By Erin Holloway

La FDA approva il farmaco postpartum ma il WOC potrebbe non essere in grado di permetterselo

Foto: Unsplash/@joshstyle


Uno degli svantaggi più significativi del parto deve essere la possibilità di sperimentare la depressione postpartum. Secondo l'American Psychology Association (APA), 1 donna su 7 soffre di una grave depressione che va oltre il baby blues. È abbastanza comune sentirsi stressati, tristi, ansiosi, soli, stanchi o piangenti come riporta l'APA, ma il postpartum è una condizione molto più grave. Secondo il National Institute of Mental Health, i sintomi includono, estrema tristezza, ansia e stanchezza , il che rende loro difficile completare le attività quotidiane di cura per se stessi o per gli altri. Ora, dopo anni di ricerca, c'è finalmente un modo per trattarlo.

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il farmaco brexanolone che sarà venduto come Zulresso, riferisce la CNN. Non arriverà sotto forma di pillola ma verrà somministrato attraverso una flebo endovenosa, il che significa che i pazienti potranno assumere il farmaco solo in ospedale. Ciò significa anche che il farmaco non sarà economico poiché è necessaria una degenza in ospedale. Ma secondo i rapporti, il farmaco funzionerà in poche ore. Il farmaco richiede alle donne di assumere una dose consistente in una flebo IV di 60 ore e potrebbe costare da $ 20.000 a $ 35.000 per trattamento.

Non ci sono antidepressivi approvati dalla FDA per la depressione postpartum , quindi l'approvazione del primo farmaco del suo genere è una svolta per i pazienti, ha detto alla CNN la dott.ssa Kristina Deligiannidis.

Il New York Times ha intervistato una madre di 33 anni che ha mostrato sintomi di depressione postpartum e ha preso la flebo.

Ho iniziato ad avere pensieri invadenti che non sarebbero andati via, ha detto al Times. 'Tua figlia merita una mamma migliore e tuo marito merita una moglie migliore' - questo suonerebbe semplicemente a ripetizione. Poi, dopo essersi offerta volontaria per la prova del brexanolone, si è sentita subito meglio.


In realtà mi sono svegliata da un pisolino e quei pensieri invadenti che si ripetevano, erano spariti, ha detto e ha aggiunto, non ho intenzione di dire che ero al 100 percento, ma dirò che c'era molto meno spazio per arriva.

Sebbene il farmaco sia una svolta, sfortunatamente, le donne che vivono con un reddito fisso non saranno in grado di sperimentare i benefici di questo farmaco. Con un costo così alto per la somministrazione del farmaco, che richiede una degenza in ospedale, non è possibile che le donne a basso reddito possano ricevere questo tipo di trattamento.

Le donne di colore hanno una percentuale più alta di soffrire di depressione postpartum, che è 1 su 5. Secondo un rapporto del 2016, Il 38 per cento delle neomamme di colore mostrare i sintomi della depressione postpartum. Quel numero sbalorditivo mostra che sono quelli che hanno bisogno di questa svolta nel trattamento.