Cosa significa l'anno del ritorno del Ghana per la comunità afro-latina

Foto: Unsplash/@josiah123


Ho conseguito la laurea in Cultura e Letteratura Spagnola, il che significa che ho trascorso quattro anni della mia vita a studiare lo spostamento dei popoli, la colonizzazione e la tratta degli schiavi in ​​America Latina e a leggere le opere letterarie su questi argomenti. E uno dei concetti che mi è sempre rimasto impresso è stato quello di 'mestisaje'. Il mestisaje era una pratica abbracciata da molti paesi dell'America Latina al fine di mescolare le razze e ridurre al minimo la popolazione non bianca - potresti conoscerlo come il nefasto concetto di ' maggiore la raza'. Presentare a ciò il sistema delle caste del periodo coloniale spagnolo, un sistema che differenziava gli individui e li collocava in una delle tante categorie: Peninsulares (spagnoli), Criollos (persona di origine spagnola), Indios (popolo indigeno), Negros (popolo di origine africana), Mestizos (miscuglio spagnolo e indigeno) e Mulattos (europeo e africano). È facile vedere quanto sia stata irta di tensione l'identità di Latinx nel corso della storia.

Come afro-latina, c'era sempre una parte della mia identità che non era in discussione: la mia oscurità. Sono stato mulatta in Spagna, redbone in Florida e morena nella Repubblica Dominicana. Mi è stato chiesto con cosa sei mescolato? più volte di quante ne possa contare (per record di famiglia è africano, spagnolo, francese, cinese e taino). Come donna dominicana nera, mi sembra stravagante che così tante persone dalla mia isola e in tutta l'America Latina sembrino scartare o negare la loro oscurità, eppure eccoci qui.

Così, quando ho scoperto che il Ghana ha lanciato una nuova iniziativa che esortava i discendenti della tratta degli schiavi a rimpatriare o visitare il Paese come recupero delle loro radici africane, ha subito suscitato il mio interesse. Mi sono chiesto: cosa significa esattamente questa iniziativa per gli afrolatini, molti dei quali sono stati discriminati nei loro paesi?


Le informazioni che ho trovato online sull''Anno del ritorno' del Ghana erano scarse. Il presidente Akufo-Addo aveva visitato gli Stati Uniti per annunciare il lancio dell'iniziativa e l'Autorità del turismo del Ghana ha avuto un ruolo nello sforzo. Ma c'era poco altro da fare oltre a quella che sembrava essere una spinta per convincere più afroamericani a visitare la nazione dell'Africa occidentale.

Quindi sono andato direttamente alla fonte. Diallo Sumbry, proprietario di The Adinkra Group e fornitore dei tour Birthright in Ghana, è una delle menti creative che sta lavorando per sviluppare la campagna 'The Year of Return'.

Questa è più di un'iniziativa di marketing turistico, mi ha detto Sumbry. Questo è più un viaggio spirituale per le persone della diaspora. Gli sfollati non conoscono la loro casa naturale e, poiché il Ghana è stata la prima nazione africana libera, questa partnership ha senso.

La tempistica della campagna è ponderata: il Congresso degli Stati Uniti ha recentemente approvato l'HR 1242 che ha istituito una commissione per commemorare l'arrivo degli africani (ridotti in schiavitù) nelle colonie statunitensi. Questa commissione ha il compito di sviluppare programmi che 'riconosceranno l'impatto che la schiavitù e le leggi che impongono la discriminazione razziale hanno avuto sugli Stati Uniti'. E ha anche fornito il punto di partenza perfetto per il Ghana per lanciare il suo sforzo di riunificazione lungo un anno.

I festeggiamenti si svolgeranno per tutto il 2019 come parte di 'The Year of Return' e includeranno un concerto ospitato da Damian Marley a gennaio, un Festival del ritorno in Africa durante il mese della storia nera e persino un Carnevale del Ghana a novembre, solo per citarne alcuni degli eventi in programma.


Mentre il lancio iniziale della campagna 'The Year of Return' sembra essere commercializzato per gli afroamericani, il governo del Ghana è, infatti, desideroso di estendere l'invito a tutti i membri della diaspora africana. Hanno solo bisogno di più leader locali, in particolare nei Caraibi e in America Latina, per intensificare e aiutare a implementare gli sforzi di marketing all'interno delle loro comunità locali.

Ciò significa che c'è una grande opportunità per i leader all'interno delle comunità afro-latine di incoraggiare gli altri ad abbracciare la loro eredità e rappresentare per la cultura.

Visiterai il Ghana nel 2019?