La famiglia di Joaquín El Chapo Guzmán vuole aprire un'università per studenti indigeni

Foto: Unsplash/@nate_dumlao

La famiglia del famigerato signore della droga Joaquín El Chapo Guzmán ha in programma di aprire un'università per la comunità indigena a Badiraguato, Sinaloa, lo stato natale del signore della droga.


José Luis González Meza, avvocato di Guzmán, ha affermato che la famiglia di Guzmán riceverà sostegno finanziario da una serie di fondazioni per aprire l'università. Nell'Intercensale messicano del 2015, Il 12,83 percento dei due milioni di Sinaloani stimati si considerava indigeno radici. Nel 2010, il censimento ha rivelato che quasi la metà dei 23.841 parlanti di lingue indigene di età pari o superiore a tre anni parlava la lingua mayo di una comunità indigena del Sinaloa settentrionale, ha riferito LatinoLA.

Secondo Messico News Daily , sarà disegnato dal pittore Hugo Zúñiga dal vicino stato di Guerrero e hanno diverse facoltà. González-Meza ha dichiarato di sperare che il presidente Andrés Manuel López Obrador si recherà a Badiraguato per prendere parte alla cerimonia inaugurale durante il suo tour di Sinaloa, anche se non ci sono state conferme.

Quello che speriamo è che... andrà a Badiraguato e insieme alla mamma di Chapo, María Consuelo, getterà la prima pietra e finalmente inizieranno i lavori per costruire l'università, ha detto González-Meza. Ma tutti questi piani si basano sulla fortuna miliardaria di El Chapo che potrebbe essere sequestrata sia dal governo statunitense che da quello messicano. Il Gli Stati Uniti stanno ordinando la confisca della fortuna di 12,6 miliardi di dollari di El Chapo , un importo che rappresenta la quantità totale di droga che ha trafficato negli Stati Uniti

Visualizza questo post su Instagram

Dal carcere, #elchapoguzman potrebbe avere la sua università, abbiamo le dichiarazioni scottanti!!! @envivousa 12:30 Los Angeles su @canalestrellatv #stephaniegerard #christianramostv #shows #farandula #gossip #news #tv #elchapo #joaquinloeraguzman #badiraguato

Un post condiviso da pettegolezzi dal vivo (@chismeenvivo) il 16 ottobre 2019 alle 11:04 PDT


Tuttavia, La fortuna totale di Guzmán — stimata in circa 14 miliardi di dollari — appartiene di diritto al Messico, secondo González-Meza. Nel luglio di quest'anno è stato condannato all'ergastolo più 30 anni e ora si trova in isolamento in La prigione Supermax del Colorado a Firenze, la prigione federale più sicura della nazione .

Quindi, mentre i soldi rimangono nel limbo, González-Meza afferma che oltre all'università, la famiglia prevede anche di fondare una catena di negozi a conduzione cooperativa e un'azienda farmaceutica. Meza ha affermato che i nuovi negozi venderanno una varietà di prodotti, inclusi cibo, caffè, tequila, birra [e] mezcal fino al 50% in meno rispetto al normale prezzo al dettaglio. L'azienda farmaceutica fornirebbe anche medicine a prezzi accessibili e sperano di potersi espandere in America Centrale una volta che la produzione aumenterà.

Sia la catena di negozi cooperativi che le farmacie sarebbero guidate da team di gestione composti da Campesinos e indigeni, ha aggiunto González-Meza.

Saranno i futuri industriali di questo paese, ha detto, secondo Messico News Daily .

Presidente López Obrador ha sostenuto dopo la condanna di Guzmán che i suoi beni dovrebbero essere restituiti al Messico . Penso che tutto ciò che viene confiscato e che ha a che fare con il Messico debba essere restituito ai messicani, ha detto.