GQ nominata Serena Williams Donna dell'anno e WTF stavano pensando?

Foto: Wikimedia/Edwin Martinez


Sembra GQ si sono appena trovati in una merda seria. Lunedì, la rivista ha annunciato i suoi premi annuali di Uomini dell'anno che includevano tutti da Michael B. Jordan, Jonah Hill, Henry Golding insieme a una donna dell'anno: Serena Williams. Questa dovrebbe essere un'ottima notizia, giusto? Bene, è solo GQ incasinato e incasinato male che la copertina che presenta Williams ha letto Introducing the Woman of the Year 2018. Seriamente, cosa diavolo stavano pensando con quello?

Dal rilascio del numero della rivista, la copertina da allora ha suscitato indignazione soprattutto da parte della gente su Twitter per una serie di motivi. Per cominciare, la Williams è stata molto aperta prima su alcune delle crudeli critiche che ha ricevuto per essere una donna di colore con un corpo muscoloso e atletico, nonostante sia una delle migliori e più potenti atlete del mondo.

L'anno scorso ha scritto una lettera aperta su Reddit a sua madre poco dopo aver dato alla luce il suo primo figlio e la figlia Alexis Olympia Ohanian, Jr. Nella lettera non solo ha ringraziato sua madre per aver sempre mostrato forza e classe quando Williams ha dovuto affrontare la vergogna del corpo a causa degli haters, ma ha anche dettaglia alcuni dei commenti duri che sono stati fatti sul suo corpo da quando aveva 15 anni.


Sono stato chiamato uomo perché apparivo esteriormente forte, scrisse. È stato detto che uso droghe (No, ho sempre avuto troppa integrità per comportarmi in modo disonesto per ottenere un vantaggio). È stato detto che non appartengo agli sport femminili, che appartengo a quelli maschili, perché sembro più forte di molte altre donne. (No, lavoro sodo e sono nato con questo corpo tosto e ne sono orgoglioso).

Un responsabile della ricerca per la rivista di nome Mick Rouse si è rivolto a Twitter per spiegare la decisione alla base delle citazioni e, onestamente, non è abbastanza buono. Afferma che l'unico motivo per cui sono state aggiunte le citazioni è perché è stato scritto a mano e progettato da Virgil Abloh, noto per lo stile di tutto tra virgolette. In ogni caso, questo è il motivo per cui il contesto è così importante. Considerando ciò che la Williams ha dovuto sopportare riguardo alla sua femminilità costantemente messa in discussione, la cosa intelligente da fare sarebbe stata lasciare le citazioni fuori da questo.

https://twitter.com/crissles/status/1062021072348942336?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1062021072348942336&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.refinery29.com%2Fen-us%2F168%2Fen-us%2F168%2Fen-us%2F168%2 2F1682 2Fserena-williams-gq-donna-dell-anno-controversia

Se GQ se avessero fatto i compiti, avrebbero saputo quanto sia dannoso mettere una donna tra virgolette per una cover di Serena Williams, soprattutto quando in passato è stata chiamata di tutto, da uomo a donna trans. Questa donna è stata costantemente ridicolizzata per il suo aspetto e per il suo corpo nero. Mettere la donna tra virgolette era come suggerire che non è affatto una donna. GQ ha già messo altre donne sulla copertina dei loro problemi. L'anno scorso, hanno inserito Gal Gadot come Wonder Woman dell'anno. Hanno messo virgolette intorno alla parola donna per Gadot? No. Vedi il problema qui?

I corpi delle donne nere sono stati sorvegliati per secoli e Williams ne è stato un ottimo esempio. In agosto, la sua tuta nera è stata bandita dalle future aperture francesi . Era un body completo che non mostrava assolutamente la pelle, eppure il presidente della Federazione francese di tennis Bernard Guidicelli sentiva che non rispettava il gioco o il luogo. La realtà è che quel body su un'atleta bianca magra e meno muscolosa come Maria Sharapova non sarebbe mai stato bandito. Sarebbe stato un non problema. Il fatto che fosse sul corpo nero a figura intera, muscoloso e sinuoso di William è ciò che ha reso la gente a trovarlo offensivo e indecente, parole che sono state usate per descrivere i corpi femminili neri per secoli.


Non farmi nemmeno iniziare su come Williams è stato trattato agli US Open di quest'anno e accusato di barare e attaccato pubblicamente per aver avuto un crollo quando sappiamo tutti dannatamente bene che se un atleta maschio bianco avrebbe mostrato lo stesso comportamento in campo sarebbe stato NBD.

Indipendentemente dal fatto che lo volessero o meno, GQ ha profondamente mancato di rispetto alla Williams mettendo la donna tra virgolette sulla copertina del loro numero. Hanno giocato nel corpo crudele facendo vergognare questa donna ha dovuto sopportare praticamente dall'inizio della sua carriera e a questo punto del gioco questo tipo di merda è senza dubbio inaccettabile. Williams non ha ancora rilasciato una dichiarazione su questa copertina, ma una cosa è certa: GQ deve fare di meglio. In effetti, quando si tratta di corpi femminili neri, tutti devono fare di meglio. È il 2018 ed è giunto il momento di smettere di trattare i corpi delle donne nere come se fossero tutt'altro che magici perché lo sono... punto.

Articoli Interessanti