La campagna contro l'ICE viene lanciata a SXSW

Foto: Instagram/latinorebels


La violenza subita dagli immigrati detenuti nelle celle di detenzione è stata una notizia diffusa e tuttavia poco è stato fatto per migliorare le condizioni. Conosciute come hieleras, queste celle di detenzione sono state la fonte di trattamenti crudeli per le famiglie di immigrati che hanno incontrato per la prima volta queste scatole di ghiaccio quando sono arrivate in America.

Le deportazioni e le carceri dell'Immigration and Customs Enforcement (ICE) hanno raggiunto numeri record e nel mezzo dei continui maltrattamenti, il non profit Centro per l'istruzione e i servizi legali per i rifugiati e gli immigrati (RAICES) ha lanciato una campagna chiedendo la chiusura di Customs and Border Protection (CBP) e ICE.

PROPRIETÀ,Il più grande gruppo di assistenza legale del Texas al servizio dei migranti,ha creato una mostra d'arte, #AbolireICEBox , presentato aSud da sud-ovest(SXSW) questo fine settimana, che attira migliaia di persone ad Austin. Il pod di stoccaggio convertito di 8 x 20 piedi è stato mantenutoa -10 gradi Fahrenheit, riproduce una storia audio di un cliente che ha sopportato il tempo nella scatola ICE e include una scultura di un migrante morto. La mostra d'arte presenta anche un murale che recita L'asilo è un diritto umano, disegnato dagli artisti Jerry Silguero e Yocelyn Riojas.

https://www.instagram.com/p/BuzJZlmFxjO/


C'è anche una recinzione a catena che rappresenta le barriere che impediscono agli immigrati di poter chiedere asilo e gli spettatori sono invitati a scrivere messaggi su bandane gialle. Secondo RAICES, la recinzione si trova davanti al murale come metafora che rappresenta il muro di confine che impedisce ai migranti di raggiungere il sogno americano.

https://www.instagram.com/p/Buwlm4rldKZ/

La Hielera è un'istantanea del nostro sistema di immigrazione, uno sguardo ai moderni centri di detenzione che il paese gestisce oltre il confine meridionale, con poca trasparenza o responsabilità,Ha detto Erika Andiola, Chief of Advocacy di RAICES.

Negli ultimi due anni, 22 immigrati sono morti nei centri di detenzione ,secondo un'analisi di NBC News su 188 detenuti morti dal 2003, quando è stato formato il Dipartimento per la sicurezza interna.

Questa cifra non include le recenti morti dei bambini guatemaltechi Jakelin Caal Maquin, 7 anni, e Felipe Alonzo-Gomez, 8, venuti dal Guatemala e deceduti a dicembre. Inoltre non include la bambina di 20 mesi, Mariee Juárez, morta a marzo, quasi due mesi dopo essere stata trattenuta in un centro di detenzione familiare dell'ICE in Texas con sua madre.

Visualizza questo post su Instagram

#abolishicebox in #atx #sxsw @jerry.silguero è stato l'artista che ha realizzato queste sculture e anche @yocelyn.riojas ha lavorato a questa installazione.

Un post condiviso da ribelli latini (@latinorebels) il 9 marzo 2019 alle 10:23 PST

Visualizza questo post su Instagram

All'interno di @raicestexas #abolishicebox installazione artistica di @jerry.silguero e @yocelyn.riojas. Parliamo con Jerry per la #latinorebelsradio di domani. #sxsw #atx

Un post condiviso da ribelli latini (@latinorebels) il 9 marzo 2019 alle 10:17 PST

Questa mostra onora la nostra comunità, sfidando anche il modo in cui veniamo trattati. Parla del ruolo che l'immigrazione gioca nel rendere l'America quello che è. Come artista, il mio lavoro cerca di fornire a coloro che combattono la macchina della deportazione immagini potenti quanto le testimonianze che sentiamo da coloro che hanno sperimentato il nostro sistema di immigrazione quando hanno chiesto asilo,ha detto Riojas.

La mostra si trova al 308 di Guadalupe St. ad Austin, in Texas, e sarà aperta il 15 marzo dalle 11:00 alle 18:00. e il 16 marzo dalle 11:00 alle 14:00

Articoli Interessanti