Le accuse di abusi della Chiesa cattolica sono ora arrivate per papa Francesco

Foto: Unplash/@ashwinv11


La crisi degli abusi sessuali da parte del clero nella Chiesa cattolica ha continuato a svilupparsi. Le ultime due settimane sono consistite in continui rapporti che denunciavano la negligenza della chiesa nell'affrontare le accuse di aggressione sessuale che sono state fatte contro i sacerdoti. Papa Francesco ha visitato l'Irlanda lo scorso fine settimana e ha chiesto numerose scuse per gli abusi avvenuti e per la cattiva gestione da parte della Chiesa. Ormai sembra che ci siano state accuse secondo cui papa Francesco sapeva da sempre.

Former top Vatican, Carlo Maria Viganò ha pubblicato una lettera domenica sostenendo che il papa aveva lavorato a fianco dei funzionari vaticani negli sforzi per coprire gli abusi della Chiesa . Ha scritto che il papa era a conoscenza di tutti gli abusi a cui l'ex cardinale di Washington, Theodore McCormick aveva partecipato per anni, e li aveva nascosti per tutto questo tempo. Ha invitato papa Francesco a dimettersi insieme al resto dei cardinali e dei vescovi che hanno coperto gli abusi di McCarrick.

Papa Francesco si rifiuta però di commentare la lettera di Viganò. Ma come risultato della lettera, c'è stata una mancanza di fiducia tra i membri della Chiesa vaticana e cattolica nei confronti del papa che molti ritengono abbia gestito male le accuse di abusi sessuali che si verificano nella chiesa da anni. Molti sospettano che questo abbia ora influito sulla sua credibilità in materia.


Lo sforzo del papa per riconquistare la fiducia dei cattolici irlandesi è in gran parte dovuto al fatto che molte di queste accuse provengono dall'Irlanda. Non sappiamo ancora se papa Francesco sia effettivamente colpevole di aver saputo e coperto gli abusi di McCarrick. Ma molti hanno trovato la sua risposta sulla difensiva e altri trovano sospetto che in realtà non l'abbia negato.

Non dirò una sola parola su questo , ha detto ai giornalisti. Credo che la dichiarazione parli da sola. E hai capacità giornalistiche sufficienti per trarre le tue conclusioni. È un atto di fiducia.

Nel mese di luglio, Papa Francesco ha accettato le dimissioni del cardinale Theodore McCormick, dopo che è stata annunciata l'accusa di aver abusato sessualmente di seminaristi adulti e minori per anni. Lo condannò a una vita di preghiera e di penitenza.

Mentre il papa ha compiuto alcuni passi verso la giustizia sociale come raggiungere e accogliere la comunità LGBTQ e difendere le donne che hanno abortito , ha parlato abbastanza e fatto abbastanza sulla crisi degli abusi del clero. In effetti, molte vittime di abusi sessuali che inizialmente lo hanno sostenuto hanno espresso il loro disappunto per questo.

Il modo in cui Papa Francesco sceglie di gestire la crisi degli abusi sessuali andando avanti non solo avrà un impatto sul modo in cui la Chiesa cattolica la affronta, ma avrà anche un grande impatto sulla sua reputazione e sulla fiducia o mancanza di fiducia che i fedeli cattolici avranno nei suoi confronti da questo giorno in poi.