Il governo stava monitorando i periodi delle ragazze prive di documenti

Foto: Unsplash/@darren1303


Mentre il nostro governo ha svolto un lavoro orrendo nel tenere traccia del separazione delle famiglie al confine, una cosa di cui sono riusciti a tenere traccia sono stati i periodi delle ragazze. Secondo documenti ottenuto da MSNBC, l'amministrazione Trump ha documenti che descrivono in dettaglio il ciclo mestruale delle ragazze prive di documenti per sapere se e quando sono incinte. Tuttavia, l'Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati, incaricato di prendersi cura dei migranti detenuti, non ha raccolto queste informazioni per aiutare queste ragazze con la loro salute, ma per assicurarsi che non potessero accedere all'aborto.

Una storia pubblicata in Harpers Baazar mostra la correlazione tra il governo che tiene traccia dei loro periodi e l'ex capo dell'Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati - Scott Lloyd. La storia indica che, a causa della storia di Lloyd come crociato contro l'aborto, il suo obiettivo fin dall'inizio era impedire a tutte le ragazze incinte prive di documenti di scegliere cosa volevano fare con la loro gravidanza.

La prova dell'intervento dell'Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati è quando hanno cercato di impedire alle donne prive di documenti di abortire. Nel 2017 Lloyd testimoniato che alle donne prive di documenti non è stato concesso il diritto di scelta – come incriminato dalla legge – perché sono cittadine prive di documenti e non americane protette dalla legge.


Quando c'è un bambino nel programma che è incinta, l'ha contattata e ha cercato di aiutare il più possibile con opzioni che affermano la vita, ha detto un funzionario del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti al Washington Post nel 2017. Per legge ha l'affidamento di questi bambini e, proprio come un genitore adottivo, sa che è una grande responsabilità e farà le scelte che ritiene siano le migliori sia per la madre che per il bambino.

L'American Civil Liberties Union (ACLU) intervenuto a nome delle donne incinte prive di documenti e un giudice ha stabilito che il governo non può impedire loro di abortire. Lloyd, che in passato ha pagato la sua ex per aiutarla ad abortire , da allora è stato rimosso dal suo incarico presso l'Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati.

Il Bazar di Harper il pezzo prosegue collegando il collegamento tra i periodi di monitoraggio dell'amministrazione Trump e il blocco degli aborti a un'agenzia di affidamento/adozione che ha ricevuto centinaia di migliaia di dollari dal segretario all'istruzione di Trump, Betsy DeVos.

Non è chiaro se il governo e i funzionari dell'immigrazione stiano continuando a monitorare i cicli mestruali delle donne prive di documenti che sono attualmente detenute. Prima che i documenti venissero scoperti, Lloyd negato tenere traccia dei loro periodi sotto giuramento. Ora gli viene chiesto di farlo chiarire quei commenti ora che la verità è stata rivelata.