Aubrey Plaza parla di mancanza di diversità a Hollywood

Aubrey Plaza Hulu serie

Foto: Wikimedia/Gage Skidmore


Aubrey Plaza è un'attrice affermata, ma il suo personaggio è così intrecciato con quello del suo ruolo più famoso che è facile presumere che sia altrettanto impassibile, ma una conversazione con lei e quell'ipotesi svanisce rapidamente.L'educata e amichevole attrice 34enne sta attualmente recitando in un remake del classico slasher del 1988, Gioco da ragazzi in uscita il 21 giugno. La versione rinnovata presenta una bambola Smart Chucky che usa la tecnologia per terrorizzare.

È famosa soprattutto per il ruolo di April Ludgate in Parchi e attività ricreative , in cui ha recitato al fianco di Amy Poehler, Rashida Jones e Chris Pratt dal 2009 al 2015.Ha interpretato la stagista disamorata con un oscuro senso dell'umorismo e, come Plaza, lo è anche mezza latina anche se non è mai stato qualcosa in cui hanno davvero giocato nello show.

Ho chiesto ai produttori di Parchi e attività ricreative avere April Ludgate per metà ispanica solo per mostrare che qui c'è un personaggio che non è uno stereotipo e sembra essere anche latino, ha detto HipLatina durante un colloquio telefonico


Per Plaza, questo personaggio si è sentito un po' più vicino a casa rispetto al suo ruolo di KarenBarclay, la madre vedova del tredicenne Andy, un ragazzo sordo che riceve la bambola Chucky come regalo di compleanno. Questo ruolo è pieno di primati: il suo primo ruolo da mamma, la prima volta che lavora con un bambino e il suo primo film horror.

Quella è stata la sfida più grande, portare quella nuova versione di me stesso sullo schermo. Inoltre, ovviamente le circostanze sono così folli e spaventose che anche quella è stata una sfida.

aubrey-plaza-gioco per bambini

Per gentile concessione di Orion Pictures

Ma, come la maggior parte degli attori televisivi inevitabilmente legati al loro ruolo più famoso, non si allontana dall'insolito o fuori dal marchio, mettendo in mostra le sue capacità oltre l'umorismo impassibile.

Ha recitato nel nerocommedia drammatica Ingrid va a ovest nei panni di una donna mentalmente instabile con un'ossessione per i social media, ha interpretato una suora sboccata nella commedia medievale Le Piccole Ore ,e una stereotipata sorellanza con un debole per gli uomini più grandi Nonno sporco.

Quando le è stato chiesto se c'è un personaggio iconico di Latina che vorrebbe interpretare, non riesce a pensarne uno, in particolare, invece, dice di essere aperta a fare qualcosa di buono.

Per me tutto ciò che è impegnativo è divertente, non mi piace fare la stessa cosa più e più volte, quindi è divertente per me allungarmi e fare qualcosa che non avevo mai fatto prima.

È sorpresa di apprendere che Lynda Carter, che ha interpretato la famosa Wonder Woman, è anche per metà latina (sua madre era messicana-americana) e afferma con entusiasmo che assumerebbe il ruolo se si presentasse l'opportunità.

La sua Latinidad è sempre stata ai margini della sua identità a Hollywood, ma non l'ha mai evitata.

Cresciuta a Wilmington, Delaware significava che era cresciuta in un ambiente non molto vario, quindi essere di carnagione chiara e latina significava che doveva affrontare commenti ignoranti.Ha parlato con latino rivista nel 2014 sulla vittoria di un premio per l'adolescente ispanico dell'anno e sul sentirsi malissimo da quando lei sentiva che non meritava di essere solo per metà latina.

Stavo vincendo i premi per la diversità e le persone mi hanno sempre insultato, ha detto.Il concetto di essere per metà latina o quell'essere la pelle troppo scura o chiara in qualche modo delegittima la tua eredità è fin troppo comune nella cultura latina.

Ma gli sforzi di Plaza per rappresentare l'atipica latina sono evidenti dalla sua spinta ad avere Ludgate per metà latina alla sua mera esistenza di donna dalla pelle chiara di origine portoricana a Hollywood.

Molte persone non danno per scontato che io sia portoricano perché sono di carnagione chiara, ha detto l'attrice a Cosmopolitan per le latine. Ma mi sento molto legato a quel lato della mia famiglia.

https://www.instagram.com/p/Ba4d_kKhfXl/


Assumere il ruolo iconico non sarebbe troppo impegnativo, considerando che ha una certa esperienza nel regno dei fumetti con il ruolo del cattivo mutante Lenore Lenny Busker nella serie FX Legione . In origine, il personaggio era stato scritto come un uomo di mezza età, ma Plaza ha ottenuto la parte e l'ha fatta sua.

In nella serie, ha avuto modo di eseguire una breve sequenza di ballo che ha già più di un milione di visualizzazioni su Youtube ed è stato considerato un momento preferito dai fan.Ballare e cantare sono due talenti per cui non è nota, ma ancora una volta sta dimostrando di essere capace di fare di più e spera di recitare un giorno in un musical.

Il suo film musicale preferito è È nata una stella di Judy Garland, anche se le è piaciuta anche la versione di Lady Gaga ed è andata a vederla la sera dell'inaugurazione.

Sarebbe molto diverso e divertente. Da piccola facevo teatro musicale, ma da adulta non l'ho fatto, dice.

Data l'opportunità di rifare un altro classico della sua giovinezza, le sue scelte sono sia sorprendenti che in qualche modo in linea con il marchio: Un bel giorno , la commedia romantica su due genitori single che lavorano e Mamma seriale una commedia poliziesca su una mamma americana in una follia omicida.Nel frattempo, è più concentrata sullo sviluppo di progetti di cui è appassionata e in cui è coinvolta in modo più creativo.

Penso che ora sto arrivando al punto in cui mi piacerebbe fare il mio film. Quindi spero che sia qualcosa che farò presto, dice.

Ma si sta anche sforzando di seguire il suo ritmo e ora che è più affermata si sente meglio nel dire di no a determinati progetti. In un tempo in cui burnout millenario è una cosa reale, è concentrata sul prendere le redini.È una grande sostenitrice della terapia e dice che sta lavorando per trovare il tempo per stare tranquilla e connettersi con se stessa nel mezzo del suo programma di lavoro caotico.


Ad un certo punto, mi sono sentito così spaventato che non avrei mai più lavorato se non avessi continuato ad andare avanti. Ora mi sento un po' più come un no, dovrei fare solo le cose che mi appassionano davvero, ha detto. Non ho bisogno di continuare a compiacere le altre persone e fare cose perché è quello che le persone vogliono che io faccia. Dovrei essere autentico e fedele a me stesso e fare solo cose di cui sono orgoglioso.

Visualizza questo post su Instagram

l'ho fatto così entusiasta di essere qui con @lgusamobile che regala 200.000 telefoni e piani di servizio #LGG7ThinQ per fornitori di servizi senza scopo di lucro per aiutare con i loro continui sforzi di recupero. SEGUI IL MIO VIAGGIO su @lgusamobile insta stories. #WhatsItGonnaTake #ad #PuertoRico

Un post condiviso da piazza Aubrey (@plazadeaubrey) il 27 agosto 2018 alle 9:43 PDT

È stata anche una sostenitrice vocale della diversità a Hollywood, anche quando ha chiamato gli Oscar per non aver mai assegnato un cenno alla migliore attrice a un'attrice latina nei suoi oltre 90 anni di storia dDurante il suo discorso di accettazione del 2018 per il National Hispanic Media Coalition Impact Award per il suo ruolo in Ingrid va a ovest.

Accetterò il premio come miglior attrice protagonista a nome della cerimonia degli Oscar perché stasera ho sentito un fatto divertente che non avevo mai saputo prima, ovvero che nessuna attrice latina ha mai vinto come miglior attrice agli Oscar. Sempre. Quindi lo accetterò stasera per manifestare quell'energia, aveva detto.

Anche se abbiamo spettacoli come Giovanna la Vergine e Vita e film come quelli acclamati dalla critica dell'anno scorso Roma con Yalitza Aparicio, I latini hanno ancora interpretato solo il 2,7% dei ruoli nei migliori film dell'anno nel 2016.

Penso che si stiano facendo passi da gigante con la diversità nel cinema e in televisione. Penso che le persone stiano facendo uno sforzo, ma continuo a non pensare che la comunità ispanica sia rappresentata a sufficienza e penso che ci debbano essere più tipi di ruoli e meno stereotipi. Ne abbiamo ancora bisogno, quindi abbiamo ancora molta strada da fare, conclude Plaza.