J.Lo è l'unica attrice latina sopra i 45 anni a recitare in un film negli ultimi 12 anni

Foto: Instagram/jlo

I Latinx sono i più grandi etnici minoranza negli Stati Uniti che costituiscono il 18,1 per cento della popolazione della nazione. Tuttavia, il numero di attori e registi Latinx a Hollywood - e in altri settori - non riflette questa realtà.


La dottoressa Stacy L. Smith e la USC Annenberg Inclusion Initiative in collaborazione con la National Association of Latino Independent Producers (NALIP) e Wise Entertainment hanno rilasciato un nuovo rapporto che tiene traccia della mancanza di rappresentanza della comunità Latinx a Hollywood sia davanti che dietro la telecamera.

Solo il 3% dei film vedeva attori Latinx in ruoli principali dal 2007 al 2018 nei 100 film di maggior incasso. J. Lo, Cameron Diaz, Eugenio Derbez e Jessica Alba hanno ricoperto 16 dei 35 ruoli principali intervistati. Il rapporto ha anche visto che quasi la metà dei protagonisti o co-protagonisti di Latinx erano donne, ma cinque delle 17 protagoniste erano interpretate da Cameron Diaz, che è di origine cubana. Solo otto protagonisti maschili e due femminili (entrambi interpretati da J.Lo), co-protagonisti o membri di un cast di ensemble avevano 45 anni o più al momento dell'uscita nelle sale.

In tutto, i caratteri Latinx costituivano solo il 4,5% dei 47.268 totali studiati.

La cancellazione della comunità latina nel cinema crea un vuoto che è stato permesso di riempire con una retorica odiosa e violenta, ha detto in una dichiarazione Mauricio Mota, co-presidente di Wise Entertainment e produttore della serie Hulu nominata agli Emmy East Los High. È fondamentale che i talentuosi narratori della nostra comunità abbiano l'opportunità di raccontare le diverse e vivaci narrazioni del pubblico latino.


Ma la mancanza di rappresentazione non si ferma qui, la cancellazione dell'identità Latinx è prevalente nei personaggi dei film. Nei 100 film di maggior incasso del 2018, a 47 mancava completamente un personaggio latino parlante o di nome e a 70 mancavano le latine.

Per non parlare, c'è anche la questione dello stereotipo sexy latina o dello stereotipo criminale latino. È stato anche riscontrato che i personaggi latini hanno maggiori probabilità di essere sessualizzati rispetto alle loro controparti femminili nere o asiatiche, così come alle loro controparti latine. Il 24% di tutti i personaggi di lingua latina in 200 film popolari hanno dimostrato di essere criminali e il 12% era capriccioso o arrabbiato. Il trentasei percento era isolato, senza comunità o qualcosa che li legasse specificamente alla loro eredità.

È anche importante notare che le persone della comunità LGBTQIA+ e le persone con disabilità sono anche tristi con solo cinque film su 500 e 13 su 400 inclusi personaggi con queste esperienze, rispettivamente, tra il 2014 e il 2018.

La rappresentazione dietro la macchina da presa non è migliore con i registi di Latinx che rappresentano solo il 4% e solo il 3% dei produttori, 78 di quei crediti erano detenuti da Latinos e 19 da Latinos. La regista messicana Patricia Riggen, che ha diretto il film del 2015 sul disastro minerario cileno Il 33 , è stata l'unica donna latina su 1.335 registi totali studiati.

Hollywood ha ancora molta strada da fare Il 77% degli stati e dei territori degli Stati Uniti ha una popolazione di latini superiore alla percentuale vista nei film.

Gina Rodriguez, che ha recitato in Signorina Bala , un film uscito nel 2019 con un cast composto per il 95% da Latinx da anni discute apertamente della mancanza di rappresentazione di Latinx nei film. I latini costituiscono uno su quattro biglietti venduti al multiplex. Sono tra la più alta popolazione di spettatori. Abbiamo bisogno di ascoltare le nostre storie. Vogliamo che i film riflettano la nostra cultura, ha detto al Las Vegas Review-Journal.

Secondo un Rapporto MPAA del 2017 , Latinx ha avuto la più alta partecipazione annuale pro capite, andando al cinema in media 4,5 volte l'anno, acquistando il 23% dei biglietti venduti nel 2017. Con una popolazione così numerosa negli Stati Uniti E potere d'acquisto, si potrebbe pensare che Hollywood prova a trarre vantaggio dal raccontare storie di Latinx, ma questo studio mostra che chiaramente non è così.

Non importa quale parte dell'ecosistema cinematografico abbiamo esaminato, i latinoamericani erano ampiamente sottorappresentati , ha affermato il professor Smith in una nota. Questa comunità rappresenta quasi la metà degli Angelenos, il 39% dei californiani e il 18% della popolazione degli Stati Uniti. In un momento in cui i latini nel nostro paese stanno affrontando intense preoccupazioni per la loro sicurezza, abbiamo urgente bisogno di vedere la comunità latina rappresentata in modo autentico e accurato durante l'intrattenimento.

Ci auguriamo che questo studio incoraggi l'industria cinematografica a diventare più consapevole di raccontare le nostre storie e le storie di altre comunità sottorappresentate. È il momento di cambiare.

Visualizza questo post su Instagram

Ho appena terminato un fantastico allenamento per festeggiare il compleanno e ho contribuito a sostenere la consapevolezza della fame! #NoLimitLegion #Pelothon2020 @onepeloton

Un post condiviso da Jennifer Lopez (@jlo) il 25 luglio 2020 alle 7:35 PDT

Articoli Interessanti