Gli studenti bruciano il libro d'autore di Latina per aver chiamato il privilegio bianco

Foto: Unsplash/@nonsapvisuals


L'autrice e professoressa Jennine Capó Crucet intendeva discutere del suo nuovo libro Il mio tempo tra i bianchi: appunti da un'educazione incompiuta agli studenti della Georgia Southern University per discutere del privilegio dei bianchi. Tuttavia, alcuni degli studenti bianchi non erano d'accordo con il suo punto di vista e ha reagito bruciando il suo libro .

Crucetta cappuccio, New York Times collaboratore e professore presso l'Università del Nebraska, è stato il relatore ospite presso la Georgia Southern University mercoledì nell'ambito della conferenza dell'anno sull'esperienza del primo anno (FYE).

Il suo libro del 2016, Crea la tua casa tra estranei, è una lettura obbligatoria per gli studenti FYE, riportava il giornale del college, quindi il suo contenuto non avrebbe dovuto sorprendere gli studenti. L'evento è diventato dispettoso durante la parte di domande e risposte quando alcuni studenti bianchi hanno interrogato lei e il suo libro in merito al privilegio dei bianchi.

Ho notato che hai fatto molte generalizzazioni sulla maggior parte di i bianchi sono privilegiati , le ha detto uno studente durante l'evento, secondo La George-Anne . Ciò che ti fa credere che va bene venire in un campus universitario, come questo, quando dovremmo promuovere la diversità in questo campus, che è ciò che ci viene insegnato. Non capisco quale fosse lo scopo di questo.

Dopo l'evento, gli studenti hanno deciso di bruciare il suo libro fuori dai loro dormitori.

In risposta a questo terribile incidente, la scuola ha risposto dicendo: 'Sebbene sia nei diritti del Primo Emendamento degli studenti, il rogo di libri non è in linea con i valori della Georgia Southern né incoraggia il discorso civile e il dibattito delle idee.

Ciò che è in linea con questa questione disgustosa è che questi studenti che hanno deciso di bruciare un libro scritto da un illustre autore latina stanno dimostrando la loro opinione sul privilegio dei bianchi.

https://twitter.com/crucet/status/1182338583753039875

Sono venuto qui perché sono stato invitato , e ho parlato del privilegio dei bianchi perché è una cosa reale di cui stai effettivamente beneficiando in questo momento anche solo ponendo questa domanda, ha detto Crucet agli studenti durante le domande e risposte.


Ciò che è così straziante per me e ciò che è così difficile in questo momento in questo momento è aver letteralmente letto e parlato di questo momento esatto che sta accadendo, e sta succedendo di nuovo. Ecco perché in questo discorso c'è un'esperienza diversa, l'esperienza dei bianchi, ha aggiunto.

Il razzismo e il privilegio radicati in quest'area sono palpabili.

Mi sono trasferito a Savannah solo un anno fa per frequentare il Savannah College of Art and Design, che non è troppo lontano dalla Georgia Southern University, e mi sono sentito subito sgradito. Questa non è un'esagerazione o un frutto della mia immaginazione. Non sono estraneo alla tradizione meridionale. Ho vissuto nella Carolina del Nord per due anni e la mia esperienza non è stata per niente come quella a Savannah, anche mentre riferivo del KKK.

Proprio il mese scorso, abbiamo segnalato un altro incenso razzista a Savannah che è stato condiviso su Twitter in cui un un uomo bianco dichiaratamente razzista ha detto a una latina di smettere di parlare spagnolo.

Quando ho detto a mio marito bianco dell'incidente contro Capó Crucet, ha detto: mi dispiace, Araceli. Cosa possiamo fare per contrastare questo tipo di risposta?

Onestamente, non ho una risposta. Come possiamo rettificare il privilegio bianco quando le persone che ne beneficiano non lo riconoscono nemmeno in se stesse?

Articoli Interessanti