Carlos Escobar-Mejia è la prima morte per coronavirus in custodia ICE

primo ghiaccio mortale per il coronavirus

Foto: Instagram/@resistancequeens


Sappiamo che doveva succedere, ma fa ancora male lo stesso. È morto a causa del coronavirus Carlos Escobar-Mejia, un detenuto immigrato di El Salvador tenuto in custodia dall'ICE. Lascia la sua famiglia in California. Aveva 57 anni.

All'inizio della pandemia di coronavirus, che era all'incirca a metà marzo (almeno negli Stati Uniti), i sostenitori dell'immigrazione hanno esortato l'Immigration and Customs Enforcement degli Stati Uniti a rilasciare i detenuti perché non c'era dubbio che il virus si sarebbe diffuso all'interno delle cellule a macchia d'olio . Alcuni detenuti, in particolare gli anziani e quelli con problemi di salute di base, sono stati rilasciati. L'ICE ha finora rilasciato centinaia di detenuti dai centri di detenzione in tutto il paese che sono stati costretti da un giudice federale. Ma ovviamente, altri non sono stati così fortunati. Escobar-Mejia era tra quelle persone sfortunate che sono rimaste detenute e si sono ammalate.

Escobar-Mejia è stato detenuto nel centro di detenzione di Otay Mesa a gennaio. Il San Diego Tribune riferisce che il centro di detenzione di Otay è diventato un punto caldo per il coronavirus. Da martedì, 202 persone in custodia erano risultate positive — 136 detenuti delle forze dell'ordine e dell'immigrazione e 66 detenuti del servizio di maresciallo degli Stati Uniti. Nel complesso i numeri sono molto più alti. L'ICE lo segnala in tutto il paese , 753 detenuti sono risultati positivi al coronavirus, mentre anche 42 lavoratori sono risultati positivi.

L'ICE riporta che Escobar-Mejia è risultato positivo al COVID-19 il 24 aprile ed è morto una settimana dopo, il 6 maggio. Escobar-Mejia si era costruito una vita negli Stati Uniti da quando era arrivato nel paese nel 1980.

Adorava sua madre quando era viva e sua sorella. Ha vissuto per loro, ha detto il suo avvocato Joan Del Valle tribuna di san diego . Quello era il centro della sua vita.

Visualizza questo post su Instagram

Questo paese è fottutamente estenuante. . Carlos è la prima persona ad essere sottoposta a un ventilatore a causa del COVID-19 all'interno della detenzione per immigrati e la prima persona a morire in detenzione a livello nazionale. . Il 15 aprile un giudice ha negato la libertà su cauzione indipendentemente dalle sue complicazioni di salute, e poco dopo la salute di Carlos è peggiorata. Lo stato ha tolto l'unica opportunità che la famiglia aveva di vedere Carlos prima della sua morte: Rosa, la sorella di Carlos, ha detto che 'il giudice non ha avuto pietà'. Questa perdita era prevenibile, ma ancora una volta la supremazia bianca dichiarò che la vita di Carlos era usa e getta. . I social media sono uno strumento galvanizzante, non l'organizzazione o il lavoro in sé, e spetta a TUTTI NOI fare il lavoro per combattere e smantellare l'oppressione sistemica e l'omicidio che ci circonda. Unisciti agli sforzi per prendere di mira ICE per liberare TUTTA la gente dal centro di detenzione di Otay Mesa a San Diego, California! . Contatta Gregorio Archambeault @[email protetta](619) 436-0410 o (619) 557- 6117. FOOD THE LINES . . #carlosescobarmejia #restinpower #abolishice #abolishwhitesupremacy #nosestanmatando

Un post condiviso da Regine della Resistenza (@resistancequeens) l'8 maggio 2020 alle 18:26 PDT

Sebbene Escobar-Mejia sia il primo detenuto a morire a causa di questo virus all'interno di un centro di detenzione, sappiamo che non sarà l'ultimo.

Sapevamo che sarebbe successo. Era solo questione di quando, Katie Shepherd, avvocato dell'American Immigration Council, ha detto a KOB4 News. Ma ho paura quanti altri morti accadranno.


In un comunicato stampa, ICE ha affermato, ICE è fermamente impegnato a salute e benessere di tutti coloro che sono sotto la sua custodia e sta effettuando una revisione completa a livello di agenzia di questo incidente, come fa in tutti questi casi. I decessi in custodia ICE, statisticamente, sono estremamente rari e si verificano a una frazione della media nazionale per la popolazione detenuta negli Stati Uniti.