By Erin Holloway

Jillian Mercado fa sentire le donne diversamente abili

Foto: Instagram/jillianmercado


L'industria della moda è sempre stata nota per far sentire invisibili molte persone. Se non eri una donna alta, bianca, magra, bionda, cisgender ed eterosessuale, non avresti soddisfatto gli standard di bellezza eurocentrici e incredibilmente ristretti del mondo. E se eri disabile venivi completamente escluso dalla conversazione. La mancanza di rappresentanza è dannosa a diversi livelli. Fa sentire le persone invisibili, cancellate e può avere un grande impatto sulla loro autostima e persino sulla salute mentale. Fortunatamente, le cose stanno finalmente iniziando a cambiare ed è tutto grazie alle molte persone che non hanno chiesto educatamente ma senza scusarsi hanno chiesto di essere viste, come Jillian Mercado. Se sei un fan della moda, è probabile che tu abbia sentito parlare di questa tosta Dominicana. La modella di 32 anni a cui è stata diagnosticata una distrofia muscolare spastica da bambina e usa una sedia a rotelle dall'età di 12 anni, si rifiuta di lasciare che la sua disabilità fisica la limiti. È diventata una forza potente e importante nel mondo della moda, aprendo la strada ad altre ragazze come lei per sentirsi viste, ascoltate e rappresentate.

Non solo Jillian ha firmato con una delle migliori agenzie di modelle al mondo - IMG Models - ma è anche una sostenitrice e attivista per la comunità di disabili o diversamente abili. Ha usato la sua piattaforma per elevare la sua comunità e di recente ha parlato a un panel sulla positività del corpo al vertice We All Grow a Long Beach, in California, ospitato da Carolina Conteras (alias Miss Curls) e sponsorizzato da Dove. Jillian ha parlato insieme ad altre potenze latine tra cui l'autrice e fondatrice di Circle de Luz, Rosie Molinary, l'attrice Shakira Barrera e la fotografa Nolwen Cifuentes, sul perché la rappresentazione diversificata è importante.

Visualizza questo post su Instagram

Mai sottovalutare el poder de la mujer! ⁣ -⁣ Ho avuto l'onore di far parte di una giuria con i potenti della comunità latina come @miss_rizos @rosiemolinary @shakirabarrera e @nolwencif per parlare del motivo per cui una rappresentazione diversificata della nostra comunità è importante su media e pubblicità. Ognuno racconta le nostre storie individuali e come TU puoi aiutare a continuare la conversazione molto importante. Grazie @dove @weallgrowlatina per avermi ospitato! #weallgrow #doveus ⁣ -⁣ Top di @_ana_estela ⁣ Borsa @behno_official

Un post condiviso da mercato jillian (@jillianmercado) l'11 giugno 2019 alle 9:13 PDT

Jillian sicuramente non sempre sapeva di voler intraprendere una carriera nella moda o che un giorno sarebbe stata coinvolta in attività di attivista, ma quello che sapeva sin da quando era una bambina, era che amava la moda e desiderava vedere ragazze che le somigliava sulla copertina delle riviste.


Penso che in giovane età mi sono reso conto di essere sempre l'unico come me, che fosse nelle mie classi o semplicemente camminando per strada con mia madre. Mi sentivo come se fossi l'unico a crescere con disabilità. Sapevo che c'erano altri ragazzi con disabilità come me, ma per qualche strana ragione - anche in posti come la bodega - di solito ero ancora l'unica che mi somigliava, condivide con HipLatina.

Crescere nell'Upper West Side di New York con genitori dominicani che lavoravano entrambi in industrie legate alla moda è stato ciò che ha ispirato Jillian ad apprezzare davvero lo stile. Sua madre lavorava come sarta ricamando vestiti per bambini (il che spiega il suo stile da bambino swaggy) e suo padre era un venditore di scarpe. Ma per quanto la moda fosse una casa per lei, ha lottato per trovare qualcuno che le somigliasse nel settore a cui potesse ispirarsi e modellare la sua carriera.

Visualizza questo post su Instagram

#tbt guardando le foto del bambino con mia mamma oggi e ho trovato questo piccolo gioiello! Dice che avevo circa 9 mesi

Un post condiviso da mercato jillian (@jillianmercado) il 3 settembre 2015 alle 9:43 PDT

Stavo davvero cercando quella persona che potessi seguire il loro percorso e vedere come hanno fatto, ma sfortunatamente non sono riuscito a trovare una sola persona. Stavo bene, credo che dovrò essere quella persona, dice. Ed è esattamente quello che ha fatto. Ma il percorso professionale di Jillian non è stato facile. Ha iniziato a studiare al Fashion Institute of Technology (FIT) e poi ha intrapreso una serie di stage di moda per aiutarla a comprendere appieno il settore.

Ho internato così tanto. C'è stato un semestre al college in cui ho fatto due stage contemporaneamente - più la scuola - e un tempo non venivano pagati. Penso che l'unica cosa che abbiamo ottenuto fosse uno stipendio per una tessera della metropolitana, dice. Ma ho davvero approfittato degli stage e mi sono intrufolata nelle migliori feste e nelle migliori sfilate di moda. Ho lavorato con tutti quelli che potevo trovare per avvicinarmi sempre di più all'essere un editore. All'epoca volevo diventare un editore per assumere persone come me da inserire nelle riviste. Poi ho avuto l'opportunità di fare una campagna Diesel ed essere davanti alle quinte ed è diventato virale perché è stata la prima campagna in assoluto in cui un modello con una disabilità visibile veniva presentato come modello del periodo e non per la sua disabilità.


Jillian ha modellato nella campagna Diesel insieme all'artista James Astronaut nel 2014, dopo aver partecipato per anni a spettacoli e aver scritto di moda sul suo blog Manufactured 1987. La campagna è diventata virale, ha aumentato drasticamente i suoi seguiti sui social media e l'ha rapidamente portata su un aspetto completamente diverso percorso professionale che non si era prefissata: fare la modella. Anche se non era il piano iniziale, Jillian ha subito riconosciuto quanto fosse importante questo ruolo.

Visualizza questo post su Instagram

Lascio questo qui. CE L'ABBIAMO FATTA!!! @nicolaformichetti @inezvinoodh @diesel ti voglio tanto bene! #speechless #shaking #diesel #campaign #fashion #omg!!!

Un post condiviso da mercato jillian (@jillianmercado) il 21 gennaio 2014 alle 7:43 PST

Quella campagna è diventata virale e il numero di messaggi che ho ricevuto da persone di tutto il mondo di tutte le età, dicendo cose come 'Non potevo nemmeno credere che fosse possibile e il fatto che tu sia arrivato qui in un modo che non era come campagna ospedaliera, lo sai.» Non stava degradando la nostra esistenza reale, era esaltante, dice. Ero tipo oh merda, immagino di dover fare un salto di qualità e assicurarmi che questa non sia l'unica cosa che succede. Quella era la mia paura che sarebbe stato così, una cosa una tantum.

Le cose iniziano rapidamente ad accadere per Jillian. Poco dopo ha firmato un contratto con un'agenzia di modelle e ha continuato a lavorare con marchi come Nordstrom e Target. Ha modellato il merchandising per il tour di formazione di Beyoncé e l'anno scorso ha posato per una campagna di Olay che l'ha portata su un cartellone pubblicitario a Times Square: è stato importante. Uno dei suoi momenti di maggior orgoglio però è stato l'atterraggio in copertina per Teen Vogue La copertina di settembre 2018 insieme a Chelsea Werner e Mama Cax. La modella richiesta ora sta attualmente lavorando al suo libro.

Visualizza questo post su Instagram

Sono quasi svenuto di nuovo rendendomi conto di essere nel nuovo numero di @crfashionbook con la piccola @ladygaga in copertina questo è @eddieschimerman che mi mostra che non è un sogno #isthisreallife

Un post condiviso da mercato jillian (@jillianmercado) il 9 settembre 2015 alle 9:00 PDT

Visualizza questo post su Instagram

OK SIGNORE ora entriamo in FORMAZIONE! Quindi OLTRE entusiasti di annunciare finalmente che sono sul sito ufficiale @beyonce!!! Un ringraziamento speciale alla stessa Queen Bee e al fantastico team che ci sta dietro Fotografia del più meraviglioso @danielavesco, Makeup @jamiebeaute e Hair @jenniferjocelyn #slay #formation #jillianmercado

Un post condiviso da mercato jillian (@jillianmercado) il 15 marzo 2016 alle 13:40 PDT

https://www.instagram.com/p/BDBvp0nPsZj/

Visualizza questo post su Instagram

Non so nemmeno cosa dire in questo momento. Mi rimane una sensazione travolgente di felicità e gratitudine. Tutto ciò che desideravo da bambino era vedermi rappresentato in un settore che amavo così tanto. Ed eccoci qui... sul NUMERO DI SETTEMBRE DI @teenvogue!!! — Quando vuoi qualcosa così tanto, manifestalo con tutto il tuo cuore e tutta la tua anima, sangue sudore e lacrime perché nulla è impossibile, non importa se il mondo intero è contro di te, hai la forza e il potere per farlo accadere. Questa copertina dimostra tutto quel duro lavoro. — Voglio ringraziare ogni singola persona che mi ha aiutato ad arrivare dove sono oggi, hai creduto in me quando nessun altro lo ha fatto. Voglio ringraziare la mia agenzia @imgmodels @ivanmbart per avermi aiutato a spianare la strada quando è difficile per me farlo da solo. Mia madre, le mie sorelle e i miei amici per avermi tenuto con i piedi per terra e avermi incoraggiato per ogni singola pietra miliare della mia vita. Ma soprattutto voglio dedicare questo momento al mio io più giovane, ce l'abbiamo fatta mamma! Tutte quelle notti di insicurezza erano per questo momento. La tua pazienza e dedizione hanno reso possibile oggi. Vai ad abbracciarti e piangere di felicità perché abbiamo appena iniziato! — Voglio anche cogliere questo momento e dire che per quelli di voi là fuori come il mio io più giovane, ecco la prova che potete essere qualsiasi cosa a cui avete deciso, questo è anche per voi. Lascia che sia una lezione che se vuoi vedere il cambiamento accadere nel mondo per sempre, sii tu a cambiarlo. Ho fiducia in te. — Grida a mia sorella @mamacaxx e all'adorabile @showtimewerner per aver condiviso questo momento con me! – Team: Photograper @camilafalquez, style @lanajaylackey, makeup @makiryoke, hair @edwardlampley, manicure @yukie_miyakawa_nails e scenografia @danielleselig

Un post condiviso da mercato jillian (@jillianmercado) il 5 settembre 2018 alle 5:46 PDT

Sto letteralmente scrivendo un libro in questo momento ed è più simile a quella che diavolo è stata la mia vita finora. Ho letteralmente appena iniziato a lavorarci, dice. Il mio libro parlerà di come sono come persona, ma sotto forma di un libro. Ci saranno adesivi e molti colori e una sezione di libri da colorare, insieme a molte foto e schizzi di quando ero più giovane.


Ma nonostante il successo, Jillian sarà la prima ad ammettere che essere la prima a farcela davvero in un settore comporta tante difficoltà quante sono le benedizioni. Nonostante quanto sia molto richiesta in questi giorni, si occupa ancora della sua giusta dose di discriminazione e commenti stupidi da parte di persone ignoranti su base molto regolare, sia in palestra, a una ripresa o dopo essersi presentata a qualcuno di nuovo. Ancora oggi, infatti, fatica ancora a presentarsi come modella professionista a causa delle reazioni che riceve a volte.

Mi ci è voluto molto tempo per dire alle persone [sono una modella] se dicevano: 'Oh, cosa fai? A volte, mi sorprendo ancora a farlo oggi dove rispondo e dico: 'Oh, lavoro nella moda'. Non sono veloce nel dire che sono un modello perché ogni volta che lo direi, le persone sarebbero come , 'Oh, è così dolce o oh mio dio che è incredibile', ma non in modo edificante, dice. Nella mia comunità, lo chiamiamo inspiration porn, dove è molto piacevole (o fonte di ispirazione) per lo spettatore ma in realtà non riconosce e celebra la persona che ci sta dietro. Mamma Cax e io ne parliamo tutto il tempo... quello che dicono va bene, sono contenta che non sono io, in un certo senso.

https://www.instagram.com/p/BqdRew_nEF6/

Sottolinea l'importanza che le persone si prendano il tempo per educare se stesse sulle persone con disabilità, pur essendo consapevoli delle domande che pongono e dei termini che usano. Jillian è personalmente a suo agio nel riferirsi a se stessa come una donna disabile, ma dice che non tutte le persone con disabilità si sentono a proprio agio nell'essere chiamate così e quindi preferiscono termini come diversamente abili.

Ci sono così tante cose che ho imparato anche avendo una disabilità io stesso. Quello che sento è fondamentalmente che è una preferenza personale, dice. Penso che sia importante chiedere a una persona in anticipo se si sente a proprio agio con te che la chiami in qualcosa. So che handicappato è stato cancellato. Nessuno dovrebbe mai dirlo o dirlo in modo speciale. Il mio sangue ribolle quando lo sento. Ma ancora una volta, ad alcune persone piace e ad altre no. Personalmente no. Sono una persona che ha una disabilità. Ecco chi sono. Allo stesso modo sono una persona che ha gli occhi marroni e basta.


Per quanto riguarda la difesa e l'attivismo, inoltre, non ritiene che le persone con disabilità dovrebbero essere le uniche a difendere se stesse. È qui che il resto di noi può fare un passo avanti e utilizzare le nostre piattaforme per aiutare gli altri a occupare spazio.

Penso assolutamente che sia importante ascoltare la community e vedere cosa manca di cui stanno urlando, sia che non vengano rappresentati o di cui non si parli, dice. È molto importante farlo e porre un milione e dieci domande.

Jillian Mercado è al di là della semplice ispirazione. È una forza determinata che è andata avanti e si è fatta vedere in un mondo che la rifiutava, la ignorava e spesso la discriminava. Ha realizzato con successo i suoi sogni e ha dimostrato a tutti noi cosa succede quando impari ad amare e ad accettare te stesso e lascia che lo scopo sia la tua guida. Riconosci lei e il suo lavoro, celebra il suo spirito e le sue realizzazioni e sostieni che altre persone come lei siano viste e rappresentate. Non lasciamo che il lavoro finisca con lei.