Il giudice stabilisce che il presidente Trump non può bandire i richiedenti asilo

Trump divieto di immigrazione

Foto: Unsplash/Biblioteca del Congresso


Il presidente Donald Trump non vuole che nessuno della carovana di migranti entri negli Stati Uniti, lo ha ampiamente chiarito. Che si tratti di affermare che c'è un'invasione o di inserire annunci commerciali razzisti, Trump non li vuole qui e basta. Ora un giudice gli sta dicendo che lui non può prevenire queste persone dal chiedere asilo perché questa è la legge.

Il 19 novembre, il giudice Jon S. Tigar del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California governato che il nuovo divieto di asilo dell'amministrazione Trump è stato temporaneamente bloccato. Ma torniamo indietro per un secondo. Originariamente, Trump aveva emesso un proclama detto questo, secondo CNN : grandi gruppi organizzati che stavano viaggiando attraverso il Messico e secondo quanto riferito intendono entrare negli Stati Uniti illegalmente o senza un'adeguata documentazione e chiedere asilo. Ha continuato dicendo che i richiedenti asilo potevano entrare solo in luoghi specifici e non solo in un altro al confine. Ma gli stranieri che entrano illegalmente negli Stati Uniti attraverso il confine meridionale in violazione di questa proclamazione non potranno beneficiare dell'asilo, ha scritto il presidente, secondo CNN . L'arrivo di un gran numero di stranieri contribuirà al sovraccarico del nostro sistema di immigrazione e asilo e al rilascio di migliaia di stranieri all'interno degli Stati Uniti, si legge nel proclama.

L'American Civil Liberties Union e il Southern Poverty Law Center hanno intentato una causa contro Trump e il giudice Tigar si è pronunciato a loro favore, affermando che la proclamazione di Trump è incostituzionale.

Qualunque sia la portata dell'autorità del Presidente, non può riscrivere le leggi sull'immigrazione per imporre una condizione che il Congresso ha espressamente vietato, ha scritto Tigar, secondo CNN .

L'avvocato dell'ACLU Lee Gelernt, che ha sostenuto il caso, detto dopo la sentenza : Questo divieto è illegale, metterà in pericolo la vita delle persone e lancia l'allarme sul disprezzo del presidente Trump per la separazione dei poteri. Non vi è alcun motivo giustificabile per negare categoricamente alle persone il diritto di richiedere asilo e non possiamo rimandarle in pericolo in base al modo in cui sono entrate. Il Congresso è stato chiaro su questo punto per decenni.

La prossima udienza su questo tema sarà il 19 dicembre.