By Erin Holloway

L'incredibile viaggio di allattamento al seno di Kat Von D non è così unico

Foto: Unsplash/jxk


La neomamma Kat Von D è a casa con la sua adorabile volantino bambino (dal nome di suo padre) e ha portato l'attenzione su un evento sfortunato che è raramente discusso apertamente . In un post su Instagram, la 36enne ha detto ai suoi follower che per i primi due giorni di vita del suo bambino non è stata in grado di allattarlo al seno perché non produceva latte. Ancora peggio, il suo bambino aveva un basso livello di zucchero nel sangue, il che significava che doveva essere nutrito il prima possibile.

Il pediatra ha suggerito di chiedere in giro per vedere se qualche amico potrebbe avere un po' di latte in più da donare - e in caso contrario, dovrei prendere in considerazione l'idea di integrare con formula - cosa che personalmente non volevamo fare, ha scritto Von D. Ha detto che si è subito voltata verso la sua doula, Sara Howard , che a sua volta le ha detto di contattare Morgan Campbell di Questioni di maternità . Oltre ad essere una doula, aiuta le madri nel postpartum.

Von D spiega: …senza nemmeno conoscermi, e senza fare domande, [lei] si è fatta avanti e ci ha donato qualche grammo nel cuore della notte. Inutile dire che i livelli di Leafar sono aumentati e ora stiamo allattando felicemente a casa.


L'imprenditrice di bellezza e tatuaggi - che ha modi molto particolari di crescere il suo bambino — hanno detto che dovevano trovare una persona per donare il latte materno che seguisse anche una dieta a base vegetale. Fortunatamente, Campbell era proprio quella persona.

Questa è una vera comunità. Vera sorellanza. Vera gentilezza, ha scritto Von D su Instagram. E non vedo l'ora di pagarlo in avanti un giorno presto.

Per le donne che allattano al seno (e per quelle che non lo fanno) assicurarsi che il proprio bambino sia nutrito e in salute è estremamente importante. e quando la madre non può allattare il proprio bambino per qualsiasi motivo, è devastante. Per le mamme che non possono allattare, è molto importante che sappiano che non sono sole. Come le doule che hanno aiutato Von D, ce ne sono altre gruppi di supporto pronti ad aiutare .

Visualizza questo post su Instagram

Durante i primi due giorni di vita di Leafar, il suo livello di zucchero nel sangue era stato basso e, per quanto mi fossi impegnata ad allattare rigorosamente al seno, il mio latte non era ancora arrivato. Il pediatra ha suggerito di chiedere in giro per vedere se qualche amico potrebbe avere un po' di latte in più da donare - e in caso contrario, dovrei considerare l'idea di integrare con formula - cosa che personalmente non volevamo fare. Ho chiamato la mia amata ostetrica, @losangelesmidwife per vedere se conosceva qualcuno disposto a condividere un po' del proprio latte materno che seguiva una dieta a base vegetale, poiché era fondamentale per noi, e mi ha subito messo in contatto con @mattersofmotherhood che , senza nemmeno conoscermi, e senza fare domande, si è fatto avanti e ci ha donato qualche etto nel cuore della notte. Inutile dire che i livelli di Leafar sono aumentati e ora stiamo allattando felicemente a casa. Non posso ringraziare abbastanza @mattersofmotherhood per averci fatto passare quelle notti difficili con la tua donazione. Questa è la vera comunità. Vera sorellanza. Vera gentilezza. E non vedo l'ora di pagarlo in avanti un giorno presto. ***AGGIORNAMENTO: solo per affrontare alcune idee sbagliate sulla mia didascalia. Primo, non sto facendo vergognare nessuno che sceglie di usare la formula. Proprio come non farei mai vergognare nessuno per il cibo che mangiano o altro. Quindi, per favore, non vergognarmi per aver condiviso il nostro approccio personale all'allattamento. Secondo, non ho fatto morire di fame il mio bambino per i suoi primi due giorni di vita. Non sono arrabbiato con tutti quelli che mi hanno attaccato a riguardo, perché chiaramente potresti non avere familiarità con come funziona l'allattamento al seno e va bene! Non lo ero nemmeno io finché non sono rimasta incinta! ma per i primi 2,5 giorni il mio seno produceva colostro (non è la stessa cosa del latte) ed è assolutamente normale che il latte della mamma non arrivi fino al giorno 5 a volte. Detto questo, il mio piccolo aveva solo bisogno di superare una notte di poppate con latte di donatori integrato. E sono felice di riferire che il mio latte è arrivato poco dopo! Quindi grazie per tutto l'amore e il supporto a tutti! Manteniamolo positivo! ***

Un post condiviso da (@thekatvond) il 5 dicembre 2018 alle 13:00 PST