Obama affronta le sparatorie e ci ricorda di respingere il razzismo di Trump

Foto: Unsplash/@libraryofcongress


Nel sulla scia delle ultime sparatorie di massa nel nostro paese , è stato il nostro ex presidente, non quello attuale, a darci il sostegno e l'incoraggiamento di cui avevamo bisogno. Ieri l'ex presidente Barack Obama ha rilasciato a indirizzamento delle dichiarazioni le sparatorie a El Paso e Dayton e, cosa più importante, ci ha ricordato che non dovremmo mai normalizzare comportamenti e azioni razzisti o discriminatori che provengono dal presidente Donald Trump. E lo ha fatto senza mai fare il suo nome.

Dovremmo rifiutare fermamente il linguaggio che esce dalla bocca di uno qualsiasi dei nostri leader che alimenta un clima di paura e odio o normalizza i sentimenti razzisti; leader che demonizzano coloro che non ci assomigliano, o suggeriscono che altre persone, compresi gli immigrati, minaccino il nostro modo di vivere, o si riferiscono ad altre persone come subumane, o insinuano che l'America appartiene solo a un certo tipo di persone, Obama ha detto nella dichiarazione.

Continua dicendo che questo linguaggio odioso, sebbene non nuovo nella nostra storia americana, non dovrebbe avere posto nella nostra vita, per non parlare della politica. Ed è tempo che la stragrande maggioranza degli americani di buona volontà, di ogni razza, fede e partito politico, lo dica, in modo chiaro e inequivocabile.


Le sue parole toccanti sono clamorosamente diverse da quelle che Trump ha usato da prima della sua vittoria alle elezioni presidenziali. Mentre Trump ha chiesto l'unità nel suo discorso di ieri e ha aggiunto che in una sola voce, la nostra nazione deve condannare il razzismo, il fanatismo e la supremazia bianca, come altri hanno sottolineato, le sue parole sono vuoto e falso .

Come si può credere che Trump voglia l'unità e la fine del razzismo nel nostro paese se solo lui ha diffamato ogni comunità minoritaria della nazione? Un momento parla di unire il Paese e il poi sta ritwittando Fox & Friends che ha detto che gli ex presidenti non dovrebbero condannare l'attuale presidente. Trump è una contraddizione ambulante. Ma una cosa che rimane coerente è il suo odio per i non bianchi.

Ieri, il candidato alla presidenza Beto O'Rourke ha espresso la sua frustrazione per il fatto che i media mainstream continuino a respingere il comportamento di Trump. Quando un giornalista ha chiesto a O'Rourke ieri a El Paso se c'era qualcosa che Trump potesse fare per migliorare la situazione delle sparatorie di massa, ha risposto dicendo , Cosa pensi? Sai le cazzate che ha detto. Ha chiamato gli immigrati messicani stupratori e criminali. Non so, tipo, membri della stampa, che cazzo? Aspetta un secondo. Sai, io... sono queste domande a cui conosci le risposte.

Obama non era assolutamente perfetto. Dopotutto era conosciuto come il deportatore in capo. Ha anche avuto diverse sparatorie di massa sotto la sua sorveglianza, ma sappiamo che lui combattuto instancabilmente per il controllo delle armi. Sappiamo anche che Obama rimane un uomo di integrità e dignità, il che è palpabile. È quel tipo di leadership ammirevole di cui abbiamo disperatamente bisogno ancora una volta.

Articoli Interessanti