i sopravvissuti a The Parkland, il sostegno alla Libia e la denuncia dei centri di detenzione per immigrati, l'attrice e combattente per la libertà è diventata una delle voci più giovani e forti a fondere Hollywood e attivismo. Molto Jane Fonda-ish.

Yara Shahidi è diventata la bellezza dietro la sfacciataggine e l'intelligenza nello spettacolo della ABC 'Black-ish' che ruota attorno a una moderna famiglia nera che cerca di manovrare attraverso le sottili linee delle aspettative della società come un'America nera di successo. Lo spin-off Grown-ish si concentra sul personaggio di Yara mentre cerca di manovrare attraverso il college, in particolare in questi tempi politicamente e moralmente frenetici nel paese. Nel suo spettacolo, Yara affronta questioni di sesso, droga, controllo delle armi, relazioni aperte e una varietà di argomenti di cui non ha paura di parlare. È così reale con i suoi spettatori dentro e fuori dalla telecamera.

Fuori dalla fotocamera, Yara ha deciso di collaborare con Eighteen x'18, una piattaforma che incoraggia i giovani non solo a votare, ma a impegnarsi attivamente nella politica. Oltre a parlare della sua posizione sulla brutalità della polizia, la riforma dell'immigrazione, l'immagine corporea e il controllo delle armi, Yara sta motivando i giovani a essere i prossimi leader e a iniziare a prepararsi ora.

Oh, ed è stata accettata ad Harvard, che parteciperà l'anno prossimo. Non c'è da stupirsi che Oprah l'abbia chiamata uno dei diciassettenni più profondi del mondo .

Gina Rodriguez: Latina impenitente

Visualizza questo post su Instagram

#sxsw2018 pannelli su pannelli

Un post condiviso da Gina Rodriguez-LoCicero (@hereisgina) il 10 marzo 2018 alle 16:21 PST


Gina Rodriguez, protagonista di Giovanna la Vergine , è una femminista tosta. In numerose occasioni, Gina è stata schietta nel sostenere le donne, in particolare le donne di colore. La mattina in cui sono state annunciate le nomination agli Oscar 2018, Gina ha affrontato rapidamente l'ovvio l ack di rappresentazione di attrici nere e latine . Non è mai stata una che ha evitato di esprimere i suoi pensieri. Durante i SAG Awards, Gina ha parlato con giornalisti di intrattenimento dell'importanza dell'unione delle donne. Gina è stata anche incredibilmente schietta sul movimento Time's Up. Ha menzionato, più e più volte, la necessità che le donne si uniscano e si sostengano a vicenda. C'è forza nei numeri e un gran numero di sopravvissuti che dicono la verità aiuterà a cambiare le cose.

Oltre ad essere una femminista a tutto tondo, è un'attivista irriducibile per gli immigrati privi di documenti. In qualità di membro del consiglio di amministrazione dell'Hispanic Scholarship Fund, Gina ha collaborato con Big Brothers Big Sisters di Los Angeles per trovare uno studente delle superiori senza documenti Latinx con l'intenzione di frequentare il college in autunno. Gina si è impegnata a pagare la borsa di studio di Princeton a questo studente per i successivi 4 anni della sua vita, alleggerendo un pesante fardello, la maggior parte degli studenti privi di documenti si sente.

In qualità di sostenitrice del DACA, dei Dreamers e degli immigrati privi di documenti, Jane è stata esplicita nel suo sostegno, ha persino fatto in modo di introdurlo nella trama di Jane La Vergine .

Essendo di origine portoricana, Gina ha sempre ammirato Lolita Lebron che era un attivista e nazionalista portoricano. Spera persino di interpretarla un giorno.

Haile Thomas: l'attivismo in cucina

Visualizza questo post su Instagram

è uscito il mio PRIMO video #IGTV!!! Polli ninja, ufo, abilità nel rappare, essere nei reality TV e la mia dipendenza dallo shopping di piatti e ALTRO - tutto nel mio primo video IGTV che condivide 10 fatti su di me!! Vai al mio canale (@hailethomas) tramite il mio profilo o la tua app IGTV per dare un'occhiata a pt.1 e pt.2 Fammi sapere cosa ne pensi e lascia suggerimenti per i video che vorresti vedere il prossimo mooolto entusiasta di essere su questa piattaforma . Sto lavorando ad alcune cose interessanti per tutti voi

Un post condiviso da Salve Tommaso (@hailethomas) il 15 luglio 2018 alle 17:07 PDT

È difficile credere che Haile Thomas abbia solo 17 anni. Ha una fiducia che si trova solo in alcuni adulti e una conoscenza che molti di noi stanno perdendo. Ma alla sua tenera età, sta già facendo un cambiamento.

Quando Haile aveva 10 anni, a suo padre fu diagnosticato il diabete di tipo 2. Immediatamente, la famiglia Thomas è entrata in azione eliminando cibi lavorati e salse pesanti. Da quando sono entrati in vigore i severi cambiamenti, la salute del padre di Haile ha iniziato a migliorare: sembrava aver invertito le sue condizioni. Una volta che Haile ha visto gli effetti di un'alimentazione sana e, con l'aiuto dei suoi genitori, è entrata in modalità bestia per sviluppare Happy, un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata a insegnare ai bambini i benefici dell'alimentazione e ricette salutari. Haile dice che mira a educare costantemente un numero sempre maggiore di bambini sull'importanza dei bisogni del nostro corpo e sui pericoli negli alimenti trasformati. Finora, la sua organizzazione sembra avere un enorme impatto. Secondo Happy, l'87% dei bambini raggiunti dall'organizzazione ha mantenuto uno stile di vita più sano.

Nel suo tempo libero, Haile lavora alla creazione di ricette vegane. Sta anche lavorando allo sviluppo di un programma in grado di educare più bambini digitalmente, attraverso corsi online.

Valencia Clay: la rivoluzione inizia in classe

https://www.instagram.com/p/Bh1mZ4NH1B5/?hl=it&taken-by=valencia_valencia


Sappiamo che la rivoluzione inizia nella mente e l'insegnante Miss Valencia si assume la responsabilità di guidare le giovani menti. Il suo stile di insegnamento è audace, schietto, coraggioso e rinfrescante. Oltre a insegnare ai suoi studenti in classe, sta anche educando i suoi 132mila follower su Instagram.

Valencia, che ha lavorato come sistema scolastico pubblico di Baltimora negli ultimi dieci anni, ha guadagnato l'attenzione nazionale quando il suo stile di insegnamento è diventato virale e da allora le sue lezioni sono diventate le classi più interessanti da frequentare. Valencia ottiene e mantiene l'attenzione dei suoi studenti utilizzando personaggi pubblici rilevanti. I suoi programmi di lezione spaziano dallo studio dei testi di Kendrick Lamar e dalla loro rilevanza nel mondo di oggi, nonché dall'apprendimento della poesia Ante-Bellum Sermon di Paul Laurence Dunbar.

Nella sua classe, Valencia riconosce che nessuno studente è troppo giovane per discutere di argomenti spesso maltrattati dagli adulti: oppressione, razza, femminismo, propaganda.

Attraverso la sua realtà e la fiducia che ha nei suoi studenti, li sta preparando non solo per il futuro ma anche per se stessi. Insegnando spesso agli studenti neri e marroni, Valencia infonde consapevolezza di sé, amore per sé, potere e comprensione più profonda l'uno nell'altro.

La prossima generazione, senza dubbio, sarà svegliata.