By Erin Holloway

I benefici del tamarindo

Foto: Unsplash/@win2thant


Il tamarindo è un frutto a forma di baccello con un guscio duro da crema a marrone che lo distingue dagli altri, e al suo interno porta i semi ricoperti da una lucida polpa ramata. Il suo sapore è agrodolce a maturazione. Originario dell'Africa, questo frutto può essere trovato e coltivato in India, Asia meridionale, Messico e America Latina, incluso Porto Rico.

Sono diversi i benefici per la salute che ci offre e può essere consumato puro, per infusione come un tè o preparando una ricetta sfiziosa dove si mette in risalto il frutto. Serve come rimedio per pulire l'intestino, poiché agisce come un leggero lassativo. Può abbassare i livelli di colesterolo e zucchero nel sangue, oltre a aiutare a regolare la pressione sanguigna. Il tamarindo combatte mal di testa e tosse. È ricco di vitamine, minerali e fibre.

Il raccolto di tamarindo inizia tra i mesi di Febbraio e marzo ma raggiunge il suo apice tra i mesi di aprile e giugno, terminando di solito nel mese di luglio. L'albero di tamarindo è un albero a crescita lenta anche se può raggiungere un'altezza compresa tra 80 e 100 piedi. È ideale per i climi tropicali in quanto resiste al vento, i suoi rami sono robusti e resiste al caldo e alla siccità.


I semi di tamarindo prendono in mezzo otto e dieci giorni per germogliare e possono essere trapiantati quando raggiungono i cinque centimetri. Quando il tamarindo è giovane, necessita di acqua frequente e meno quando è adulto. È un albero che si adatta a diversi terreni e il fertilizzante che utilizza è una combinazione 50/50 di fosforo e azoto. Può essere utilizzato anche un compost di materia organica decomposta.

Ora che l'estate si avvicina e il caldo sta arrivando, un modo per incorporare il tamarindo in una bevanda è con un lime al tamarindo. La ricetta è semplice: In una casseruola, mescolare il tamarindo con l'acqua e spremere fino a quando i semi non saranno puliti. Passate quindi la polpa di tamarindo al frullatore e filtratela, aggiungete lo zucchero a vostro piacimento, mettete il composto in bicchieri di plastica e mettetelo in freezer.

Testo di Mariana I. Rosado Meléndez ea cura di Perla Sofía Curbelo Santiago

Fonti consultate:

http://www.know-it-all.org/agricultura/frutales/tamarindo.html

http://www.botanical-online.com/tamarindo_propedades_medicinales.htm

http://ricette-tipicas.blogspot.com/2009/06/limbers-de-tamarindo.html