By Erin Holloway

In che modo essere una messicana gotica mi ha aiutato a sentirmi potenziato e a trovare una comunità

Latine gotiche

Per gentile concessione di Jennifer Vasquez


Era Halloween del 1998, avevo 13 anni, e ho deciso di travestirmi da strega . Beh, almeno come i brujas nel film Il mestiere. Sono stato ispirato dalla moda alternativa e dal lato oscuro di Nancy (interpretata da Fairuza Balk). Indossavo tutto di nero, dipingevo le mie labbra e le mie unghie di una profonda sfumatura di viola e indossavo le mie ciocche scure dritte verso il basso. Non molto tempo dopo, e non ricordo esattamente come, l'ho scoperto Gotico , una sottocultura composta da anime oscure che condividevano il mio fascino per tutto ciò che è macabro. Sono stato catturato e non ho perso un minuto per scavare più a fondo e imparare tutto ciò che potevo al riguardo. Prima di allora, avevo solo sentito un senso di appartenenza all'interno della comunità latina, ma all'improvviso c'è stato quest'altro gruppo con cui mi sono identificato e ho sentito che era radicato nel mio sangue.

L'anno in cui sono diventata una strega, ho frequentato una scuola cattolica privata che ha ospitato una sfilata in costume annuale durante la stagione spettrale. Posso solo immaginare quali pensieri corressero nella testa delle suore quando videro la mia ombra entrare nel parco giochi. Ero un bambino tranquillo e introverso e ho avuto difficoltà a sentirmi a mio agio nella mia pelle, ma quel giorno mi sono sentito stranamente potenziato. Quando sono diventato consapevole del goth, sono rimasto sbalordito dal modo in cui abbracciava il lato oscuro della vita e, invecchiando, ho capito che la mia fiducia in quel giorno nasceva dall'essere in grado di esprimere un lato di me che normalmente era nascosto dietro una scuola cattolica uniforme da ragazza.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jennifer Vasquez (@jennvofficial)

Al suo interno, goth è una sottocultura basata sulla musica che si è separato dal post-punk tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 nel Regno Unito. Non puoi entrare troppo in profondità in una discussione sul genere senza sollevare gruppi fondatori, come Siouxsie and the Banshees, Bauhaus e The Sisters of Mercy. Ma nel corso dei decenni è diventato molto di più della musica. Sebbene anche la moda sia una parte intrinseca di essa (adoriamo il nostro guardaroba nero), è stata ulteriormente arricchita dalla letteratura gotica, dall'arte oscura, dalle diverse credenze spirituali e dalla diversità della sua comunità.


Contrariamente a come i media mainstream hanno rappresentato i goth nel corso degli anni, non siamo tutti bianchi e non abbiamo tutti la carnagione pallida. Devo ammettere che quando sono entrato per la prima volta sulla scena alla fine degli anni '90, non ne ho visti molti Messicano americano goti, per non parlare di quelli identificati come BIPOC. Non che non fossero là fuori, ma il piccolo gruppo di goth al mio liceo era prevalentemente caucasico, e la maggior parte dei modelli che ho visto su riviste alternative avevano la pelle molto chiara ed erano più magri e piccoli. Sebbene sia un aspetto comunemente associato alla comunità, è tutt'altro che una vera rappresentazione della sottocultura, e non mi sono stressato pensando di essere in qualche modo meno goth perché la mia pelle non era all'altezza del fondotinta più leggero sul mercato .

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jennifer Vasquez (@jennvofficial)

Invece, ho trovato che il mio lato gotico si complimentava con il mio lato messicano. Non ho mai sentito di dover scegliere un'identità piuttosto che un'altra, e credo che questo abbia a che fare con il modo in cui la cultura latina abbraccia alcune idee considerate tabù dalla società tradizionale. Essendo messicano, sono cresciuto apprezzando Giorno della morte e il significato che c'è dietro, e trovo che la vacanza condivida prospettive simili con il modo in cui i goth vedono la morte: non la temiamo, troviamo la bellezza in essa. Questa filosofia si riflette nella musica e nell'estetica della scena. Proprio come le famiglie organizzano feste per onorare i propri cari passati e le persone dipingono i loro volti per assomigliare La Catrina , i cimiteri e i teschi sono venerati dai goti.

C'è anche un apprezzamento per l'altro mondo che vedo riflesso nella mia eredità e nella sottocultura. Da bambino, ho sentito più di semplici storie su La Llorona. Mia madre ha raccontato come lei, mia nonna e molti altri membri della famiglia hanno avuto incontri con gli spiriti. Cercare l'aiuto dei curanderos quando qualcuno era malato non era niente di insolito. Sono cresciuto come cattolico, ma sono stato anche esposto a pratiche spirituali radicate nelle tradizioni indigene. Da queste esperienze, sono rimasto affascinato dal lato soprannaturale della vita fin da giovane e ho adorato il modo in cui la comunità gotica condivideva quella curiosità.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jennifer Vasquez (@jennvofficial)

Parlando di religione, non posso ignorare l'influenza che il cattolicesimo, in particolare il cattolicesimo nella cultura latina, ha avuto sull'estetica gotica a Los Angeles, dove sono cresciuto. Molte band rock gotiche hanno incorporato il simbolismo religioso, dai crocifissi ai rosari, nelle loro esibizioni per scioccare e spingere i confini. Da adolescente, ho iniziato ad avere difficoltà ad accettare le credenze predicate dalla chiesa cattolica ed ero in conflitto con la mia fede. Ho sentito che mi era stato imposto e gruppi, come Christian Death, hanno espresso la mia frustrazione attraverso i loro testi e il loro suono. Non tutta la musica goth si concentra sulla religione, ma il fatto che le band che stavo scoprendo osassero esplorare l'oscurità, essere sacrileghe e provocatorie mi risuonava. Il genere mi ha parlato a un livello più profondo.


Trovo che la mia eredità latina arricchisca la sottocultura gotica per me. Le tradizioni popolari mistiche messicane, la letteratura gotica, l'horror, Halloween e il Giorno dei Morti sono solo alcuni dei modi in cui questi mondi si sovrappongono. All'età di 13 fortunati, mi sono reso conto che il mio io autentico era strano e insolito, e questa epifania mi ha dato fiducia e mi ha aiutato a entrare in contatto con una comunità di individui che la pensano allo stesso modo. Quando ho lanciato il mio sito blog L'angolo del vampiro Jenn nel 2018 volevo condividere il mio lato macabro e le mie avventure con gli altri. Ho incontrato così tante persone meravigliose sulla scena durante questo viaggio e, da goth, spero che più persone riconoscano che c'è molta bellezza da trovare nell'oscurità.