By Erin Holloway

Il documentario 'Homecoming' di Beyoncé è un inno alle donne nere

Foto: Instagram/Beyonce, Netflix


Ero in vacanza a Marrakech, in Marocco, quando Beyoncé ha deciso improvvisamente di benedire il mondo con il suo nuovo documentario Ritorno a casa — ora disponibile per la visione su Netflix. Il film è basato sulla sua esibizione al Coachella del 2018, che non è solo diventata la performance più iconica della storia, ma anche la prima volta che una donna di colore è stata protagonista del festival. La prima cosa che ho fatto una volta tornato a casa è stata accendere Netflix e guardare il documento. Dopo averlo visto, me ne sono subito reso contoquesta performance - questo documentario - era essenzialmente il regalo di Bey alle donne nere di tutto il mondo!

L'accordo di Beyoncé con Netflix vale già ben 60 milioni di dollari e non finisce qui. Ritorno a casa in realtà è solo il primo di tre speciali: ce ne sono altri due in arrivo. Bey ha scritto, diretto e prodotto il documentario. Lo ha persino lasciato cadere con un album dal vivo di accompagnamento con lo stesso nome.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Beyoncé (@beyonce) il 17 aprile 2019 alle 00:30 PDT

Non ho partecipato al Coachella 2018, quindi non è stato finché non l'ho visto Ritorno a casa , che ho compreso appieno l'impatto che questa performance ha avuto e ha tuttora sulla comunità nera. Tutto ha trasmesso quel messaggio, dall'orchestra in stile banda musicale, agli stepper e l'enfasi sull'importanza di come le università e le università storicamente nere (HBCU) abbiano svolto un ruolo vitale nella storia americana. In effetti, durante l'intero film, Bey rende omaggio alle HBCU e si apre persino su come avrebbe voluto averne partecipato lei stessa.

Ho sempre sognato di andare in un HBCU, dice e in seguito spiega come l'esibizione, anche durante le fasi delle prove, sembrava letteralmente un'esperienza HBCU.

Sembrava che fossimo tutti collegati, e sembrava letteralmente di essere nella nostra università e lottare insieme, ha detto. Le ore erano incredibili.

Beyoncéavrebbe potuto fare Coachella come ogni altro artista iconico ha fatto, concentrandosi solo su una performance killer. Ma aveva in mente un obiettivo più grande.

Quando ho deciso di fare Coachella, invece di tirare fuori la mia corona di fiori, era più importante portare la nostra cultura al Coachella, ha detto.

Questo è essenzialmente ciò che riguardava l'intera performance: elevare le voci nere, i corpi neri e la cultura nera.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Beyoncé (@beyonce) il 17 aprile 2019 alle 00:33 PDT


Il film sottolinea anche l'importanza della rappresentazione, specialmente per le donne nere.Era importante per Bey che tutte le donne nere nel suo show si sentissero viste, si sentissero belle, si sentissero a proprio agio nella loro pelle ed era altrettanto importante che i suoi spettatori si sentissero visti.

Volevo che ogni persona che è mai stata licenziata a causa del modo in cui sembra si sentisse come se fosse su quel palco ad ucciderli. Uccidendoli, ha detto.

Ciò che mi ha colpito di più è stata la lotta dietro a questa performance epica. Dalle ore folli che tutte le persone coinvolte hanno dovuto dedicare, a Bey che cercava di conciliare maternità e lavoro, mentre si riconnetteva con il suo corpo e cercava di perdere peso dopo aver dato alla luce i suoi gemelli. Ha seguito una dieta intensa che eliminava tutto da pane, carboidrati, zucchero, carne, pesce e alcol e si è allenata in bicicletta e ballando per rimettersi in forma e ritrovare la resistenza e la resistenza di cui aveva bisogno per lo spettacolo. Ha sacrificato così tanto per mettere su questa performance che sapeva che la comunità aveva bisogno.

È difficile credere che dopo tutti questi anni sia stata la prima donna afroamericana a fare da headliner al Coachella. Per me era importante che tutti quelli che non si erano mai visti rappresentati si sentissero come se fossero su quel palco con noi, ha detto. Come donna di colore, mi sentivo come se il mondo volesse che rimanessi nella mia piccola scatola. E le donne nere spesso si sentonosottovalutato. Volevo che fossimo orgogliosi non solo dello spettacolo ma... del processo. Orgoglioso della lotta. Grati per la bellezza che accompagna una storia dolorosa e gioisci del dolore. Rallegrati delle imperfezioni e dei torti che sono così dannatamente giusti. E volevo che tutti si sentissero grati per le loro curve, la loro impertinenza, la loro onestà, grati per la loro libertà. Non c'erano regole e siamo stati in grado di creare uno spazio libero e sicuro dove nessuno di noi fosse emarginato.

E Beyonce ha fatto proprio questo. Si è spinta in luoghi – al limite – anche lei non sapeva essere possibili perché era importante per lei creare questo spazio libero e sicuro per la sua comunità, che è stata storicamente emarginata per anni. Per lei era importante mostrare il loro talento ed elevare le loro voci e lasciare che il mondo vedesse e testimoniasse di persona la magia che arriva quando i neri si uniscono per creare. Questo documento era necessario. Era potente e stava guarendo.

Come molti, questo documentario mi ha sconvolto in modi che non mi aspettavo. Grazie, Beyoncé. Non vedo l'ora di vedere la magia che ha in serbo per i prossimi due progetti!