Jennicet Gutiérrez si batte per la comunità trans illegale

Foto: Unsplash/@sharonmccutcheon

Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di coloro che fanno il male, ma a causa di coloro che guardano e non fanno nulla.

- Albert Einstein


Sono trascorsi quattro anni da quando l'attivista transgender Jennicet Gutiérrez ha interrotto il discorso presidenziale del mese del Pride di Obama per attirare l'attenzione sull'esperienza trans non documentata al confine e sotto la detenzione dell'ICE. È stato un atto per cui è stata fischiata ed etichettata come disturbatrice da punti vendita come il Washington Post e Il New York Times .

Le conseguenze hanno portato a una sovrabbondanza di controlli sui toni. L'intero fulcro della sua dimostrazione è diventato l'interruzione irrispettosa o scortese invece dell'abuso crudele e disumanizzante delle persone trans prive di documenti.

La nostra esistenza e umanità sono preziose come qualsiasi altra persona. Ognuno ha il diritto di vivere la propria vita apertamente, ha detto a HipLatina.

Come gli attivisti che l'hanno preceduta, Gutiérrez è in testa alla curva progressista perché come donna trans priva di documenti di Jalisco, in Messico ⁠— doveva esserlo. È co-fondatrice e organizzatrice di Famiglia: Movimento di Liberazione Trans Queer e un organizzatore per #Non1Di più . La sua organizzazione la porta in tutto il paese, dove tiene conferenze nelle università, conduce seminari e continua a lavorare per porre fine alla deportazione, all'incarcerazione e alla criminalizzazione degli immigrati e di tutte le persone di colore.

I riflettori hanno permesso a Gutiérrez ⁠ di parlare del trattamento dei richiedenti asilo trans e delle persone prive di documenti. Ha anche evidenziato le intersezioni e i pregiudizi all'interno dell'attivismo gay tradizionale, dell'attivismo per i diritti dei transgender e dell'attivismo per l'immigrazione. Principalmente ha dimostrato che i sottogruppi più vulnerabili sono ancora messi a tacere e ignorati all'interno e all'esterno del Comunità LGBTQ+ . Secondo la campagna per i diritti umani, la violenza fatale colpisce in modo sproporzionato le donne transgender di colore e che le intersezioni di razzismo, sessismo, omofobia, bifobia e transfobia cospirano per privarle di lavoro, alloggio, assistenza sanitaria e altre necessità, barriere che le rendono vulnerabili.

Visualizza questo post su Instagram

Ci vediamo a Filadelfia dal 17 al 19 maggio 2019. Ci vediamo a Filadelfia dal 17 al 19 maggio 2019. #MiExistirEsResistir2019 National Encuentro #TransPower

Un post condiviso da Jennifer Gutierrez (@jennicetguti) il 13 maggio 2019 alle 15:56 PDT


Avanti veloce fino al 2019 ⁠— ci sono stati almeno 26 morti di persone transgender a causa di violenze mortali, la maggior parte delle quali erano Donne transgender nere . Il più recente è stato il 23enne Muhlaysia Booker, a Dallas, in Texas, e il 26enne Chynal Lindsey, sempre a Dallas, in Texas. Questo mese un richiedente asilo salvadoregno di 25 anni Giovanna Mediana è morto mentre era in detenzione ICE a El Paso, in Texas. La sua morte arriva poco più di un anno dopo un rifugiato guatemalteco di 33 anni Roxanne Hernandez morì anche sotto la custodia del GHIACCIO nella contea di Cibola, nel New Mexico.

Di volta in volta, è ancora dolorosamente evidente che i politici su tutta la linea non sono riusciti ad ascoltare, autorizzare o fornire cambiamenti attuabili e protezione per le persone trans e prive di documenti BIPOC. Qualcosa che Gutiérrez dice è una valutazione cristallina dei valori della nostra nazione e dell'agenda di chi è al potere.

La gente crede ancora che questa sia una democrazia, ridacchiò. Bene, lascia che ti dia il controllo della realtà, in realtà non lo è. Guarda la quantità di militarizzazione, la quantità di celle di prigione e centri di detenzione. Abbiamo funzionari pubblici che credono nel controllo delle persone attraverso l'uso della forza pesante. Non è democratico, è molto fascista. Ti va bene che qualcuno prenda i tuoi diritti e ti dica cosa è accettabile? È davvero libertà?

Caso e punto: nel 2019 non esiste ancora uno standard di trattamento obbligatorio per i detenuti trans dell'ICE nonostante le segnalazioni che sono regolarmente di sesso errato, viene loro negata la terapia ormonale e vengono abusati sia dai detenuti che dalle guardie. Gutiérrez dice che mentre può iniziare con persone prive di documenti e transgender, è solo l'inizio. Questa amministrazione non si fermerà con un gruppo. Stanno andando in pieno vigore per tutti noi. La disumanizzazione ha sempre svolto un ruolo nel sostenere la supremazia bianca. Dobbiamo sfidare quella narrativa, ecco perché la narrazione è così importante, ha detto.

https://www.instagram.com/p/BvRwRydBFdv/


Le storie trans tendono a esporre le umiliazioni più vere e basilari create e perpetuate dal capitalismo, dalla colonizzazione e dalla supremazia bianca. Le storie trans minacciano direttamente lo status quo sottolineando dove i valori americani e le pratiche effettive del governo non sono in grado di allinearsi. È per questo che l'amministrazione Trump continua a sforzarsi così tanto di controllare la narrativa sulle persone trans e prive di documenti. Quando il nostro governo rafforza l'idea che gli esseri umani meritano la vita, la libertà e l'emancipazione economica solo se possono rientrare in categorie arbitrarie, stanno intenzionalmente limitando la libertà che affermano di proteggere. Se la terra dei liberi non è sinonimo di sicurezza chiunque tu sei - questa non è libertà.

Abbiamo bisogno di immaginare un mondo oltre i confini, le prigioni e i centri di detenzione ha concluso Gutiérrez. Dobbiamo mettere le persone in posizioni [di potere] che si preoccupano davvero del benessere dell'umanità, che rispettano le differenze delle persone e quanto tutti possiamo portare a questo mondo.

Puoi seguire Jennicet Twitter & Instagram . Puoi farti coinvolgere Famiglia: TQLM qui .