Le donne in Messico chiedono uno sciopero nazionale per protestare contro i femminicidi

femminicidi-messico

Foto: Facebook/Figlie di sua madre Maquiladora


Gli omicidi di donne in Messico hanno fatto notizia ma, nonostante l'attenzione globale, il femminicidio nel paese continua a peggiorare. Di conseguenza, i messicani si stanno ora unendo per uno sciopero nazionale di 24 ore il 9 marzo 1.006 femminicidi nel 2019 secondo il governo messicano t, che è un aumento del 10 per cento rispetto all'anno precedente. Ma si ritiene che ci siano più omicidi che non vengono contabilizzati, secondo Maria Salguero , che mappa i femminicidi in Messico e ha scoperto che 3.825 donne sono state uccise l'anno scorso, racconta HipLatina . A gennaio 2020 Salguero ha già registrato 320 femminicidi. Questa violenza contro le donne, insieme alla disuguaglianza di genere e al machismo dilagante, è il motivo per cui le donne si stanno mobilitando per mostrare come sarebbe una giornata senza donne.

Tanti dei nostri slogan e motti - come 'La rivoluzione sarà femminista' o 'Il futuro è femminista' - hanno parlato di questo momento, Arussi Unda, portavoce di Le streghe del mare , un collettivo femminista di Veracruz, ha detto a New York Times. Esso sembra che il momento potrebbe essere già arrivato .

L'evento viene promosso con gli hashtag #DAYINO e # Un giorno senza donne . Secondo L'universale , le donne all'estero possono mostrare sostegno indossando il viola e protestare fuori dal consolato e dalle ambasciate messicane. Il movimento ha raccolto supporto internazionale così come in tutto il paese con molti capi di governo, imprese e scuole sostenendo la causa.


Il sindaco di Città del Messico Claudia Sheinbaum ha twittato che l'amministrazione è composta principalmente da donne e che stanno lavorando per sradicare la discriminazione e la disuguaglianza di genere. Mentre Laura Rojas, presidente della camera bassa del Congresso, ha garantito di autorizzare il pagamento per le donne San Lázaro di Città del Messico che partecipano allo sciopero in.

Solo questo mese due donne sono state brutalmente uccise, il che ha solo alimentato il movimento e i collettivi femministi locali per organizzare lo sciopero. Il 18 febbraio la personalità radiofonica Aracely Alcocer Carmona – conosciuta con il nome d'arte Bárbara Greco – è stata uccisa davanti alla casa dei suoi genitori a Juárez. Il Il 37enne ha lavorato come conduttore radiofonico su La Poderosa 107.5 FM e si concentrava principalmente sulla spiritualità, ma di recente aveva parlato di femminicidio, secondo Centrale EJ . Ingrid Escamilla era una residente di Città del Messico di 25 anni che è stata pugnalata, scuoiata e sventrata quando il suo corpo è stato scoperto il 9 febbraio e due giorni dopo, una bambina di 7 anni Fatima Cecilia Aldrighett è stata rapita dalla sua scuola a Città del Messico e poi scoperta avvolta in un sacchetto di plastica vicino a un cantiere edile appena fuori la capitale. L'omicidio dell'artista e attivista Isabel Cabanillas il 18 gennaio ha suscitato proteste e il collettivo femminista Hijas de su Maquilera Madre, di cui Cabanillas era membro, ha organizzato una manifestazione alla fine del mese.

Ora invece di occupare spazi pubblici, l'approccio per lo sciopero del 9 marzo è quello di far scioperare le donne rimanendo a casa dal lavoro e dagli spazi pubblici in Messico completamente come presa di posizione contro la violenza di genere, con lo slogan El nueve nadie se mueve. Ciò arriva dopo le proteste previste per l'8 marzo, Giornata internazionale della donna, dove centinaia di persone scenderanno in piazza.

Uniamoci a questa simbolica protesta, fermiamo le nostre attività per un solo giorno affinché r rendersi conto che stanno dimenticando il 52 per cento della popolazione , leggi l'invito all'azione.