By Erin Holloway

Cosa significa essere una femminista e una moglie?

Foto: Instagram/@msirinagonzalez


Cosa significa essere femminista e moglie? Questa domanda era nella mia mente una settimana prima del mio matrimonio l'anno scorso. Per ogni donna che è una femminista orgogliosa, mentre sono cresciuta, la decisione di sposarsi potrebbe non essere facile. Anche se da piccola sognavo un lieto fine da favola, in questi giorni mi sentivo molto più a mio agio trascorrendo le mie giornate facendo quello che volevo - da in viaggio verso Copenaghen da solo a lavorare sul mio libro di memorie per fare passi da gigante nella mia carriera. Per molto tempo, mi sono concentrato sul miglioramento della mia vita e mi sono preoccupato solo di ciò che volevo ottenere con esso. Fino a quando non mi sono innamorato.

Innamorarsi, fidanzarsi , e pianificando la mia fuga cambiato le cose per me. Per la prima volta nella mia vita, ho avuto una relazione che sentivo essere una vera collaborazione con una persona che mi sosteneva in ogni caso, che mi amava veramente e che credeva nel femminismo e nell'uguaglianza tanto quanto me. Ma nonostante la nostra forte collaborazione, avevo ancora molti sentimenti contrastanti riguardo al camminare lungo il corridoio. Che cosa tradizioni nuziali volevo partecipare come femminista? Dovrei cambia il mio cognome anche se sembra una parte così cruciale della mia identità di latina? E, soprattutto, come faccio a continuare a essere femminista anche se ora sono anche la moglie di qualcuno?

Visualizza questo post su Instagram

Due settimane e un giorno dopo, e questo rimane uno dei miei scatti preferiti della giornata.

Un post condiviso da Irina González (@msirinagonzalez) il 12 gennaio 2018 alle 8:36 PST

Una delle cose con cui ho lottato all'inizio era l'idea stessa di essere la moglie di qualcuno. Anche se significa cose diverse per persone diverse, l'immagine che mi viene in mente per prima è quella di una donna affettuosa che pulisce, cucina e cresce i bambini. Ovviamente, non sono gli anni '50 e mio marito non ha deciso di sposarmi perché gli avevo promesso di fare tutte queste cose per lui (anche se, lo ammetto, ADORO assolutamente cucinare, ma è passato molto tempo prima che lo incontrassi). Infatti noi si è fidanzato con una femminista modo: parlando del nostro futuro e decidendo che entrambi volevamo sposarci. Non c'era una proposta a sorpresa o un anello di diamanti, ma invece abbiamo preso una decisione pratica, ma romantica, di trascorrere il resto della nostra vita insieme. Allora perché avevo ancora paura di perdere la mia identità femminista dopo che ci siamo sposati?


Penso che, per quanto femminista io sia, ho ancora una forte spinta a prendermi cura delle altre persone. In effetti, come mio marito ha recentemente sottolineato, sono molto più a mio agio nel prendermi cura dei bisogni degli altri che dei miei. La mia educazione latina mi ha insegnato che pulire dopo gli altri, preparare la cena e non mettermi mai al primo posto era la strada da percorrere. E anche se, da femminista, so che non è giusto, è ancora il mio istinto ad assicurarmi che mio marito stia pranzando prima ancora di pensare di darmi da mangiare. Devo fermarmi attivamente dal pensare a qualcun altro e ricordare a me stesso che la cura di sé è importante tanto quanto la cura degli altri.

Visualizza questo post su Instagram

Ti sto guardando, ragazzo. #1meseanniversario #outtake

Un post condiviso da Irina González (@msirinagonzalez) il 28 gennaio 2018 alle 9:30 PST

Essere una femminista, per me, significa prendersi cura dell'uguaglianza dei sessi e fare attivamente il possibile per promuovere i diritti delle donne e difendere coloro che non possono difendersi da soli. Ma significa anche assicurarmi di vivere secondo quei principi nella mia vita, come chiedere a mio marito di occuparsi del bucato (di solito il mio lavoro) se ho bisogno di qualche R&R in più nel fine settimana o portare la cena a casa nei giorni in cui ho lavorare fino a tardi. Ovviamente, a volte significa anche riprendere il lavoro e lavare i piatti (in genere il suo lavoro) quando vedo che deve recuperare alcune cose alla fine della giornata e io no. Dopotutto, l'uguaglianza dovrebbe riguardare l'essere uguali, ed essere uguali significa che a volte lui aiuta di più, ea volte io aiuto di più.

Mentre continuavo a lottare con la questione di essere una femminista sposata, l'ho posta ad alcune amiche e una di loro ha riassunto perfettamente le cose:

Penso che significhi qualunque cosa tu voglia che significhi. Sei in una partnership paritaria. Dividi il lavoro ed entrambi si supportano e si costruiscono a vicenda. Se assumi più ruoli tradizionalmente femminili, come cucinare, fallo perché lo vuoi e divertiti, e divertiti a supportarlo in questo ruolo, e non perché qualcuno ti dice che è quello che dovresti fare. E se vuole interpretare anche lui quei ruoli, fantastico! Come ho detto, partnership paritaria.

Se sei in un matrimonio femminista, e descriverei il mio come tale, allora sai che essere partner alla pari è tutto. Naturalmente, ciò non significa necessariamente che le cose siano sempre completamente 50/50. Ad esempio, mio ​​marito guadagna più di me e probabilmente continuerà a farlo solo in base alla natura del nostro lavoro. Lo farò probabilmente prendersi cura di più dell'educazione del bambino quando decidiamo di avere figli perché lavoro da casa (quindi conviene) e anche io voglio farlo. Come con qualsiasi cosa in una relazione, a volte devi scendere a compromessi.

Come ho imparato leggendo Sheryl Sandberg Opzione B : Un matrimonio è un'unione alla pari ma non significa che le cose siano uguali al 100% il 100% delle volte. A volte il lavoro emotivo, mentale e fisico di mantenere un matrimonio e un lavoro domestico ricadono maggiormente su di me perché mio marito ha un progetto importante da portare a termine per il lavoro. A volte ricade tutto su di lui perché ho un capitolo particolarmente difficile da scrivere per il mio libro di memorie, quindi mi caccia di casa nel fine settimana in modo che io possa concentrarmi nella mia caffetteria locale e mi dice di non preoccuparmi di nient'altro piuttosto che finire la mia scrittura.


Alla fine, ciò che rende una femminista è la sua convinzione nell'uguaglianza dei sessi e ciò che rafforza questa convinzione è che le donne ora hanno la capacità di scegliere le proprie strade nella vita. Puoi scegliere di sposarti o di non sposarti. Puoi scegliere di cambiare il tuo cognome o di mantenere il tuo nome di nascita. Ma tutto sommato, puoi scegliere di avere una relazione piena di amore, supporto e una (abbastanza) equa divisione del lavoro. Oh, e uno che incoraggia i tuoi ideali femministi, ovviamente.