By Erin Holloway

L'autrice Angie Cruz parla di immigrazione, identità e colorismo nel nuovo romanzo 'Dominicana'


Mentre si faceva strada oltre Barnes and Noble sulla 183esima a Manhattan, la scrittrice Angie Cruz ha dato una rapida occhiata alla finestra e ha realizzato un titolo interessante: Come le ragazze Garcia hanno perso i loro accenti di Julia Alvarez. Cruz ha condiviso con HipLatina i suoi pensieri iniziali, Che cosa? Garcia? Alvarez? Sono entrata e ho scoperto che era dominicana, lascia perdere, dice. Mi ha insegnato che se mai avessi avuto una storia da raccontare, poteva finire in un libro, che non dovevo essere un bianco o un bianco morto. Si scopre che Cruz aveva alcune storie da raccontare, la prima al suo debutto come autrice nel 2001 per La solitudine pubblicazione successiva Lascia che piova nel 2005. Ora è al suo terzo libro intitolato domenicano.

Il libro è incentrato sul cambiamento di vita di Ana Cancion, una quindicenne dominicana nativa che sposa un uomo con il doppio dei suoi anni in cerca di sicurezza finanziaria per la sua famiglia. Il titolo è simbolico sia per Ana che per la bambola di ceramica che chiama Dominicana. Emigrando negli Stati Uniti senza alcuna comprensione della lingua e poca conoscenza dei disordini politici negli Stati Uniti, il lettore segue il viaggio di Ana, pieno di domande, abusi domestici e scoperte mentre il libro mette in evidenza le varie esperienze degli immigrati dominicani a metà -60.

Parlo con Cruz il giorno dopo la grande vittoria agli Emmy di Jerrel Jerome. È piena di entusiasmo e gioia. Stavo pensando a come è lo stesso giorno in cui domenicano è stato recensito nel New York Times e il mio nome era sulla copertina e Acevedo è nella lista dei bestseller. Questo è stato anche il giorno dopo che Bachatero Romeo Santos è entrato nella storia come il primo artista latino a essere l'headliner del Metlife Stadium.


Questo è davvero un buon giorno per i dominicani, dice. C'è una scena nel mio libro in cui il mio personaggio Ana cerca dominicani sui giornali e penso che ci sia qualcosa nell'orgoglio di raza: quando uno di noi sta bene, ci sentiamo tutti pieni di speranza e ispirati.

Visualizza questo post su Instagram

San Francisco ha iniziato a @citylightsbooks per firmare azioni Dominicana con uno dei miei compagni di viaggio preferiti @emilyraboteau / Adventure incluso andare al Museo Ebraico per partecipare all'installazione della comunità di micro-rammendamento Sukkah Studio di @peachfarmstudio di C.K. Itamura. Ha anche firmato libri a @bookpassage, ha visto @cristina_garcia_theater 'The Lady's Matadors Hotel', quindi ha incontrato @carolina_derobertis e @achy.obejas Segui @asterixjournal per i prossimi lavori alimentati da questa visita.

Un post condiviso da Angie Cruz (@writercruz) il 20 ottobre 2019 alle 12:48 PDT

Non c'è dubbio che attualmente siamo in un momento. Non è solo Jarrel Jerome che esprime il suo orgoglio afro-dominicano e lo mette in primo piano e al centro pochi istanti dopo aver vinto o Romeo Santos che fa numeri: fa numeri da anni. È che per decenni i POC hanno creduto di non essere un mercato prezioso. La gente di solito pensa, dov'è il mercato per un libro su una giovane donna dominicana o un film sui latini? Siamo ancora così sottorappresentati a Hollywood. Nell'industria dei libri c'è questa mancanza di consapevolezza del nostro potere d'acquisto e di come potremmo davvero presentarci se ci dessero l'opportunità di presentarci, dice Cruz.

Parla per esperienza personale. L'autrice ha viaggiato da e per l'isola durante i suoi anni di formazione. Non sono cresciuto in una casa piena di libri. Il primo libro importante per me è stata l'Enciclopedia [raccolta] a cui mia madre si era abbonata. Tutti nell'edificio userebbero quell'enciclopedia. domenicano è molto vagamente basato sull'esperienza di sua madre. Mentre sua madre è emigrata negli Stati Uniti negli anni '70 e ha sposato un uomo con il doppio dei suoi anni, il padre di Angie, la storia di Ana è stata la storia di molte donne. Mi ci sono voluti più di un decennio per scrivere il libro. Poiché le donne dominicane della classe operaia sono in gran parte sottodocumentate, mi sono affidata alle interviste e agli album fotografici delle persone per mettere insieme una storia di dominicane a New York City nel 1965, dice. In effetti, Cruz ha iniziato a archivio digitale su Instagram evidenziando in particolare le donne domenicane dagli anni '50 agli anni '80.

Visualizza questo post su Instagram

'Guillermina Ariza (nata Tous Ducoudray) è nata il 18 luglio 1918 a La Romana, DR. Ha trascorso la sua prima infanzia a Higüey, da dove proveniva la famiglia di sua madre. Suo padre, Guillermo Tous, era uno spagnolo di Palma di Maiorca che ha lavorato come amministratore dell'ospitalità in diversi zuccherifici e altre aziende della Repubblica Dominicana, in particolare per South Porto Rico Sugar Co., Ingenio Barahona e Grenada Fruit Company, a Manzanillo , dove gestiva le loro strutture ricettive. Sua madre era Quintina Ducoudray. Aveva una sorella, cinque anni più giovane di lei, María de Lourdes. Successivamente, la sua famiglia si stabilì a Santo Domingo, dove lavorò per la Curaçao Trading Company prima di emigrare a New York nei primi anni '50, dove poco tempo dopo iniziò a lavorare come segretaria nell'organizzazione delle Nazioni Unite e rimase fino al suo pensionamento per tre decenni dopo. A New York conobbe e in seguito sposò Adolfo Ariza, un domenicano nato a San Francisco de Macorís. Ha lavorato come venditore all'ingrosso per un'azienda di distribuzione di tessuti nel distretto dell'abbigliamento di Manhattan. Hanno vissuto a Middle Village, nel Queens, fino a quando non si sono ritirati a Deltona, in Florida, all'inizio degli anni '80. Adolfo è scomparso il 9 gennaio 2001 e poco dopo Guillermina è tornata a Santo Domingo, dove non c'era dagli anni '70. È morta nel 2007. Le loro ceneri giacciono insieme a Deltona.' @jaime_read_ortega #queens1950s #dominicanas1950s

Un post condiviso da Domenicani New York (@dominicanasnyc) il 4 novembre 2019 alle 5:58 PST

Attraverso la ricerca, Cruz ha realizzato i parallelismi nelle sue interviste. Sono le storie che ho raccolto da molte donne sull'immigrazione negli anni '60 e '70, dice. La verità è che si trattava di ciò che credevo potesse essere successo a una ragazza di 15 anni che è sposata con un uomo che non ama per il bene della sua famiglia. Non se ne parlerebbe mai. Cruz ha affermato che succede a molte donne. Molti vengono sposati per opportunità e progresso: non è la storia degli anni '60. È la storia di adesso.


Nella storia, Ana viene proposta per la prima volta all'età di 11 anni da Juan, un imprenditore emigrato di recente a New York City. Dopo anni passati a scrivere lettere a Juan (in gran parte motivato e imposto da sua madre), si sposano quando lui ha 32 anni e lei 15. Juan è il biglietto per tutti noi per andare in America, dice all'inizio della storia. La sua realtà non è niente di simile a quello che è considerato il sogno americano, mentre affronta la brusca trasformazione di Juan che presenta i suoi veri colori: mentalmente e fisicamente violento, frugale e manipolatore.

Mentre Ana combatteva per i suoi diritti nella sua famiglia, le persone combattevano anche politicamente per i loro diritti. La frenesia politica nella Repubblica Dominicana e il luogo in cui si trova Malcolm X sono evidenziati in tutto il libro. Razza e colorismo riaffiorano nelle diverse parti della storia, attraverso una serie di scenari discriminatori, incentrati sul trattamento preferenziale di chi ha la carnagione più chiara.

Visualizza questo post su Instagram

Ieri ho ricevuto una telefonata su Dominicana che devo tenere segreta fino a mercoledì!! Così ho tirato una Ana e ho infilato la grande notizia in questa Dominicana che siede sul mio davanzale e che è con me da oltre vent'anni. La chiamata è arrivata mentre stavo firmando libri a @greenlightbklyn mentre preparavano le loro scorte per le vacanze. E poi ho fatto una cena celebrativa con @cristina_garcia_theater che è una delle mie scrittrici preferite e che ha sostenuto il mio lavoro da prima ancora che io capissi che avrei continuato a scrivere seriamente. Se sei a San Francisco dal 12 ottobre al 10 novembre, vai a vedere il suo adattamento teatrale del suo romanzo, The Lady Matador's Hotel. Sono così entusiasta che potrei aggiungere una tappa al tour del libro a San Francisco nel fine settimana dal 18 al 20 ottobre. Rimani sintonizzato!

Un post condiviso da Angie Cruz (@writercruz) il 5 ottobre 2019 alle 7:16 PDT

Ho scelto gli anni '60 perché era l'anno in cui gli Stati Uniti occuparono la Repubblica Democratica del Congo. ed è l'anno in cui Malcolm X è stato assassinato. Sono cresciuto dall'altra parte della strada rispetto alla Audubon Ballroom dove è avvenuto l'assassinio ed ero interessato a pensare a come i dominicani, arrivati ​​di recente, vivevano dentro e con il movimento per i diritti civili, dice Cruz. Penso anche che anche se uno dice che non sono politici, tutto, soprattutto le guerre, e il governo, anche se lontani, hanno un impatto sulla nostra vita, sullo spirito e sul cuore.

Nel complesso, Cruz spera che i lettori se ne andranno con una profonda connessione una volta terminato domenicano . Penso che leggere sia un'esperienza molto personale. Per lo meno spero che chiunque legga il libro, in particolare le donne, si senta visto o meno solo nella vita, dice. I libri mi hanno tenuto compagnia e sono grato ai libri per avermi aiutato a creare nuove mappe espansive per la mia vita.