By Erin Holloway

No, mio ​​figlio NON deve darti un abbraccio

Foto: Unsplash/@eyeforebony


Come latine, sono sicuro che abbiamo tutti affrontato l'assalto di baci e abbracci che piovono come uno tsunami ad ogni riunione di famiglia. Siamo stati educati per dare sempre Benedizioni ai nostri abuelos e agli anziani, e questo è sicuramente venuto con un sano aiuto di affetto fisico.

Bene, sono qui per dire: MIO FIGLIO NON DEVE DARE UN ABBRACCIO!

So che un sussulto collettivo probabilmente ha appena scosso la stanza, ma chiacchiere vere; non dovremmo costringere i nostri figli in situazioni che li mettono fisicamente a disagio. Ad esempio, mio ​​figlio è incredibilmente affettuoso con suo padre e me. Ma all'asilo non è solo quel bambino che corre sempre dagli insegnanti per abbracci e rassicurazione fisica. Preferisce ottenerlo da coloro che gli sono più vicini e da coloro con cui si sente più a suo agio. Certo, se cade o è triste e gli insegnanti offrono un abbraccio, si appoggerà per uno, ma è una sua scelta.

Capisco che tutti i tios, titis, primas e la famiglia allargata vogliono inondarlo di amore e affetto (soprattutto se non lo vedono da molto tempo) ma la realtà è che dà baci e abbracci quando è bravo e pronto e non credo sia giusto costringerlo a fare di più di quello con cui è a suo agio. Come ci si aspetta di crescere figli che comprendano appieno il significato del consenso, se fin da piccoli dimostriamo loro che non hanno autonomia sul proprio corpo?


La nozione di consenso può sembrare molto adulta e come qualcosa che non riguarda i bambini, dice la psicologa dello sviluppo delle Girl Scouts, la dott.ssa Andrea Bastiani Archibald, ma le lezioni che le ragazze imparano quando sono giovani su come stabilire limiti fisici e aspettarli essere rispettati dura una vita e può influenzare come si sente riguardo a se stessa e al suo corpo man mano che invecchia. Inoltre, purtroppo, sappiamo che alcuni adulti predano i bambini e insegnare a tua figlia il consenso all'inizio può aiutarla a comprendere i suoi diritti, sapere quando vengono superati i limiti e quando rivolgersi a te per chiedere aiuto.

I bambini attraversano molte fasi diverse, dalla fase super-appiccicosa in cui si rendono conto da bambini che, whoa - mamma e papà sono in realtà persone diverse da me - al momento in cui sviluppano la permanenza dell'oggetto e si rendono conto che solo perché sei in un stanza diversa o non possono vederti non significa che te ne sei andato per sempre. Non li costringeremmo ad accelerare attraverso nessuna di quelle normali fasi di sviluppo, quindi perché dovremmo costringerli a interazioni fisiche imbarazzanti che potrebbero contraddire direttamente la fase di sviluppo che stanno attraversando in questo momento?

Ci sono così tante ragioni per non forzare questo problema, dal cercare di evitare di insegnare a tuo figlio che non ha il controllo sul proprio corpo fisico, al sottintendere che il contatto fisico è l'unico modo per dimostrare affetto. Ma la cosa più insidiosa di tutte è che invia un messaggio che gli adulti possono toccare i bambini come vogliono, quando vogliono, indipendentemente dalle preferenze del bambino. E questo è seriamente pericoloso.

Tutti dovremmo proteggere e gioire della nostra autonomia corporea e dovremmo incoraggiare i nostri figli a fare lo stesso. Quando e se si sentiranno a loro agio con gli adulti in famiglia, potranno e cercheranno di mostrare loro amore nei modi in cui sanno come. Dobbiamo solo dare loro il tempo e lo spazio per capirlo e assicurarci che, come adulti, non lo prendiamo sul personale. In fondo stiamo parlando di bambini!

Articoli Interessanti