Real Women Have Curves è diretto a Broadway

Le donne vere hanno curve

Foto: Foto: Bret Hartman / TED/Flickr


America Ferrera aveva solo 17 anni quando ha girato l'ormai iconico film Le donne vere hanno curve (2002) e la sensazione potente continua a risuonare con gli spettatori decenni dopo. Il film rivoluzionario ha fatto la storia nel 2019 quando è stato aggiunto al National Film Registry presso la Library of Congress e, di conseguenza, la regista Patricia Cardoso, colombiana, è diventata la prima latina ad essere inclusa nel registro. Ora si sta facendo strada sul Broadway sul palco come Barry e Fran Weissler, i produttori del musical di successo Cameriera — stanno lavorando su a musicale adattamento. Forbes segnalato ill'adattamento sarà diretto dal vincitore del Tony Award coreografo Sergio Trujillo che ha vinto un premio Tonya per il suo lavoro su Non è troppo orgoglioso sul gruppo Motown, The Temptations.La vittoria al Tony di Trujillo ha fatto la storia poiché è stato il primo Latinx a ricevere il Tony Award per la migliore coreografia. Inoltre, la musica e i testi per la produzione teatrale saranno creati dal duo messicano Jesse & Joy, vincitore di un Grammy, che di recente è uscito con Tanto con Luis Fonsi e Llórale A Tu Madre. La forte presenza di Latinx dietro le quinte è dovuta all'intenzione di Trujillo di raccontare storie latine, ha raccontato Forbes .

Che cosa Le donne vere hanno curve mi ricorda tutte le donne latine della mia vita … che hanno combattuto e lavorato così duramente nelle loro vite per farmi fare queste cose, ha aggiunto. Sentiva che le donne riflettevano sua madre che veniva dalla Colombia e lavorava come sarta e lavorava in una fabbrica come la mamma nel film e ha fatto i sacrifici, in modo che io possa avere la vita che ho avuto, ha continuato.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sergio Trujillo (@sergiotrujillo1)

Ilèbasato su un'opera teatrale del 1987 dell'ex drammaturga chicana Josefina Lopez e segue la storia di formazione di Ana, una ragazza messicano-americana di Los Angeles orientale che lotta con le aspettative riposte su di lei da sua madre, Carmen, e il suo desiderio di partecipare Università. Alcuni dei temi comuni del film ruotano attorno all'immagine corporea, alla comunità e alle dinamiche familiari, in particolare tra madri e figlie. La sua rappresentazione sfumata delle donne latine e di Los Angeles lo ha reso un film rivoluzionario soprattutto in termini di rappresentazione latina nel cinema.


Il film è un film di riferimento nel cinema Latinx in quanto è uno dei pochi film a sfondare la narrazione convenzionale mentre è incentrato su una comunità spesso esclusa dai media. Al momento della sua uscita non vedevamo quasi il livello di rappresentazione a Hollywood che vediamo ora e questo non vuol dire che vediamo molto oggi, ma sono stati fatti progressi. Le origini dello spettacolo derivano dal desiderio di Lopez di sentirsi visto e umanizzato dopo oltre un decennio di assenza di documenti, quindi vedere qualcosa che proveniva da un luogo così personale trasformato in un musical è monumentale per la nostra comunità.

Gli uomini scrivono i ruoli e dirigono i film [quindi ho dovuto] aderire a quegli standard; altrimenti, interpreterei sempre il personaggio secondario. Ho pensato, ok, se perdo peso, allora mi verrà detto dal casting di persone che dovrei cambiare il mio nome [in] un nome bianco, cambiare il colore dei miei capelli... se lo faccio, lo farò devo rinunciare a chi sono per fare l'attrice. Mi sono rifiutato di farlo. Il problema non è che lo sono illegale, messicano, classe operaia, o sovrappeso; il problema è la società, ha detto in precedenza Lopez Intrattenimento settimanale .

Non sono state fornite date per quando, secondo quanto riferito, farà il suo debutto a Broadway, ma se lo facesse, probabilmente entrerebbe nella storia come il primo Musical di Broadway con un regista Latinx , scrittore di libri, paroliere e compositore.

Articoli Interessanti