By Erin Holloway

Jada Pinkett Smith ha bandito il figlio Jaden dai pigiama party per proteggerlo dalla violazione

Foto: Wikimedia/Dominick D


Se sei cresciuto in una rigida famiglia latina, è probabile che non ti fosse permesso dormire sopra la casa di nessuno e questo includeva anche i parenti. Era qualcosa che non ho mai capito fino a quando non sono cresciuto, motivo per cui Jada Pinkett Smith L'ultimo episodio del suo programma Facebook Watch Colloquio al tavolo rosso mi ha davvero colpito.

Nell'episodio, Jada ha affrontato il tabù, la vergogna e il disagio che le donne ancora provano quando si tratta di parlare di sesso e ha condiviso alcuni dei suoi pensieri con sua madre Adrienne Banfield-Jones , sua figlia di 17 anni Willow Smith e la migliore amica ventunenne di Willow, Telana Lynum. Le cose hanno preso una svolta interessante quando Adrienne e Jada hanno cercato di spiegare a Willow come gli uomini possono sperimentare pericoli e violazioni sessuali tanto quanto le donne.

Sai quanti uomini conosco che sono stati violentati da ragazzini? Ecco perché ero protettivo nei confronti di Jaden quanto lo ero con te, disse Jada. Non era... no ascoltami, disse a Willow che sembrava dubbiosa. Non gli era permesso passare la notte a casa di nessuno perché non ho mai sottovalutato che un bambino maschio potesse essere violato allo stesso modo di una bambina.

La verità è che i ragazzi possono essere vulnerabili agli abusi sessuali tanto quanto le ragazze. La differenza è che non ne parliamo, il che rende più difficile per i ragazzi condividere il loro trauma.


A casa mia non potevamo dormire a casa di nessuno che non fossero i miei nonni o uno zio e uno zio in particolare che avevano tre ragazze della mia età. Sono cresciuto con due severi genitori latini ed erano particolarmente severi quando si trattava di pigiama party. Intendiamoci, questo non era solo con me e mia sorella. I miei genitori erano anche molto attenti anche con mio fratello minore. Per anni ho pensato che fossero solo paranoici, ma crescendo ho appreso di parenti stretti e amici di famiglia (di entrambi i sessi) che avevano subito aggressioni sessuali, molestie e in alcuni casi anche stupri in tenera età e spesso da un membro della famiglia. I miei genitori avevano sentito diverse storie come questa prima ancora che io e i miei fratelli nascessimo e si sono impegnati a proteggerci.

La verità è che non parliamo abbastanza di come i ragazzi siano spesso violentati sessualmente. Invece rimaniamo in silenzio e facciamo finta che non sia qualcosa che accade, rendendo molto più difficile per le vittime maschi uscire allo scoperto e cercare aiuto.

Quando lo scrittore domenicano-americano, Junot Diaz ha condiviso la sua esperienza con lo stupro da un caro amico di famiglia maschio all'età di 8 anni in un recente saggio personale in Il newyorkese , Internet è impazzito. Nessuno in un milione di anni avrebbe sospettato che l'autore di successo avrebbe vissuto qualcosa di così traumatico. Presto seguirono accuse di cattiva condotta sessista ma la realtà è che il trauma di Diaz probabilmente ha giocato un ruolo importante nel motivo per cui si è impegnato in comportamenti sessisti, machisti e misogini da adulto. Questi sono i tipi di esperienze, a parte ovviamente il condizionamento sociale, che possono in seguito portare al mascolinità tossica che ha consumato la nostra cultura.

Dobbiamo proteggere le donne da comportamenti maschili pericolosi? Sì. Dobbiamo spingere gli uomini a trasformare il loro comportamento? Assolutamente. Ma parte di quella conversazione parla anche di alcune delle violazioni sessuali che anche gli uomini subiscono, specialmente durante la loro adolescenza. Come possiamo aspettarci un cambiamento se non creiamo uno spazio sicuro in cui condividere i propri traumi?


Jada potrebbe non aver approfondito l'argomento, ma solo toccarlo è stato importante e probabilmente ha aperto gli occhi per molte persone, comprese le donne. Dobbiamo proteggere sia le nostre ragazze che i nostri ragazzi e dobbiamo avere un dialogo aperto, onesto e sicuro sulle questioni sessuali che hanno un impatto su entrambi i sessi.