Gli agenti di polizia di Houston che hanno sparato a Nicolas Chavez hanno sparato dalla forza

Nicholas Chavez che spara

Foto: Facebook/@Marco OctavioRafael Amaral Valencia


Nicolas Chavez è stato colpito a morte il 21 aprile dopo che gli erano stati sparati 21 colpi e la scorsa settimana quattro agenti di polizia di Houston sono stati licenziati in relazione alla sua morte. Il filmato della telecamera del corpo mostrava gli agenti che sparavano a Chavez, 27 anni, mentre era a terra, in modo simile alla sparatoria di Los Angeles di Andres salvato che è stato colpito alla schiena dalla polizia. La sua sparatoria ha causato proteste e la famiglia ha affermato che stava combattendo problemi di salute mentale al momento della sua morte, il che ricorda circostanze simili nella sparatoria di Ramon Timothy Lopez .

Il capo della polizia di Houston Art Acevedo ha rilasciato le lettere di sospensione a tempo indeterminato dei quattro ufficiali e li ha identificati come Benjamin LeBlanc, Luis Alvarado, Omar Tapia e Patrick Rubio. Acevedo ha detto che tutti e quattro gli ufficiali hanno presentato ricorso e che ha intenzione di combatterli, riferisce Click2Houston. Ha detto che quando gli ufficiali hanno iniziato a sparare a Chavez, era stato reso incapace da taser e proiettili a sacco. Lo scarico di quei 21 colpi da parte di quei quattro membri non è oggettivamente ragionevole, ha detto.

Gli ufficiali affermano che aveva un oggetto appuntito e li ha accusati, tuttavia, il filmato registrato da un testimone sembra mostrare Chavez in ginocchio quando gli hanno sparato. Durante una conferenza stampa, Acevedo ha mostrato il video registrato da diverse telecamere indossate dagli agenti sul luogo della sparatoria. Durante una conferenza stampa, Acevedo ha mostrato il video di 15 minuti che mostra la polizia che arriva dopo la chiamata al 911 per trovare Chavez che si accoltella ripetutamente con un oggetto di metallo. Mentre la polizia cerca di calmarlo e di offrire servizi medici (con le armi sguainate), lui carica uno di loro mentre è coperto di sangue. Quindi ha lanciato l'oggetto di metallo nella sua mano e mentre strisciava ha afferrato un taser che era stato usato su di lui portando i poliziotti a iniziare a sparare.

Dopo aver esaminato il filmato, il padre di Chavez Joaquín ha definito eccessive le azioni degli ufficiali . Era in ginocchio, già ferito. Non era una minaccia per nessuno a quel punto, ha detto. Era un'esecuzione.


Un totale di Sono stati sparati 29 colpi, e secondo Acevedo solo tre di questi erano giustificati, riferisce la radio pubblica del Wisconsin. Acevedo ha detto che le azioni dell'ufficiale erano inspiegabili per (lui) quando avevano molte opportunità di fare il backup e continuare a fare quello che stavano facendo, per loro di rimanere in linea e sparare a un uomo 21 volte. Non posso difenderlo.

Lo ha scoperto un rapporto tossicologico Chavez aveva la metanfetamina , anfetamina ed etanolo nel suo sistema quando è morto, ha riferito la CNN. L'incidente è iniziato con più chiamate ai servizi di emergenza per un uomo emotivamente disturbato che saltava davanti alle auto ed entrava nei cortili.

Aveva i suoi problemi. Ha passato molto. Proprio non capisco, ha detto Joaquín, riferisce la CNN. Non credo che scoprirò mai perché quella sera era fuori per strada.

La sparatoria è stata ovviamente un suicidio da parte di un poliziotto e rifletteva l'incapacità del dipartimento di addestrare adeguatamente gli ufficiali, ha detto il primo vicepresidente dell'Unione degli ufficiali di polizia di Houston, Douglas Griffith. Questi ufficiali hanno fatto tutto il possibile. Hanno eseguito il backup, il backup, il backup fino a quando non potevano più eseguire il backup, ha detto.

Houston Il sindaco Sylvester Turner ha detto Chavez costituiva solo una minaccia per se stesso e avrebbe potuto vivere e ricevere le cure necessarie giustificando così il licenziamento dei quattro ufficiali.

È stato un incontro di circa 15 minuti e, per quasi tutto il tempo, non posso incolpare gli agenti di polizia per quello che hanno fatto, ha detto Turner. Ma in quegli ultimi secondi, quando è stata usata la forza letale, io, come sindaco di questa città, ho posto diverse domande: “Il sig. Chavez rappresenta una minaccia immediata per qualsiasi agente di polizia o al grande pubblico? Quale arma o strumento aveva che avrebbe potuto rappresentare una minaccia imminente per gli ufficiali o per il pubblico in generale? E, se il signor Chavez avesse avuto un taser in mano, ciò avrebbe giustificato l'uso della forza letale?'... E in questo caso, ho concluso che non c'era alcuna minaccia imminente per nessun agente di polizia.

Articoli Interessanti