I funzionari della scuola di Chicago rimuovono l'insegnante per aver detto a Latina 'Torna nel tuo paese'

Foto: Unsplash/@ Thoughtcatalog


Non è illegale sedersi durante l'inno nazionale. È un diritto costituzionale protestare pacificamente. Il 30 gennaio, una studentessa latina della Senn High School di Chicago di nome Yesica Salazar ha fatto la scelta consapevole di non stare in piedi mentre suonava l'inno nazionale durante un'assemblea del patrimonio ispanico. Ma il suo insegnante non ha approvato, e quello che è successo dopo è un vero testamento del potere che i giovani conferiscono.

Secondo le notizie, quando Yesica si è seduta in silenzio di protesta, altri due amici si sono uniti a lei e si sono seduti anche loro. L'insegnante (la loro identità non è stata divulgata) ha chiesto alla giovane latina se avesse le gambe rotte. Poi, secondo quanto riferito, l'insegnante le ha detto che se non voleva stare in piedi, doveva tornare nel suo paese. La studentessa ha informato l'insegnante di essere nata negli Stati Uniti.

Ma l'insegnante non aveva finito di sminuire e dire cose razziste. Quando un'altra adolescente si è seduta per protestare contro l'inno, questa volta una studentessa di colore, l'insegnante ha detto loro se faceva parte della scuola pubblica programma pranzo gratuito e ridotto del sistema , dicendole che avrebbe dovuto difendere le persone che sono morte per il paese, la Washington Post rapporti. L'insegnante ha poi chiesto a entrambi di lasciare l'assemblea. Secondo quanto riferito, sono andati a lavorare sulle loro domande per il college.

La settimana successiva gli studenti della Senn High School hanno organizzato un sit-in e hanno chiesto giustizia per lo sfogo razzista dell'insegnante. I funzionari delle scuole pubbliche di Chicago hanno detto che avrebbero indagato sulla questione.


Il CPS si impegna a promuovere ambienti di apprendimento che abbraccino e supportino tutti gli studenti, e le presunte azioni dell'insegnante in questione sono contrarie alle nostre convinzioni e priorità come distretto scolastico, ha affermato il portavoce James Gherardi, secondo Block Club Chicago. Il distretto sta aprendo un'indagine sulle presunte azioni e sosteniamo gli studenti che hanno pacificamente sollevato le loro preoccupazioni.

La scorsa settimana, i funzionari hanno finalmente annunciato di aver rimosso l'insegnante dalla scuola. Tuttavia, non è certo se l'insegnante verrà licenziato definitivamente.

Al termine dell'indagine di OSP, verrà presa una decisione finale in merito se è opportuno che questo individuo torni a Senn , ha scritto il preside di Senn Mary Beck.

Che l'insegnante ritorni o meno è fuori questione. Gli studenti hanno dimostrato che se si fossero radunati insieme e pacificamente, i funzionari della scuola li avrebbero ascoltati e avrebbero tenuto in attenta considerazione le loro preoccupazioni. Pretesero che la loro voce fosse ascoltata, ed è di questo che tratta questo Paese.