By Erin Holloway

Parliamo di moda: impatti ambientali dei tuoi vestiti

Foto: Unsplash/@sweetpagesco


Ho una confessione da fare. Non indosso la maggior parte dei vestiti che possiedo e non sono solo. La maggior parte di noi indossa solo il 20% dei vestiti nel nostro armadio e si stima che ognuno di noi butti via oltre 81 libbre di vestiti ogni anno. Sembra che siamo guidati dalla nostra ossessione culturale per il fast fashion, che si sforza di fornire un flusso continuo di prodotti freschi mentre ci invoglia a tornare con i nostri soldi più e più volte. Ci sono buone e cattive notizie quando si tratta dei vestiti che compriamo e indossiamo. Innanzitutto la buona notizia: la moda è diventata sempre più economica e sempre più disponibile. Ma ecco la cattiva notizia: il costo per il nostro ambiente e il tributo per gli esseri umani che realizzano i nostri vestiti continuano a crescere drammaticamente.

Sono rimasto scioccato nello scoprire che l'abbigliamento che indossiamo è responsabile di una delle industrie più inquinanti: le altre grandi cose sono l'industria dell'agricoltura animale e la produzione di petrolio. È un'industria sbalorditiva da 3 trilioni di dollari l'anno con una sete di profitti a tutti i costi sulle spalle dei suoi lavoratori umani. Passiamo in mezzo 4 e 5% del nostro reddito mensile comprare vestiti nuovi, anche se non ne abbiamo bisogno. La verità è che gli americani scaricano ogni anno nelle discariche più di 14 milioni di tonnellate di vestiti abbandonati.

Ogni decisione che prendiamo costruisce le fondamenta del nostro carattere. Perché acquistiamo vestiti a buon mercato quando siamo ben consapevoli dell'impatto ambientale e umano delle nostre decisioni di acquisto? UN studiare fuori dalla Finlandia suggerito che spesso facciamo cose che non sono in linea con i nostri valori a causa di un bisogno più profondo di status sociale, di costruire identità attraverso simboli e marchi di prodotti o desiderio di determinati stili di vita. Mettiamo il nostro bisogno di bellezza e status al di sopra della nostra convinzione che i lavoratori e l'ambiente abbiano bisogno di protezione. Sebbene possiamo conoscere l'impatto della produzione di abbigliamento sull'ambiente, il nostro comportamento non è sempre in linea con i nostri valori. Una volta che diventiamo consapevoli delle nostre scelte, abitudini e routine contraddittorie, possiamo apportare modifiche. Quindi, cosa puoi fare per aiutare a migliorare l'ambiente? Guarda semplicemente le scelte che fai quando acquisti e scarti i tuoi vestiti e renditi conto che puoi fare qualcosa di diverso.

Scegli capi di cotone biologico.


La quantità di pesticidi utilizzati per coltivare il cotone è di circa 3 a 1: per ogni libbra di cotone coltivato in modo convenzionale, è necessario utilizzare ⅓ di libbra di pesticidi. Potrebbe costare un po' di più, ma scegliendo indumenti in cotone biologico, puoi contribuire a ridurre la quantità di sostanze chimiche tossiche depositate nel nostro suolo, nonché i livelli imposti alle persone che coltivano i raccolti.

Non lasciarti ingannare dalla rivoluzione del bambù.

Il processo da fibra di bambù a tessuto è altamente tossico. Mentre il bambù come coltura è più ecologico del cotone o di altre fibre, richiede meno acqua, meno fertilizzanti e si rigenera dalle proprie radici, è essenzialmente lo stesso del rayon. Circa la metà dei rifiuti del processo produttivo finisce nell'ambiente. Se stai considerando l'abbigliamento in bambù, scegli i marchi realizzati con il pluripremiato bambù Lyocell, che utilizza un processo di produzione a ciclo chiuso che produce pochissimi sottoprodotti ed è completamente biodegradabile.

I tessuti riciclati, riciclati, in eccedenza e vintage sono i più sostenibili.

Cerca il tuo negozio dell'usato locale, negozio di spedizione o check out questo negozio di abbigliamento di seconda mano online . Meglio ancora, prova a scambiare i tuoi vestiti gratuitamente. Organizza una festa di scambio online o una festa a casa tua.

Sapere dove stanno andando i tuoi vecchi vestiti.

Prima di portare quella borsa di vestiti vecchi al tuo centro di consegna Goodwill locale, considera cosa succede ai vestiti una volta arrivati ​​​​a Goodwill. Donare vecchi vestiti a Goodwill non è sempre l'opzione migliore. Ci sono molte organizzazioni che possono fare buon uso dei vestiti che non indossi mai. Ad esempio, Vestiti per il successo fornisce alle donne un guardaroba professionale per aiutarle a trovare lavoro. Con una piccola ricerca, puoi trovare altre organizzazioni che mettono a frutto i tuoi amici indesiderati.

Qualità piuttosto che quantità.

Fai andare oltre i tuoi soldi scegliendo aziende che apprezzano la qualità e durano più a lungo. Ci sono molti marchi che forniscono prodotti straordinari e si impegnano a pagare in avanti, come calze per i senzatetto o scarpe che portano a un migliore accesso all'assistenza sanitaria. Acquista con coscienza e stai lontano dai marchi che dipendono da pratiche commerciali non etiche per mantenere bassi i loro prezzi. Inoltre, in generale, ottieni quello per cui paghi, quindi quei cardigan da $ 10 di H&M possono essere carini e facili da raccogliere, ma non manterranno il loro colore oltre pochi lavaggi. Un cardigan di fascia alta che ti costa $ 60 può sembrare un'indulgenza, ma potresti scoprire che lo indosserai ancora cinque anni dopo.

Unisciti al movimento Slow Fashion.


Coniato nel 2008 dalla consulente di design sostenibile Kate Fletcher, il movimento Slow Fashion incoraggia programmi di produzione più lenti, salari equi, impronte di carbonio inferiori e spreco minimo. Gli studi dimostrano che tendiamo a tenere i vestiti più a lungo di una stagione se c'è una connessione emotiva o culturale. Elizabeth Cline, autrice di Overdressed: il costo incredibilmente alto della moda economica Detto meglio, si tratta di riconnettersi con i nostri vestiti, piuttosto che vederli come tendenze veloci o articoli usa e getta. Scava un po' da solo e costruisci un guardaroba di cui innamorarti.

Ammettiamolo, è così semplice: possiamo cambiare il mondo diventando consumatori consapevoli ed educando (delicatamente!) coloro che ci circondano nel processo. Modificando il tuo comportamento di acquisto, puoi migliorare i tuoi profitti personali e allo stesso tempo avere un impatto positivo sull'ambiente e sugli esseri umani del mondo.