Karina Daza scrive l'inno femminista 'Mujeres Will Riot' ispirato a Vanessa Guillén

le donne si ribelleranno con karina daza hipplatin

Foto: Karina Daza/LalaBoy PR


Ispirato dalla tragica morte del soldato dell'esercito americano Vanessa Guillen e le dozzine di aggressioni alle donne detenute centri di detenzione ICE , cantante colombiano-portoricano karina daza ha unito 14 musicisti e ingegneri donne per creare un nuovo potente inno femminista. Tra i collaboratori della canzone bilingue, Mujeres Will Riot, ci sono l'artista vincitore del Grammy Gaby Moreno, il bassista Jennifer Condos e il produttore nominato ai Latin Grammy Ali Stone.

Rilasciata il 22 aprile, l'anniversario della morte di Vanessa Guillén, la canzone che presenta le voci di donne comuni che recitano fatti sulla violenza sessuale in corso che le donne hanno subito nel corso di tutta la storia, è stata descritta come una celebrazione della forza femminile e un appello all'azione per tutte le latine - e tutte le donne - là fuori a sollevarsi in solidarietà. Aprile è il mese della consapevolezza delle aggressioni sessuali e la canzone aumenta la consapevolezza di fronte al femminicidio in America Latina , così come le aggressioni e le molestie che donne come Guillén subiscono negli Stati Uniti e le donne migranti nei centri di detenzione dell'ICE.

Hipplatino Karina Daza

Foto: Karina Daza/LalaBoy PR

Inizialmente sono stato ispirato a scriverlo quando ho sentito la storia di Vanessa Guillén. Poi ho appreso delle aggressioni sessuali (tra cui sterilizzazioni indesiderate ) accadendo nei centri di detenzione dell'ICE, ed è appena diventato dolorosamente chiaro che le donne, e in particolare le donne latine, vengono brutalizzate, picchiate, deportate e persino uccise prima di poter testimoniare contro i loro aggressori. Questa canzone è una risposta a tutto questo, ha detto Karina . È nata a New York da genitori immigrati e in precedenza ha scritto la canzone Espíritu de León (Spirito di un leone), a sostegno della Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA). Penso che a volte le persone si stanchino di parlare e condividere queste cose, e spero che questa canzone aiuti a riaccendere il fuoco nelle persone a combattere, dice Karina HipLatina esclusivamente.


La canzone viene eseguita principalmente in inglese con un po' di spagnolo condito dappertutto e tocca le radici latine di Karina. La frase no me quedare calladita, che probabilmente colpirà a segno molte latine che sono cresciute sentendo la frase calladita te ves más bonita, che ovviamente significa che sei più carina quando sei tranquilla, ed è stata fonte di contesa e conflitto interno per molti.

Il video musicale è uscito lo stesso giorno del singolo ed è incredibilmente emozionante e fa una dichiarazione di potere sulla forza e il potere delle donne. Inizia con l'iconica attrice portoricana Rita Moreno che dice: Le donne in generale sono stereotipate, poiché il sesso 'più debole' sta cambiando e penso che stia allarmando molte persone. E urlo nell'oceano, il mio dolore... tutte le emozioni di mia madre, della madre di mia madre e così via, e mi chiedo come la loro lotta sia diventata la mia. Ma siamo sopravvissuti, e ci alzeremo, Karina canticchia con la sua voce da uccello canoro, dando il tono al resto della traccia potente.

Sono così orgoglioso che oltre una dozzina di donne, tra cui Gaby e Ali, abbiano collaborato generosamente a questo progetto. Ogni aspetto di questa canzone - e video musicale - è stato interamente creato da donne, da ogni nota suonata su ogni strumento, alla produzione, ingegneria, missaggio e mastering. È estremamente raro in questo settore e l'energia nell'aria durante questo processo creativo era incredibilmente femminile, potente e divina. Questo progetto è un esempio letterale di donne che si uniscono per sostenere altre donne, ed è una cosa bellissima, spiega Karina.

Quando ho ascoltato l'incredibile canzone di Karina, sapevo che avrei fatto parte di qualcosa di veramente speciale. È stato un grande onore produrre Mujeres Will Riot e coinvolgere tutte queste straordinarie musiciste, cantanti e ingegneri. È la prima volta che faccio parte di una produzione composta al 100% da donne ed è stato un viaggio a dir poco stimolante, afferma la collaboratrice Gaby Moreno. Tutti hanno riversato il loro cuore in questa performance e sono così orgoglioso del risultato.


Da quando la canzone è stata pubblicata, Karina dice che il feedback è stato incredibile. Alcune persone dicono che stanno ascoltando le storie di queste donne per la prima volta. E molti che si sono commossi fino alle lacrime e si sono mossi all'azione, sia che si tratti di firmare una petizione, sensibilizzare o donare fondi alle organizzazioni non profit che svolgono il lavoro, ci ha detto Karina. Credo che collettivamente, possiamo assolutamente aprire la strada al cambiamento.

Il ricavato della canzone sarà devoluto a Progetto Sud , che lavora per esporre le condizioni nei centri di detenzione dell'ICE, chiuderli e aiutare le donne migranti a combattere per la giustizia nei casi di aggressione sessuale e stupro.