By Erin Holloway

Come questa artista di New York sta usando la sua identità marrone senza scusarsi per dare potere agli altri

Giovanna Toruno

Foto: Per gentile concessione di Johanna Toruno


Troverai Johanna Toruno per le strade di New York che intonaca le immagini della sua poesia filtrata dai fiori, Kendrick Lamar e Selena su muri bianchi, lampioni ed edifici. Quando mi sono imbattuto La serie impenitentemente marrone su Instagram sono stato incuriosito non solo dal nome ma dal concetto di essere impenitente e marrone come premessa per un corpo di street art. Volevo anche saperne di più sulla donna dietro un movimento che porta scintille di gioia e accettazione alle donne di colore con ogni mezzo necessario.

Toruno iniziò a scrivere per far fronte alla sua improvvisa immigrazione negli Stati Uniti. Sono arrivata negli Stati Uniti da El Salvador nel 1999, quando avevo nove anni e avevo 10 anni. Mia madre è venuta negli Stati Uniti sei mesi prima di me dopo che mio cugino è stato rapito e ucciso. Mia zia mi ha portato a trovare mia madre ma non mi hanno detto che mi sarei trasferita qui. Abbiamo dovuto ricominciare da capo. La vita negli Stati Uniti per gli immigrati è dura; La storia di Toruno non è finita semplicemente quando è arrivata negli Stati Uniti. Mia madre ha finito per sposare un ragazzo bianco che ci ha abusato, e lui è in prigione per il resto della sua vita per quello che ci ha fatto. La mia serie è il modo in cui affronto e il modo in cui affronto le cose difficili che ho attraversato nella mia vita.

Quando sono venuto qui non parlavo affatto inglese ed ero così arrabbiato perché non parlavo la lingua e sono stato costretto a vivere qui. Così ho iniziato a scrivere per affrontare la cosa. Era un modo per controllare ciò che non potevo controllare per molto tempo, ovvero la barriera linguistica. Ha iniziato facendo poesie di parole parlate. Penso che alcune poesie debbano essere pronunciate ad alta voce, devono ricevere vita in un modo diverso dalla semplice lettura. Presto è passata a creare volantini di se stessa con i suoi scritti e ad affiggerli nella sua casa nel Queens e in tutta New York.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Unapologetic Street Series (@theunapologeticstreetseries)


Ho iniziato come artista della parola e poi ho iniziato a fare arte politica. I nostri problemi non sono iniziati quando è entrata in gioco questa amministrazione, ma la natura e il clima delle persone ora sono a un livello completamente nuovo di razzismo. Avevo bisogno di fare qualcosa per combattere ciò che stava accadendo. E lei, attraverso il suo lavoro, guarisce se stessa e altre donne che stanno calpestando spazi che si sentono presi in prestito in questo clima politico sempre più ostile. È bello vedere cose che fanno per te quando sei in posti che non lo sono.

È giusto che i suoi volantini siano messi in bella vista affinché tutti possano vederli con messaggi diretti alle donne Brown che camminano per le strade. Sebbene molti dei suoi poster facciano riferimento a una dura realtà, mostrano anche un lato più morbido grazie alla sovrapposizione floreale che usa sul suo lavoro. I fiori sono la mia passione, non possiedo le immagini di persone come Selena o Angela Davis ma ho messo insieme i poster. La poesia è mia. Scelgo ciò che mi parla e ciò che penso sia importante evidenziare per le altre persone. A volte i poster presentano personaggi pubblici come Angela Davis con una citazione , a volte un paragrafo di riflessioni politiche, a volte solo poche parole toccanti.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Unapologetic Street Series (@theunapologeticstreetseries)

Aumenta la visibilità delle sue opere utilizzando i social media e ha avuto la fortuna di ottenere una reazione positiva dalla maggior parte delle persone. Non ho incontrato molta resistenza, ma devo navigare avendo un tale impatto: devo imparare come essere lì per le persone. C'è qualcosa da dire sulla natura viscerale dell'arte a cui puoi accedere e interagire così facilmente, soprattutto perché il concetto stesso di arte è qualcosa che è stato mantenuto elitario e strettamente regolamentato. UN studi recentiquesto non ha sorpreso assolutamente nessuno: ha concluso che l'80,5% degli artisti nelle migliori gallerie di New York erano bianchi e il 70% erano uomini. È importante che le donne di colore si vedano rappresentate, ma è anche altrettanto importante che si sentano come se fossero viste.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Unapologetic Street Series (@theunapologeticstreetseries)

Quando ho chiesto a Toruno cosa voleva che le altre donne sapessero del suo lavoro, la sua risposta è stata rapida. Voglio che le donne sappiano che lo faccio per la mia comunità, è per questo che scelgo le strade come piattaforma. Voglio che le persone abbiano reazioni fisiche al mio lavoro. Voglio che le persone si sentano felici e come se fossero parte di qualcosa. Voglio che le persone si vedano in spazi in cui normalmente non si troverebbero.


In definitiva, la storia di Toruno è una storia di forza. Lei dà l'esempio e cita Rihanna come una delle donne che l'ha ispirata e il nome della sua serie, l'album di Rihanna, Impenitente , si tratta di non essere dispiaciuti per quello che stai facendo. Non mi dispiace per nessuno dei lavori che faccio o per essere marrone.

Puoi seguire l'account personale di Toruno qui e segui la serie @unapologetticallybrown qui per più arte e il suo viaggio per le strade di New York.

Articoli Interessanti