Città del Messico sostituirà la statua di Colombo con la statua della donna indigena

Maggiore Claudia Sheinbaum

Foto: Twitter/@@Claudiashein


Città del Messico ha appena fatto un grande passo avanti nel riconoscere la comunità indigena dopo aver rimosso una statua di Cristoforo Colombo e annunciando l'intenzione di sostituirlo con quello di un indigeno donna. Questo accade poiché molti stati degli Stati Uniti, tra cui Hawaii e Alaska, e 130 città hanno deciso di riconoscere Giornata dei Popoli Indigeni al posto del Columbus Day. città del Messico Maggiore Claudia Sheinbaum ha annunciato nella Giornata internazionale della donna indigena (5 settembre) che la statua di Colombo sul Paseo de la Reforma sarebbe stata sostituita con una in onore delle donne indigene. La statua è stata rimossa lo scorso ottobre in vista del Columbus Day il 12 ottobre (che molti celebrano come Giorno di gara ) per restauri. La posizione della statua era popolare per le proteste indigene che combattevano la colonizzazione europea delle comunità indigene. Quando la statua è stata rimossa, il presidente Andrés Manuel López Obrador (AMLO) ha detto dell'arrivo di Colombo che è una data molto controversa e si presta a idee contrastanti e conflitti politici.

Scultore messicano Peter Reyes disegnerà la nuova statua di una donna olmeca, ha riferito El Universal. Gli Olmechi sono considerati una delle civiltà più antiche della Mesoamerica e vivevano a Veracruz e Tabasco. È molto importante dedicare un monumento alle donne indigene e alla Terra, perché se qualcuno può insegnarci come prenderci cura di questo pianeta, sono i nostri popoli nativi, ed è esattamente ciò che dobbiamo imparare di nuovo, ha detto Reyes alla pubblicazione.

La nuova statua, Tlali, potrebbe essere pronta quest'anno vicino alla data di Dia de la Raza, secondo Sheinbaum. Tlalli, significa terra in nahuatl e, secondo Reyes, rappresenterà le donne, veniamo tutti dalla terra e ci ritorniamo tutti, ed è la terra che dovrebbe essere nella nostra mente. e non solo in passato.


Naturalmente riconosciamo Colombo , ma ci sono due visioni: c'è una visione della scoperta dell'America, la visione dell'Europa, perché in Europa hanno scoperto l'America, ma qui c'erano già civiltà millenarie, e c'è un'altra visione da qui, che in realtà sia arrivata un dall'Europa all'America. È stato l'incontro tra due luoghi e poi è arrivata la conquista, ha detto Sheinbaum.

Lo dobbiamo a loro ed esistiamo grazie a loro, ha detto Sheinbaum dei popoli indigeni. È la storia del nostro Paese e della nostra Patria. La statua di Colombo, che è stata donata alla città, sarà spostata in una posizione meno prominente in un piccolo parco nel quartiere Polanco. Sheinbaum ha detto che non è un tentativo di cancellare la storia, ma di consegnare giustizia sociale .