Fort Hood ha svelato la targa commemorativa e il cancello di Vanessa Guillén

vanessa-guillen-gate

Foto di Brandy Cruz, Fort Hood Sentinel


Specialista dell'esercito Vanessa Guillen aveva 20 anni quando il suo corpo è stato ritrovato il 30 giugno dell'anno scorso Forte Hood a Killeen, Texas. La sua morte ha acceso discussioni nazionali sulle molestie sessuali e la cattiva condotta nell'esercito in seguito alla rivelazione di aver detto alla sua famiglia di aver subito molestie alla base. Ora viene commemorata con un cancello e targa commemorativa a Fort Hood in vista del primo anniversario della sua scomparsa, il 22 aprile. La sorella minore di Guillén, Lupe Guillen ha notato che sua madre non ha partecipato alla presentazione a causa dell'avvicinarsi dell'anniversario.

Avrebbero dovuto preoccuparsene quando era viva, non fino ad ora, ha detto in un momento emozionante durante una conferenza stampa dopo la cerimonia.

La targa posta sull'indicatore del cancello conduce al 3° reggimento di cavalleria, dove [ Guillén] visse giorno per giorno, dove ha servito il suo paese con onore, il tenente generale Pat White, comandante generale del III Corpo e Fort Hood, ha detto alla cerimonia, ha riferito Military.com.

vanessa-guillen-placca

Foto di Brandy Cruz, Fort Hood Sentinel

Quindi, in coordinamento con la famiglia, che ha accettato di permetterci di farlo, dedicheremo un cancello che ha il suo nome sopra - che ha la sua foto - e puoi venire a conoscere un po' di Vanessa. Ma per lo più è così [in] due, tre, quattro anni che non abbiamo dimenticato di cosa si tratta, di cosa tratta questo momento nella nostra storia, ha detto.


Al Famiglia Guillen, questa dedizione lo rende chiaro; non dimenticheremo mai Vanessa e l'impatto che ha avuto su tutti noi. La sua eredità vivrà attraverso questo cancello e attraverso l'iniziativa 'People First'; per garantire che i nostri soldati, famiglie e reparto di ringraziamento dell'Esercito Civili siano sempre al centro di ciò che facciamo.

guillen-famiglia

Foto di Brandy Cruz, Fort Hood Sentinel

Guillén è stato visto l'ultima volta disponibile il 22 aprile 2020 tra le 11:30 e le 12:30. nel parcheggio del quartier generale dello squadrone degli ingegneri del 3 ° reggimento di cavalleria. Le autorità hanno detto che le chiavi della sua macchina e della sua caserma, nonché il suo portafoglio, sono stati successivamente trovati nell'armeria dove aveva lavorato quel giorno. Il suo corpo è stato infine scoperto il 30 giugno da appaltatori che lavoravano su una recinzione lungo il fiume Leon a circa 20 miglia da Fort Hood.

Spc. Aaron Robinson, 20 anni, è morto suicida dopo che la polizia ha tentato di arrestarlo a luglio. Cecilia Aguilar , 22 anni, usciva con Robinson ed è stata accusata di un conteggio di cospirazione per manomettere le prove, secondo l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti nel distretto occidentale del Texas. Ha confessato che Robinson ha picchiato a morte Guillén usando un martello e in seguito hanno smembrato il suo corpo e gli hanno dato fuoco prima di seppellirlo in tre luoghi separati, secondo la dichiarazione giurata. Si è dichiarata non colpevole ma rimane in carcere.

In dicembre, 14 leader alla base sono stati licenziati o sospeso sulla base di una revisione indipendente che ha rilevato che esisteva un ambiente permissivo per aggressioni e molestie sessuali. Secondo McCarthy, l'Independent Review Committee ha intervistato 31.612 soldati, intervistandone 647, e ha incontrato leader civili ed eletti, leader delle forze dell'ordine locali e procuratori distrettuali locali. La conclusione dell'indagine ha portato a nove risultati e 70 raccomandazioni, successivamente presentate alla leadership dell'esercito il 9 novembre. In ottobre Fort Hood ha annunciato che dopo un'indagine ha concluso che La morte di Guillen era 'in linea con il dovere'.


Rep. Jackie Speier , (D-Calif.), prevede di reintrodurre l'I Am Vanessa Guillen Act la settimana del 10 maggio a Capitol Hill, secondo quanto riportato dalla NBC. L'I Am Vanessa Guillén Act è un disegno di legge bipartisan volto a creare un sistema di segnalazione più riservato. Inoltre, renderebbe le molestie sessuali all'interno dell'esercito un crimine punibile e consentirebbe ai sopravvissuti di molestie sessuali o aggressioni di presentare richieste di risarcimento all'interno del Dipartimento della Difesa.

Lupe Guillén ha affermato alla conferenza stampa della famiglia che le azioni contro i 14 leader non rappresentano giustizia con il lavoro che deve ancora essere fatto. Dobbiamo indagare sulla catena di comando e sulla sua leadership perché è impossibile che nessuno sapesse nulla delle molestie sessuali che le stavano accadendo.

Articoli Interessanti