By Erin Holloway

Cinque sostenitori dei diritti degli immigrati per celebrare questo mese del patrimonio degli immigrati

Attivisti immigrati di Latina

Foto: Instagram/@erikaandiola/@paolamendoza


Dal 2014 il Sto con gli immigrati iniziativa festeggia giugno come Mese del patrimonio degli immigrati riconoscere i contributi significativi che immigrati hanno fatto negli Stati Uniti. Sebbene gli immigrati siano sempre stati una parte significativa del tessuto della nazione, sono stati anche storicamente diffamati, rendendo molto più importante dare visibilità ai molti modi in cui gli immigrati continuano a plasmare il paese. Continua a leggere per conoscere cinque latine che sono immigrati e che lavorano ogni giorno per incarnare lo spirito dietro l'Immigrant Heritage Month, lavorando per promuovere i diritti e le opportunità per gli immigrati.

Rosario Ubiera-Minaya, Direttore Esecutivo di Amplify Latinx

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ro U (@rubiera00)

Rosario Ubiera-Minaya è al timone di Amplifica Latinx, un'organizzazione dedicata alla costruzione del potere politico ed economico della comunità Latinx del Massachusetts, dove il 9% degli elettori idonei è latino, secondo il Pew Research Center. Ubiera-Minayra, che è un'ex immigrata senza documenti, è originaria della Repubblica Dominicana e ha lavorato per oltre 25 anni nel campo dell'istruzione, dell'alloggio, del coinvolgimento degli elettori, della salute pubblica e delle arti. È la prima direttrice esecutiva di Amplify Latinx, un ruolo che ha assunto due anni fa. Attraverso il suo lavoro sta servendo la missione dell'organizzazione aumentando la visibilità dei Latinos in Massachusetts.

Gloria Itzel Montiel, Ph.D.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Gloria Itzel Montiel, PhD (@glomoitzel)

La Dr.Gloria Montiel è la prima studentessa priva di documenti a ottenere un dottorato di ricerca. dalla Claremont Graduate University. Ha co-fondato Annulla i dottorati di ricerca , una piattaforma e un collettivo che collega dottorati di ricerca privi di documenti in tutto il paese. Parte del lavoro di UndocuPhDs include la produzione di una directory di libri e articoli accademici scritti da studiosi privi di documenti che aiutano a costruire comunità e visibilità. Prima di completare il suo dottorato di ricerca, la dott.ssa Montiel ha conseguito una laurea e un master presso l'Università di Harvard, il tutto senza documenti. Oggi fa da mentore a giovani studiosi, tra cui molti di Santa Ana, in California, dove è cresciuta. Il Dr. Montiel insegna corsi post-laurea presso la Claremont Graduate University nel programma Allies of Dreamers Certificate.

Marielena Hincapié, Direttore Esecutivo, Centro Nazionale per i Diritti degli Immigrati

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Marielena Hincapie (@marielena.hincapie)


Marielena Hincapié è una voce nazionale di primo piano sull'immigrazione. È direttrice esecutiva del National Immigrant Rights Center (NILC) e dell'Immigrant Justice Fund. NILC è una delle principali organizzazioni negli Stati Uniti dedicata esclusivamente alla difesa e alla promozione dei diritti degli immigrati a basso reddito. Sotto la guida di Hincapié, NILC ha guidato l'accusa di proteggere il programma DACA (Deferred Action for Childhood Arrivals) dagli sforzi di Trump di revocare la storica legislazione. Prima di essere direttrice esecutiva di NILC, Hincapié è stata uno degli avvocati che ha guidato la campagna per creare e implementare DACA. Originario di Medellin, Colombia, Hincapié emigrò da bambino a Central Falls, nel Rhode Island.

Paola Mendoza, Artista e Attivista

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Paola Mendoza (@paolamendoza)

Paola Mendoza è una delle co-fondatrici della Marcia delle Donne e ne ha ricoperto il ruolo di Direttore Artistico. Come regista, il suo lavoro descrive come l'intersezione tra povertà e immigrazione influisca sulla vita di donne e bambini. Il suo film, Tra di noi , in cui ha recitato e co-diretto, racconta una storia simile a quella vissuta dalla madre di Mendoza da giovane madre lasciata dal marito per crescere la sua famiglia da sola in un nuovo paese senza soldi o senza conoscere la lingua. Nel 2020, Mendoza è stato coautore Santuario , un libro incentrato su un'adolescente priva di documenti e sua madre in fuga dalle forze di espulsione, che mostra una vita a cui, sfortunatamente, troppe famiglie negli Stati Uniti possono relazionarsi. Attraverso la narrazione e l'arte, Mendoza porta in primo piano le vite e le storie degli immigrati.

Erika Andiola, Chief Advocacy Officer, RAICES

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Erika Andiola (@erikaandiola)

Erika Andiola, leader e attivista con sede in Arizona, è il Chief Advocacy Officer di PROPRIETÀ , un'organizzazione che fornisce servizi affermativi, difensivi e di contenzioso agli immigrati a basso reddito. Essendo lei stessa un'americana senza documenti, il lavoro che conduce è personale. Lei è uno degli organizzatori che hanno gettato le basi per spingere lo Stato decisamente rosso a votare Blu durante le ultime elezioni presidenziali. È stata una co-fondatrice dell'Arizona Dream Act Coalition ed è stata addetta stampa per Latino Outreach per la corsa presidenziale di Bernie 2016. Andiola ospita il podcast Homeland Insecurities, che esplora la storia non scritta del Department of Homeland Security, un'agenzia governativa creata per proteggerci dal terrorismo solo per essere usata come arma contro gli immigrati.