By Erin Holloway

Il sopravvissuto alla sparatoria di Parkland Anthony Borges condivide le sue cicatrici e com'è la sua vita oggi

Foto: Unsplash/@mrthetrain

Conosciamo bene la sua storia. Anthony Borges ha salvato 20 vite il 14 febbraio 2018. Anthony aveva solo 15 anni quando si trovava sulla soglia della sua classe e ha sparato colpo dopo colpo, usando il proprio corpo come scudo.


Il riprese alla Stoneman Douglas High School a Parkland, in Florida, ha cambiato il modo in cui parliamo di controllo delle armi, principalmente perché era il sopravvissuti che sono intervenuti cercando di porre fine alle sparatorie di massa. La loro campagna per la riforma delle armi è stata rivoluzionario nel dibattito sulle armi in questo paese e l'aumento delle sparatorie. Ma ci sono quelli dietro le quinte, gli studenti di Parkland che stanno lottando per la guarigione.

Borges era tra i 17 feriti a Stoneman, e uno dei fortunati che non è morto. Fu anche l'ultimo a lasciare l'ospedale a causa delle ferite riportate. Gli hanno sparato cinque volte, motivo per cui alcuni lo chiamano il vero uomo di ferro, ma qualunque cosa tu faccia, non chiamarlo un eroe.

In un storia di copertina per New York rivista, Borges dice: Non ne parlo con nessuno, mi arrabbio davvero. Non posso parlarne con i miei amici. Ho fatto quello che dovevo, ecco perché non mi piace essere chiamato un eroe. Voglio che le persone ricordino cosa è successo come un miracolo, da parte di Dio.

Borges ha anche condiviso com'era essere in ospedale per due mesi, dicendo che era impossibile annoiarsi perché il dolore era troppo.


Era su tutto il mio corpo, non solo dove mi avevano sparato. Immagina che qualcuno ti abbia pugnalato con un coltello e non lo avrebbe tirato fuori, lo avrebbe semplicemente spinto dentro, Egli ha detto . Continua dicendo: La terapia fisica sta aiutando molto. Molti degli esercizi sono come le cose che fai prima di una partita di calcio. Tuttavia, non riesco a sentire il mio piede sinistro. Sono diventato più magro e quando mi alzo ho difficoltà a respirare. L'obiettivo è solo quello di essere in grado di muovere normalmente tutto il mio corpo. Non posso correre e voglio correre.

Dice anche che deve ancora tornare a scuola e non è sicuro se tornerà mai indietro.

Sto facendo l'homeschooling ora. Non so quando tornerò a scuola. non voglio; Non mi sento al sicuro.

Clic qui per leggere l'intera storia.