Coachella in California è la prima città nella nazione a dare la paga degli eroi ai lavoratori agricoli

paga dell

Foto: Facebook/@Farmworker Justice


Il consiglio comunale di Coachella ha approvato all'unanimità la paga dell'eroe per alcuni lavoratori essenziali ed ha esteso i benefici di rischio ai lavoratori agricoli. L'ordinanza di emergenza richiede che alcune operazioni agricole, oltre a negozi di alimentari, farmacie al dettaglio e ristoranti, forniscano ulteriori $ 4 l'ora ai propri dipendenti a Coachella per almeno 120 giorni. Coachella è la prima città della nazione a richiederlo premio per i lavoratori agricoli , secondo i leader della città, secondo quanto riportato da USA Today. Secondo una ricerca dell'Università della California-San Francisco, i lavoratori dell'alimentazione e dell'agricoltura latini hanno registrato un aumento di quasi il 60% della mortalità in eccesso durante la pandemia.

I latini si truccano 92 per cento dei contadini in California e secondo il Los Angeles Times, circa 8.000 contadini vivono nella zona della Coachella Valley. Sebbene la paga dell'eroe sia un passo nella giusta direzione, c'è ancora molto da migliorare quando si tratta di aiutare la popolazione latina in California durante questa pandemia.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da National Immigration Law Ctr (@nilc)

New York è stato lo stato di lunga data per il maggior numero di casi di coronavirus e ora la California lo ha ufficialmente superato. 46.022 californiani sono morti dal coronavirus a partire dal 12 febbraio secondo la Johns Hopkins University. La popolazione latina rappresenta il 46,3% dei decessi per Covid-19 al 10 febbraio, nonostante costituisse il 38,9% della popolazione dello stato, secondo quanto riportato dalla ABC. Costituiscono anche il 55% dei casi dello stato e hanno la quota maggiore di casi e decessi in ogni fascia di età, tranne che tra gli 80 anni e oltre.


Mentre i lavoratori latini costituiscono solo il 38 per cento della forza lavoro dello stato, la metà di quella statale i lavoratori in prima linea sono latini , secondo l'Ufficio degli analisti legislativi della California. Hanno anche scoperto che i lavoratori latini e neri hanno meno probabilità rispetto ad altri lavoratori di svolgere lavori che possono essere svolti a distanza. Eppure, nonostante il fatto che continuino a mettere a rischio la propria vita, i tassi di vaccinazione tra i latini rimangono bassi poiché lo stato è passato dal lavoro ai requisiti di età.

L'età media di a Il latino in California ha 28 anni e solo il 7% dei latini nello stato ha più di 64 anni, secondo un rapporto del 2017. Attualmente, devi avere almeno 65 anni per fissare un appuntamento per la vaccinazione per gli operatori non sanitari. Dal momento che ora è disponibile solo per gli operatori sanitari, i lavoratori in prima linea che lavorano nei servizi, nella produzione e nei trasporti non sono attualmente idonei per il vaccino. Secondo dati recenti dei Centers for Disease Control and Prevention statunitensi, poco sotto Il 12 per cento di quelli vaccinati nel primo mese di lancio del vaccino erano latini a livello nazionale. Inoltre, c'è il problema dell'accessibilità, dell'istruzione e delle barriere linguistiche, oltre a una flessibilità nell'orario di lavoro di molti durante il giorno ed è allora che le vaccinazioni sono disponibili.

Operaio agricolo Yaneth Gutierrez, 34 anni, ha perso il lavoro raccogliendo carote due settimane dopo essere risultata positiva e non si è presentata al lavoro. Mi sento discriminato, ha detto Gutierrez a NBC News. Penso che dovrebbero dare la priorità a quelli di noi nei campi. Penso che tutti meritiamo il vaccino.

Articoli Interessanti