By Erin Holloway

Afro-Panameña Diva Green crea un libro verde per un viaggiatore diasporico

Diva-Green-I-Got-Your-Black

Foto: Instagram/igotyourblack_


Diva Green continua nell'eredità del postino di Harlem Victor Hugo Green.Creatore di Il libro verde dell'automobilista negro , comunemente noto come il Libro Verde, Green ha fornito ai viaggiatori neri una guida per raggiungere le loro destinazioni in sicurezza. When Green, il creatore della guida turistica panafricana Ho il tuo nero , apprese per la prima volta di Victor H. Green e della sua guida annuale, sapeva che esisteva una connessione divina. Sebbene non ci sia alcuna relazione, come la defunta Green, è impegnata nel fornire una risorsa a coloro che cercano di supportare le imprese nere a livello globale.

Visualizza questo post su Instagram

Vi è fonte illimitata di potere nell'art. Il mio amore per l'arte mi ha portato a @fashionhighnyc che ha portato a una serie di opportunità che mi hanno reso quello che sono oggi. L'arte può creare una connessione e avviare una conversazione. Dà voce anche a chi non ha voce. @ccadi sta attualmente ospitando una mostra pop-up chiamata A Response to 45, a cura di @feegz173. Presenta le opere di vari artisti ed esplora la violenza e la mancanza di rispetto nei confronti delle comunità Black, Brown, Indigenous, Womxn & LGBTQAI a causa della politica attuale #IGotYourBlack • • • Scarica la nostra anteprima nella guida Afro-Latinx di New York per scoprire di più spazi culturalmente centrati, attività di proprietà di Black Latinx, conoscere la storia della comunità, ottenere risorse e altro! #linkinbio • • : @fortifiedlive

Un post condiviso da Ho il tuo nero (@igotyourblack_) il 23 ottobre 2019 alle 15:56 PDT

I Got Your Black è stato ispirato dal mio desiderio di combinare i viaggi con il mio bisogno di supportare l'intera diaspora africana in modo di grande impatto, condivide Green con HipLatina.

Motivato dal clima sociale nel 2014, in particolare dagli omicidi di Michael Brown Jr. ed Eric Garner, Afro-Panameña, nato a Brooklyn, ha disegnato un disegno a mola, una forma d'arte tradizionale e multicolore del popolo Guna e il pugno di potere nero. Quando un'amica le ha chiesto di spiegare il concetto, ha risposto: Significa come afro-latino, sono altrettanto colpito emotivamente da questa mancanza di giustizia e ti sostengo.

Attraverso i viaggi, Green ha cercato di sostenere la comunità. Ha iniziato a esplorare aziende e comunità in Giamaica e Panama, ma è stato solo al suo secondo viaggio a Cuba che ha deciso di pubblicare una guida. L'accesso incoerente a Internet ha reso la fase di ricerca un po' impegnativa, ma è stata in grado di ottenere diversi contatti su stabilimenti di proprietà dei neri, collegandosi con il Alleanza per la diaspora africana , che l'ha poi collegata alla regista cubana Gloria Rolando.


Una volta che ho incontrato Mama Gloria, è stato una specie di effetto domino. Ho trovato affari dopo affari, condivide Green. L'aspetto più impegnativo è arrivato quando mi sono trovato faccia a faccia con il mio privilegio americano e la realtà di come funziona la razza a Cuba. In quanto nero americano, potevo facilmente entrare e uscire da qualsiasi hotel, sia per acquistare una scheda wifi che per cambiare valuta. Ma se stessi camminando con un afrocubano locale, il mio amico dovrebbe aspettare fuori. Questo mi ha costretto ad affrontare privilegi che non sapevo avrei avuto all'arrivo.

Sfumature culturali, accesso e privilegio, o mancanza di ciò, sono tutte ideologie che Green ha navigato per creare I Got Your Black. Non l'ha fermata e, anzi, alimenta il suo lavoro. Separati da decenni - e da diversi problemi sociali - entrambi i Verdi hanno scelto di seguire la loro vocazione.

A partire dal 1936, il Libro Verde copriva hotel e ristoranti nell'area di New York, ma crebbe rapidamente fino a incorporarsiTmigliaia di stabilimenti di proprietà dei neri o non discriminatori, inclusi farmacie, saloni di bellezza, taverne e stazioni di servizio, in tutto il paese. Gli elenchi, organizzati per stato e città, sono stati aggregati da viaggiatori neri e sono state vendute 15.000 copie all'anno.

Il Libro verde si è ampliato per includere spazi sicuri in Europa, Messico e Caraibi. Sebbene abbia cessato di essere pubblicato pochi anni dopo la morte di Green nel 1960, il suo impatto rimane.

Visualizza questo post su Instagram

T H E W A I T I S O V E R • • La guida I Got Your Black all'Avana è ufficialmente disponibile #Linkinbio • • • Quando ho iniziato a creare una Black-Guide-to-Havana, ho pensato che sarebbero state circa 10 pagine al massimo. Alcuni paragrafi sulla storia afro-cubana, profili di alcune attività di proprietà dei neri all'Avana e alcune informazioni sulla vita dei neri a Cuba. Mai nei miei sogni più sfrenati mi sono reso conto che creare questa guida mi avrebbe trasformato in un autore di un libro di 52 pagine. La guida I Got Your Black all'Avana è la mia creazione più orgogliosa fino ad oggi. Ha sfidato e ampliato la mia visione in modi che non avrei potuto immaginare se non per aver attraversato il processo. Ho avuto così tante battute d'arresto nel processo di creazione, ma la sfida più grande che ho dovuto superare sono stata me stessa. Potenziando nonostante la mia sindrome da impostore, sono stato in grado di creare qualcosa che servirà alla comunità nera globale, che è sempre stato il mio scopo. Toni Morrison ha detto Se c'è un libro che vuoi leggere, ma non è stato ancora scritto, devi essere tu a scriverlo e così ho fatto. Grazie a tutti per il vostro supporto fino ad ora. Prometto che abbiamo appena iniziato #IGotYourBlack

Un post condiviso da Ho il tuo nero (@igotyourblack_) il 22 agosto 2019 alle 9:03 PDT

Green spera di lasciare un'impronta duratura con I Got Your Black. La sua guida inaugurale I Got Your Black Havana Guide, una risorsa di 52 pagine con oltre 25 aziende afro-cubane a L'Avana, Cuba, è piena di informazioni.

Voglio che la gente sappia che Cuba è un paese molto nero, dice Green. Una volta visitata l'isola, è impossibile negare l'influenza delle sue origini africane. Dalle religioni predominanti al cibo, alla musica e alle arti visive, Blackness è intrecciata in tutta l'identità nazionale del paese.

Visualizza questo post su Instagram

Nell'ultimo anno sono passato dalla sopravvivenza alla prosperità e questo perché ho una nuova definizione di comunità. Spazi come @afrolatinofestivalnyc mi hanno permesso di entrare in contatto e collaborare con persone che ammiro come @nydiasimone @fortifiedlive @janelm e @thenickyluna, persone che condividono l'obiettivo comune di liberare la diaspora. Lo scorso fine settimana, quando ho annunciato l'uscita in anteprima dell'ultima guida di I Got Your Black, The Afro-Latinx Guide to NYC al Liberacion Festival, non ho potuto fare a meno di pensare a quale differenza fa un anno. Il supporto per questa piattaforma continua a crescere così come la nostra community. E poi mi ha colpito. Per questa guida, invece di presentare un prodotto finito, voglio portarvi ciascuno con me attraverso il processo. Nelle prossime settimane unisciti a me mentre esploro la storia, la cultura e le imprese afro-latine nei 5 distretti. Nel frattempo, fai clic sul link nella nostra biografia per scaricare l'esempio gratuito #AfroLatinx Guide to New York e dai un'occhiata ai consigli dei contributori @blactina @fortifiedlive @thenickyluna @aintilatina

Un post condiviso da Ho il tuo nero (@igotyourblack_) il 10 ottobre 2019 alle 14:00 PDT


Mentre Green lancerà altre guide internazionali, la sua recente presenta attività commerciali nella sua città natale, New York City. Lanciata circa una settimana fa, I Got Your Black's Afro-Latinx Guide to New York fornisce consigli commerciali a oltre 20 spazi di proprietà afro-latinx a Manhattan, Brooklyn e nel Bronx. Locali afro-latini come The Lit. Bar, l'unica libreria del Bronx, fondata da Noelle Santos ; il Boogie Down Grind Café, di proprietà di Sulma Arzu-Brown , e il Caribbean Cultural Center African Diaspora Institute (CCADI), fondato dall'autrice e studiosa Dr. Marta Moreno Vega, si trovano tra le pagine. I contributori includono creativi afro-latini come Nydia Simone, fondatrice di Vuol dire Blactina e fotografo Gelsomino Samora .

Oltre a esplorare nuovi luoghi, i lettori possono aspettarsi informazioni storiche come il ruolo afro-latino nel Rinascimento di Harlem, l'impatto degli Young Lords e il legame della salsa con la città, oltre a una playlist di accompagnamento curata da Nicky Luna e Privilege Tips , che illustra in dettaglio i modi per esplorare consapevolmente gli spazi culturali.

Sono entusiasta di quante persone impareranno da questa guida e del potenziale che ha di provocare il cambiamento, condivide Green. L'obiettivo è aiutare le persone a esplorare la cultura nera globale ed essere più consapevoli delle attività con cui interagiscono, sia all'estero che a casa. Quindi, sia che un lettore finisca per saperne di più sulla storia afro-latina o decida di iniziare a visitare le attività consigliate, non vedo l'ora di vedere le persone supportare la comunità locale di Black-Latinx di New York e approfondire le sfumature delle nostre esperienze.

Entrambe le guide di Cuba e New York City sono disponibili sul sito Web di I Got Your Black.

(Nota di modifica: Janel Martinez collabora con Afro-Latinx Guide to New York.)