L'avvocato dell'immigrazione afferma che un bambino è morto subito dopo aver lasciato il centro di detenzione ICE

Foto: Unsplash / @ markusspiske


C'è un rapporto non confermato oggi che a il bambino è morto dopo essere stato rilasciato da un centro di detenzione nel sud del Texas. Avvocato dell'immigrazione Mana Yegani ha twittato ieri sera un primo resoconto di ciò che forse è accaduto dopo il rilascio di un bambino.

Secondo Yegani , ha twittato per la prima volta: Ci sono notizie secondo cui un bambino è morto sotto la custodia dell'ICE a Dilley, in Texas. Ottenere maggiori informazioni man mano che la storia si sviluppa. Non è chiaro dove siano i genitori del bambino. Alcuni rapporti indicano che forse si trovavano nel New Jersey mentre il bambino era in Texas. Ha poi aggiornato twittando: La bambina è morta dopo la sua permanenza in un centro di detenzione ICE, a causa di possibili cure negligenti e di una malattia respiratoria contratta da uno degli altri bambini. Gli eventi hanno avuto luogo nel Dilley Family Detention Center nel sud del Texas.

Sebbene questa affermazione non sia ancora stata confermata, abbiamo contattato l'Immigration and Customs Enforcement (ICE) degli Stati Uniti per un commento e/o una conferma su questo rapporto.

La notizia di un bambino che muore sotto le cure dell'ICE, sebbene completamente orribile, non è uno shock considerando che non è ancora molto chiaro cosa accada effettivamente all'interno di queste strutture. L'unico motivo per cui il pubblico è a conoscenza degli abusi subiti dai bambini è perché quelli che sono stati rilasciati hanno parlato delle cose orribili che sono andate dentro.


Alcuni bambini hanno riferito che i bambini sono stati costretti a prendere droghe contro la loro volontà. Ieri, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Dolly Gee ha stabilito che l'Ufficio federale per il reinsediamento dei rifugiati doveva portare i bambini fuori dallo Shiloh Treatment Center in Texas. I bambini all'interno di quella struttura hanno affermato che i loro coetanei venivano iniettati psicofarmaci .

Il giudice Gee ha scritto nella sua sentenza che il personale di Shiloh RTC si impegna in pratiche che sono n non necessario per la tutela dei minori .

Come riportato in precedenza, diversi video di reunion di bambini che tornano spesso dai genitori sembra sconcertato e non coerente . Questi farmaci potrebbero essere un motivo.

A New York Times storia che è stata pubblicata ieri, una madre parla della sua condizione figlio dopo essere stato separato da lui per 50 giorni . È stato così da quando l'ho ripreso, ha detto Ana Carolina Fernandes di suo figlio di 5 anni. Non vuole parlare con nessuno.

Volontari e fornitori legali affermano di aver parlato con diverse madri e padri che riferiscono che il loro bambino è diverso dopo che si sono riuniti.

Ho madri che si lamentano del fatto che il loro bambino fosse più estroverso e loquace, e ora sono silenziose e non rispondono. Alcuni impiegano un po' di tempo per elaborare informazioni o una situazione, e la mamma deve dire: 'Ehi, ehi, svegliati', ha detto Luana Biagini, un'assistente legale che ha lavorato con le famiglie brasiliane riunite. Il New York Times .

Aggiorneremo questa storia nuovi sviluppi.

Articoli Interessanti