L'attrice cubana Ana de Armas sulla sfida del passaggio dai film spagnoli a quelli inglesi

L

Foto: Per gentile concessione di Ana de Armas/IG: ana_d_armas


Quando Ana de Armas è stata scelta per l'attesissimo sequel del regista Denis Villeneuve, Blade Runner 2049 , sono stati fatti i titoli dei giornali chiedendo chi fosse questo nuovo volto destinato a recitare al fianco degli attori nominati all'Oscar Ryan Gosling e Harrison Ford? Ma l'attrice cubana non è estranea al grande schermo. Per il pubblico americano è un volto nuovo a Hollywood, ma l'attrice ha iniziato la sua carriera all'età di 14 anni ed è stata un'attrice che lavora per oltre 10 anni a Cuba e in Spagna. Nel 2015 ha debuttato negli Stati Uniti in Eli Roth's Toc Toc , interpretato al fianco di Keanu Reeves, seguito rapidamente da Mani di pietra con Robert De Niro, e Cani da guerra con Miles Teller. Ora, de Armas affronta il futuro con Gosling e Ford in quello che viene definito uno dei capolavori del regista Villeneuve. Abbiamo avuto la possibilità di parlare con de Armas delle sue esperienze che si sono incrociate, del making of Blade Runner 2049 , e altro ancora.

HipLatina: Ci sono così tanti titoli che chiamano questo ruolo la tua grande occasione, ma lavori probabilmente da 9-10 anni ormai, principalmente in Film latinoamericani . Puoi parlare dell'esperienza di lavorare nei film statunitensi rispetto a quelli latinoamericani o della tua esperienza di crossover?

Ana : È molto diverso. Quando ho lasciato Cuba, poi di nuovo quando ho lasciato la Spagna, è sempre stato perché volevo di più. Ero ambizioso e volevo semplicemente essere in un posto in cui ero un po' esposto, immagino, ai migliori progetti, e stavo cercando, forse inconsciamente, i registi con cui volevo lavorare. Quando ho iniziato a lavorare sui film a Cuba, quelli erano i film che mi hanno sfidato in quel momento. Ma poi volevo di più e mi sono trasferito in Spagna, e mi sentivo come se fossi cresciuto molto quando ero lì. Ho fatto tutte le cose interessanti che ho trovato lì, ma a un certo punto ho voluto di nuovo di più. Così ho deciso di trasferirmi negli States. Non parlavo inglese, quindi questa è stata un'altra sfida aggiunta all'equazione e ho dovuto imparare la lingua.


Ho sempre cercato di crescere, di evolvermi e di imparare cose nuove. Penso che alla fine della giornata, le esperienze riguardino tutte le persone con cui lavori. Più soldi o meno soldi, film ad alto budget o film indipendenti: li abbiamo ovunque, in ogni paese. Anche la lingua non ha importanza. Riguarda la tua creatività sul set, le persone con cui lavori e qual è il lato umano dell'esperienza che porti con te. Sono qui a Los Angeles ora, a fare film qui, perché è quello che è successo, ma non vedo l'ora di tornare in Spagna e fare un altro film lì, e lo stesso con Cuba. Voglio tornare a Cuba e fare un film con la mia gente, capisci? Quindi, lo prendo come qualcosa di temporaneo, come se fossi qui ora, ma potrei non essere qui il mese prossimo.

HL: Il tuo ruolo di Joi è un po' complicato e, senza rivelare spoiler, penso che sia così essenziale per la sopravvivenza di K (Ryan Gosling) nel mondo di Blade Runner 2049. Puoi parlare di creare il tuo personaggio con quel tipo di vaghezza ad esso collegato?

Madre: Era difficile! Ero molto incuriosito da tutto ciò che la riguardava e da chi fosse. Era un personaggio su cui avevamo ben poco da ricercare o da cui ricavare, perché è qualcosa che non era mai stato visto prima sullo schermo, quindi Denis [Villeneuve – il regista] e io abbiamo dovuto passare molte ore, ripassando tutte le scene, e semplicemente creandola da zero e inventando le nostre regole. Abbiamo dovuto prendere decisioni su come si sarebbe sentita, reagire ed elaborare le informazioni. Poiché ha un bellissimo arco narrativo nel film, la vediamo imparare durante l'intero film e trasformarsi. Quindi è stato un po' complicato lavorarci su, ma è stato così eccitante. È stato un grande processo di apprendimento per me, in molti modi, tecnicamente e artisticamente, ma è stato anche molto stimolante. Sapevo di essere nelle mani di Denis e sapevo che qualcosa di buono sarebbe venuto fuori da lì. Joi è molto stimolante; Penso che rappresenti il ​​futuro.

HL: Beh, parlando un po' del lavoro con Denis. Denis è considerato uno dei registi più creativi e affascinanti con cui lavorare oggi. Qual è stata la tua esperienza di lavoro con lui?

Madre: Strabiliante. Penso che Denis sia così, così speciale e così intelligente, è molto sensibile e fa anche un lavoro molto artigianale. È molto collaborativo e ama parlare e condividere idee. Sai, a volte hai quei momenti sul set, in cui hai un'idea, o vuoi dire qualcosa, e ti senti come se 'Stai zitto. Sei qui con Ryan Gosling, Denis e Harrison, o chiunque altro. Chi sei tu per dire qualcosa?' Ti senti un po' intimidito a volte, ma con loro non è mai successo. Mi sono reso conto che era tutto nella mia testa, ed erano sempre [aperti], perché anche Ryan lo era, e tutti sul set erano sempre molto aperti e accoglienti, per ascoltare e discutere di qualsiasi cosa tu potessi pensare.

HL: Inoltre, devo dire che il paesaggio ei set erano assolutamente bellissimi. Puoi parlare di com'era lavorare in quell'ambiente?


Madre: È così bello, perché erano reali, e penso che tu possa sentirlo sullo schermo. Puoi sentire che era organico e le dimensioni di quei set. È stato un ottimo lavoro con cui lavorare, perché non dovevamo guardare una pallina da tennis o immaginare un mondo in uno schermo verde. Camminavamo su quei set, lo sentivi sulla pelle, l'umidità, la pioggia, il freddo. Sai? Qualunque cosa. Era davvero reale, ed eravamo lì. Dovevi solo essere presente, guardare gli occhi del tuo partner e dire solo le tue battute. È stato incredibile. È stato un lusso avere quei set. Allora capisci, anche, che in futuro tutto è possibile. Quindi potresti non essere tutti sulla stessa pagina, ma una volta che quei set sono lì, e tu e l'intera troupe entrate, capiamo tutti di cosa stiamo parlando. Parliamo tutti la stessa lingua. Capiamo l'universo. Ci stiamo tutti vivendo.

L'intervista è stata modificata per brevità e chiarezza.